RetroscenaAudio

Ognuno sente in modo diverso: cuscinetti auricolari, occhiali e forma del cranio

David Lee
Zurigo, il 09.08.2022
Traduzione: Leandra Amato

È possibile utilizzare dispositivi speciali per misurare la risposta in frequenza delle cuffie. Ma può essere utilizzata per dire oggettivamente come suonano un paio di cuffie? Non proprio, perché numerosi fattori possono influenzare i risultati.

Di recente ho ricevuto il dispositivo di misurazione MiniDSP Ears, che consente di misurare la risposta in frequenza di un paio di cuffie. Questo indica, per ogni frequenza udibile, quanto è alto il livello sonoro, consentendo di trarre conclusioni sull'immagine sonora. Ad esempio, se le cuffie A hanno una curva di frequenza a forma di U e le cuffie B hanno una linea più o meno orizzontale, si può dire che le cuffie A enfatizzano maggiormente i bassi e gli alti e trascurano i medi.

Tutto questo è molto semplificato. L'esatta interpretazione di tali grafici è un argomento a sé stante, che non affronterò in questo articolo.

Il mio primo tentativo con le Beyerdynamic DT 770 Pro fornisce un risultato che mi fa riflettere. Il canale sinistro è molto più forte nella gamma dei bassi rispetto al canale destro. Alla frequenza minima misurata di 20 Hz, la differenza è di oltre 10 decibel.

Ho fatto qualcosa di sbagliato? Nel manuale d'uso dello strumento si legge che le differenze nella gamma dei bassi sono normali per questo tipo di misurazioni. Questo perché le cuffie non vengono mai montate esattamente allo stesso modo due volte. A volte il driver delle cuffie è un millimetro in più in questa o quella direzione e la pressione dei cuscinetti non è sempre la stessa. Sigillano il suono meglio o peggio, a seconda della situazione.

Per le misure, si consiglia di misurare ogni canale cinque volte e di prendere la media. Il grafico seguente mostra le singole misure. Ho rimesso le cuffie dopo ogni seconda misurazione – una volta a sinistra, una volta a destra – ma con più attenzione rispetto al primo tentativo. Di conseguenza, le differenze non sono più così estreme.

Anche nella vita di tutti i giorni, non sempre mettiamo le cuffie nello stesso modo o in modo simmetrico. Da questo punto di vista, ha senso prendere un valore medio di diverse misure. Tuttavia, ci sono molti altri fattori che influenzano il suono.

Occhiali e over-ear

Chiunque indossi cuffie over-ear sopra gli occhiali lo sa bene: l'asta impedisce una tenuta totale e le cuffie hanno un suono diverso. Ciò si riflette chiaramente anche nella risposta in frequenza. Qui ho misurato le stesse cuffie più volte con gli occhiali. La differenza rispetto alla media senza occhiali è evidente.

Se si portano gli occhiali, è sufficiente evitare le cuffie over-ear e utilizzare invece le in-ear. Altrimenti meglio scegliere un modello di cuffie con bassi pesanti, in quanto si perde parte dell'effetto dei bassi. Tuttavia, dipende molto dalle cuffie e dagli occhiali.

Le cuffie con un design aperto sono interessanti in questo caso. Questi modelli devono essere in grado di gestire una quantità sufficiente di bassi senza essere completamente sigillati. Pertanto, il volume dei bassi varia meno.

Ecco le mie cinque misurazioni per le Beyerdynamic DT 990 Pro. Si tratta di cuffie aperte. Per il resto, sono molto simili alle DT 770 Pro chiuse. Si può notare che le singole misure sono molto più vicine tra loro rispetto alle DT 770 Pro.

undefined
undefined
undefined

Anatomia individuale

La tenuta di un cuscinetto auricolare dipende anche dalla testa di ogni individuo, sia per la forma del cranio che per l'acconciatura o la crescita della barba. In questo caso, la media di più misure non è utile.

Esistono inoltre grandi differenze individuali nella forma e nelle dimensioni delle orecchie e del canale uditivo. Non influiscono sui bassi, bensì sulle alte frequenze. Secondo una teoria, il nostro cervello compensa queste differenze individuali perché sono costanti nella nostra vita. La percezione delle frequenze più alte sarebbe quindi simile anche in persone con grandi differenze anatomiche. Ma questo è difficilmente misurabile e dimostrabile. Il portale di test rtings.com va sul sicuro e quindi misura la risposta in frequenza non solo con il dispositivo di misurazione, ma anche su diverse persone.

Poiché anche i dispositivi di misurazione sono costruiti in modo diverso, possono essere confrontati tra loro solo in misura limitata. Il problema diventa particolarmente grave quando l'orecchio in silicone della testa di misurazione è troppo grande per le cuffie. In questo caso, le cuffie non possono essere montate in modo tale da consentire una misurazione realistica.

Nuovi cuscinetti auricolari

I cuscinetti della maggior parte delle cuffie possono essere sostituiti e questo può portare a cambiamenti evidenti nel suono. I cuscinetti vecchi e rotti hanno naturalmente una tenuta minore rispetto a quelli nuovi. Ma spesso i cuscinetti di ricambio sono diversi. Sulle mie Sennheiser Momentum 2 hanno una forma diversa rispetto ai pad originali: diventano più larghi nella parte inferiore. In questo modo si chiudono meglio, almeno sulla mia testa, con un corrispondente aumento dei bassi.

Classificare correttamente le misure

Con tutti i «se» e i «ma», la domanda sorge spontanea: le misurazioni delle cuffie, possibili con i miniDSP Ears, servono a qualcosa? Credo di sì. In questo modo è possibile confrontare modelli diversi in condizioni quasi identiche, nonché determinare se un modello tende a enfatizzare le frequenze basse, medie o alte. Anche se la risposta in frequenza sarebbe leggermente diversa sulla tua testa. La dispersione delle singole misure mostra anche quanto si possa fare affidamento sul risultato medio. Ad esempio, con le DT 990 Pro si può contare di più sui risultati di misura rispetto alle DT 770 Pro.

Quindi le misure non sono inutili, ma non sono da considerare verità assolute. È importante classificarle correttamente. Ecco perché ho scritto questo articolo. Farò riferimento a questo nelle misurazioni future.

A 9 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo. 


Audio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader