Fotografia UV: esiste un modo più semplice?

David Lee
Zurigo, il 25.01.2022
Traduzione: Leandra Amato

Questa è la prima volta che fotografo con la luce nera – a casa mia, in una stanza tranquilla e, soprattutto, buia.

L'inverno è grigio. Ma io lo preferisco colorato. A volte anche troppo colorato.

Immagine: Shutterstock
Immagine: Shutterstock

Questo è un esempio di fotografia a luce nera. I colori sono innescati dagli ultravioletti. Mi piace! Voglio provarci anche io.

Prima di tutto, bisogna chiarire un equivoco, perché il termine fotografia UV è ambiguo. In un tipo di fotografia UV, la luce UV viene ripresa direttamente. Poiché l'ultravioletto è invisibile agli esseri umani e alle fotocamere, sono necessarie apparecchiature speciali. Al momento, questo per me è fuori discussione.

La fotografia a luce nera è più facile perché funziona con una normale macchina fotografica. Non è l'ultravioletto che viene fotografato, bensì i riflessi innescati dalla luce UV. Questi riflessi sono visibili all'uomo e alla macchina fotografica perché la lunghezza d'onda si sposta dalla gamma UV invisibile alla gamma dei colori visibili. Una superficie che si comporta in questo modo è chiamata fluorescente.

Questo richiede una lampada speciale che emette solo o quasi luce UV. Altrimenti, la luce normale maschererebbe l'effetto UV.

Serve anche una stanza che sia molto, molto buia. E, ultimo ma non meno importante, superfici fluorescenti.

Quindi non è così semplice, dopo tutto. E nemmeno usuale. Voglio quindi fare la mia prima esperienza con mezzi minimi. Non aspettarti immagini come quella mostrata sopra. Inizierò modestamente.

La sorgente UV

Le sorgenti UV sono disponibili come torce LED, lampadine o anche faretti per il palco. Leggendo le recensioni degli utenti ho l'impressione che le torce siano troppo deboli. Il mio primo tentativo inizia quindi con una lampadina E27.

BeamZ Lampada UV BUV27B (Lampade fluorescenti)
Fari
17.20

BeamZ Lampada UV BUV27B

Lampade fluorescenti

4

Secondo il produttore, irradia nella gamma da 320 a 400 nm. Questo è il cosiddetto UV-A, cioè la parte dell'ultravioletto che è più vicina alla luce visibile. Anche se gli UV-A non causano scottature, sono comunque tutt'altro che salutari per gli occhi e la pelle. Pertanto, quando la lampada UV è accesa, indosso occhiali da sole che coprono anche i lati.

Scena del crimine: ripostiglio

Il mio appartamento ha un piccolo ripostiglio senza finestre. È perfetto: basta infatti chiudere la porta. Inoltre, la stanza ha la presa della lampadina necessaria e facilmente accessibile sopra la porta.

Quando la lampada viene accesa per la prima volta, mostra che è abbastanza forte per le dimensioni ridotte della stanza. Alcuni oggetti brillano di blu-violetto: carta bianca, cartone e tessuto chiaro. Ma non tutto ciò che è bianco brilla. Le pareti non brillano, né la plastica o la porcellana. Anche la carta da giornale grigia rimane scura.

Gli agenti sbiancanti, chiamati anche sbiancanti ottici o agenti fluorescenti, si trovano sia nella carta che nei tessuti chiari. Sono questi sbiancanti che fanno brillare il materiale.

Non è particolarmente spettacolare, perché tutto brilla nella stessa tonalità. A occhio nudo lo percepisco come viola, ma nelle foto appare più blu. Potrei correggerlo, ma preferisco il blu.

Fluorescenza naturale

Per ora, non ho comprato nessun materiale UV speciale. Ci sono anche sostanze in natura che diventano fluorescenti. Tuttavia, sono poche e a volte difficili da trovare. I rami di ippocastano dovrebbero essere fluorescenti, ma in gennaio sono meno disponibili delle schede grafiche. I minerali brillano solo con le onde UV più corte, non succede niente neanche con il muschio e i licheni. E le bellissime foto di funghi incandescenti e colorati che trovo in rete sembrano più psichedeliche che fluorescenti. Con mia grande delusione, i miei funghi del supermercato non sono nessuno dei due.

Il latte è solo scarsamente fluorescente e in un colore poco appetibile. Almeno ho finalmente un colore luminoso diverso dal viola.

Colori luminosi artificiali

Quindi il miglior soggetto finora rimane la lampada stessa. Ma anche questo è noioso in termini di colore.

Le parti fluorescenti sono incorporate nelle banconote. È una delle tante caratteristiche che distinguono le banconote autentiche da quelle contraffatte. Ecco una banconota da 50 franchi alla luce UV. Devo tenerla abbastanza vicino alla lampada per rendere visibile l'effetto.

Anche i segni luminosi a matita sulla carta brillano. Questo mi dà l'idea di cercare colori simili in casa. Infatti, trovo una scatola di plastica che brilla molto forte e in un colore che si sposa bene con lo sfondo viola scuro.

Preparazione per l'episodio 2

Devo trarre una conclusione: senza colori UV speciali, non c'è molto da guadagnare dalla fotografia a luce nera. Gennaio non è più freddo e grigio, ma freddo e blu. La lampada da 25 watt è abbastanza forte per distanze fino a due metri, ma ho bisogno di tessuti altamente riflettenti. Preferibilmente in molti colori diversi.

I negozi specializzati hanno tutto: smalto UV, mascara UV, pittura per il corpo UV, corone hawaiane UV... questa roba è già in attesa di una sessione in studio quando ci sarà di nuovo l'opportunità per incontrarsi dal vivo.

A 49 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo. 


Foto e video
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader