Sleepbuds II: la seconda volta è quella buona?

Sleepbuds II: la seconda volta è quella buona?

Livia Gamper
Zurigo, il 11.01.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Bose cerca di nuovo di aiutare gli insonni. È arrivata la seconda generazione degli Sleepbuds. È meglio della prima, ma ci sono comunque alcune critiche da fare.

Sleepbuds sono auricolari progettati per aiutare ad addormentarsi. Con i suoni rilassanti riprodotti dall'applicazione Bose, agli utenti viene più facile cadere in dolci sogni. Anche la seconda generazione, dall’aspetto quasi identica alla prima, non riproduce musica ma solo suoni rilassanti dall'app. Nonostante siano auricolari.

La prima versione è stata ritirata completamente dal mercato a causa di problemi alla batteria. Ho quindi provato la seconda versione per vedere se è migliore e se mi consente di addormentarmi più facilmente. Ho condizioni di prova perfette: davanti al mio appartamento c’è un cantiere dove si lavora anche di notte e convivo con una persona che russa.

Non è cancellazione del rumore, ma mascheramento

La cosa che mi sorprende quando inserisco gli Sleepbuds nelle orecchie, è che mi servono due grandezze di inserti diverse – nella consegna ne sono inclusi tre. Con l’inserto più grande nell'orecchio destro, gli Sleepbuds sigillano già abbastanza bene in modo passivo. Nell'orecchio sinistro questo inserto mi fa male, per cui uso quello medio. Con gli inserti piccoli, la cancellazione passiva del rumore è minore, ma almeno gli auricolari non mi fanno male.

Bose fornisce tre inserti di diverse dimensioni.
Bose fornisce tre inserti di diverse dimensioni.

Come per la prima generazione, lo specialista audio non integra la cancellazione del rumore negli Sleepbuds, ma piuttosto la cosiddetta «tecnologia di mascheramento del rumore» Bose. «Coprono» il rumore invece di ridurlo.

Questa tecnologia mi sembra funzionare piuttosto bene. Non sento più il russare quando imposto gli Sleepbuds a metà volume. Tuttavia, metà del volume è troppo alto per addormentarmi. Ricordo che la prima generazione di Sleepbuds era molto più silenziosa. Bose scrive che i suoni di mascheramento del rumore sono stati ottimizzati con un driver più potente. Sento meno i rumori prodotti dallo sfregamento sul cuscino. Nella prima versione, la superficie dei buds era tale da provocare suoni «graffianti» o fruscii al contatto con i cuscini. Questo aspetto è stato migliorato.

Naturalmente, se si abbassa il volume dei buds (nell'app la regolazione è continua e non suddivisa in livelli) si sente di più il rumore che impedisce di dormire. Sento il russare accanto a me con i buds a un quarto del volume, tanto che mi disturba. Anche i rumori del cantiere non vengono coperti a sufficienza. Se i suoni forti dell'app non ti disturbano nel sonno, maschereranno un bel po' di rumore con il volume a metà altezza. Trapelano solo suoni acuti come le sirene dei vigili del fuoco o il martello pneumatico, che viene azionato davanti al mio appartamento anche di notte.

La custodia è elegante e viene fornita con porta USB-C.
La custodia è elegante e viene fornita con porta USB-C.

Trovo che gli Sleepbuds siano comodi anche per lavorare – non per addormentarmi mentre lavoro, ma perché non sempre mi piace ascoltare musica e i rumori mi distraggono velocemente. Per lavorare, trovo piacevole anche un volume più alto, visto che la qualità del suono è comunque buona. Se i buds riproducessero anche la musica, non li toglierei più dalle orecchie.

I suoni disponibili

Nell’app Bose, alla voce «I miei suoni», è possibile scegliere tra dodici suoni: Onde, Calore statico, Fruscio, Sciabordio, Passeggiata sul lungomare, Posto finestrino, Tribordo, In partenza, Sogno dorato, Leggenda, Ode, Spirito vagabondo. Trovo un po' fastidioso che non ci sia una lista di suoni nella voce del menu, ma si può passare alla melodia successiva solo mandando avanti o indietro il suono in riproduzione. Inoltre, nel corso del tempo, tutti i suoni mi sembrano molto simili. Su questa pagina troverai un’anteprima dei suoni, circa a metà pagina.

A differenza della prima versione, ora puoi scaricare ulteriori suoni dalla libreria dell’applicazione. Nella libreria hai anche una migliore panoramica dei suoni, perché sono suddivisi nelle categorie mascheramento del rumore, tranquilities e naturescapes. Una volta selezionato un suono nella libreria, dovrai caricarlo sugli Sleepbuds. Ci vogliono solo pochi secondi e non servono più di due clic.

Così appare sull’app.
Così appare sull’app.

Secondo Bose, verranno aggiunti ulteriori suoni in seguito ad un aggiornamento. Della selezione attuale, il «suono del silenzio» mi ha convinto di più, perché è molto piacevole e ripetitivo. Mi piace anche il suono delle onde. Alcuni suoni mi danno fastidio, mi sembrano troppo metallici.

D'altra parte, trovo un po' un peccato che non ci sia modo di regolare il volume o il suono tramite gli Sleepbuds stessi. Se si vuole cambiare qualcosa, lo si deve per forza fare con lo smartphone – e non appena vedo il display illuminato del cellulare sono di nuovo sveglia e pimpante.

La modalità senza smartphone

Per contrastare questa situazione, Bose ha sviluppato la modalità indipendente dal telefono. In questa modalità, è possibile utilizzare gli Sleepbuds anche quando il telefono è spento o fuori dalla portata del Bluetooth. Questa modalità si attiva tramite le impostazioni. Una volta selezionata, gli Sleepbuds dovrebbero poi attivarsi non appena li si toglie dalla custodia. Questo però non ha sempre funzionato in modo affidabile per me: a volte i buds non davano segni di vita, nonostante la modalità fosse attiva. A parte questo la modalità è comoda, si può semplicemente predeterminare un suono, il volume e la durata di riproduzione che si desidera. Se poi vuoi cambiare il suono o regolare il volume, devi prima disattivare manualmente la modalità. Per fortuna, si fa in quattro e quattr’otto sulla schermata iniziale dell’app.

Così appare la modalità indipendente sull’app.
Così appare la modalità indipendente sull’app.

Il fatto che i buds stessi possano memorizzare i suoni ma non riprodurre la musica, d'altra parte, mi infastidisce nuovamente. Secondo Bose, gli Sleepbuds non possono riprodurre musica perché le batterie sono volutamente piccole. Ma forse è perché il produttore americano non vuole commercializzare questi aggeggi come lettori musicali – la qualità del suono è probabilmente troppo scarsa per questo, e sfavorevole per la reputazione di Bose come produttore di auricolari affermato.

Quando il telefono squilla, squillano anche gli Sleepbuds, ma non è possibile rispondere alla chiamata con i buds. Non è inoltre possibile collegare gli Sleepbuds direttamente sul telefono nel menu Bluetooth senza l'applicazione – a meno che tu non sia un hacker. Lo smartphone non trova i buds senza l'app.

Batteria più scarsa, ma meno problematica

A differenza della versione precedente, gli Sleepbuds dispongono ora di una minore durata della batteria. Una carica completa dei buds resiste circa dieci ore – se sei un dormiglione ne risentirai. Tuttavia, la custodia fornisce altre tre cariche complete. Bose giustifica la minore durata della batteria con il fatto che i buds siano così piccoli. Molti esemplari del modello precedente non si lasciavano caricare completamente o si spegnevano da soli. Incorporando una nuova tecnologia della batteria, Bose è riuscita a risolvere questo problema. I miei buds non hanno mai dato problemi.

A sinistra, versione 2.0; a destra, la prima versione degli Sleepbuds. Grazie ai tre perni, invece di due, è più facile riporre il modello nuovo nella custodia.
A sinistra, versione 2.0; a destra, la prima versione degli Sleepbuds. Grazie ai tre perni, invece di due, è più facile riporre il modello nuovo nella custodia.
I nuovi in alto, i vecchi in basso. Gli Sleepbuds 2.0 sono leggermente più grandi.
I nuovi in alto, i vecchi in basso. Gli Sleepbuds 2.0 sono leggermente più grandi.

In cambio, non è sempre affidabile l'indicatore dello stato di carica. A volte i buds mi dicono che ho ancora due livelli di carica su cinque, ma non si accendono perché la batteria è scarica. Tuttavia, con l'opzione di reset che Bose ha integrato nell'app, sono stata in grado di risolvere questo problema e l'indicatore della carica funziona correttamente.

Con i predecessori ho avuto spesso il problema che l'app non riusciva a trovare i buds. Soprattutto quando erano collegate altre cuffie Bluetooth, i buds erano molto difficili da collegare. Questo problema sembra essere stato risolto da Bose, non ho difficoltà a collegare i buds e quindi a mantenere la connessione.

Infine, qualcosa di positivo per tutti coloro che sudano molto nel sonno: i buds sono certificati IPX4, il che significa che sono impermeabili.

1557de2784161fa9d4c0a249d095eb08359deda32b0e9515da2439c2a4235deb

Conclusione: solo per pochi

«I Bose Sleepbuds™ II di nuova generazione sono molto più di un semplice upgrade: rappresentano un modo tutto nuovo di riscoprire il sonno», scrive Bose sul suo sito web. Bose ha migliorato molte cose, questo è vero, ma i buds non rappresentano un modo tutto nuovo di riscoprire il sonno.

I buds sono un investimento per le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi a causa dei rumori. Tuttavia, il problema può essere risolto facilmente e per una frazione del denaro con convenzionali tappi per le orecchie, se i rumori sono di breve durata. Pertanto, i buds sono adatti solo per coloro che sono costantemente esposti al rumore, o possono essere utili anche per chi soffre di acufene. Il rumore esterno viene coperto bene, ma a differenza dei tappi per le orecchie, non si ha quella schermatura completa che rende ancora più sensibili al rumore.

Tuttavia, rimango fedele alla conclusione che ho già tratto quando ho provato la prima versione degli Sleepbuds: potrebbero essere una figata, se non fossero così costosi – o se avessero più funzioni.

Se hai domande sugli Sleepbuds 2.0, lascia un commento qui sotto. Farò del mio meglio per rispondere.

A 57 persone piace questo articolo


Livia Gamper
Livia Gamper

Redaktorin, Zurigo

Le mie passioni: sperimentare e scoprire cose nuove. A volte qualcosa non va come dovrebbe andare o nel peggiore dei casi, qualcosa si rompe. Sono dipendente dalle serie tv, quindi non posso fare a meno di Netflix. D'estate mi trovate fuori, sotto il sole, al lago o a un festival musicale.

Audio + Home cinema

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli