Playstation Portal alla prova: gadget inutile o accessorio essenziale per PS5?
Test del prodotto

Playstation Portal alla prova: gadget inutile o accessorio essenziale per PS5?

Traduzione: Leandra Amato

Con Playstation Portal è possibile trasmettere i giochi della PS5 in formato portatile. Nonostante il mio scetticismo iniziale, il dispositivo mi ha convinto nel test. Ma ci sono alcune grandi sorprese.

A più di dieci anni dal lancio della Playstation Vita, Sony lancia una nuova console portatile: Playstation Portal. A differenza di Vita, però, non è stato progettato come dispositivo autonomo, ma solo come accessorio per Playstation 5. Con l'hardware mobile, è possibile eseguire lo streaming dei giochi della PS5 e goderseli indipendentemente dal televisore anche in viaggio.

Ho provato il lettore remoto intensamente per oltre una settimana. Sono uno degli scettici dello streaming e finora mi sono tenuto lontano dalla funzione «Remote Play» di Sony. Con le precedenti soluzioni tramite app per dispositivi mobili o PC, lo streaming dei giochi Playstation era semplicemente troppo scomodo per me. Il Playstation Portal mi ha trasformato da scettico dello streaming a fan sfegatato. Ma la console portatile ha molto margine di miglioramento.

Cosa può fare il Playstation Portal?

Il Playstation Portal è un dispositivo di «Remote Play» puro che si presenta come un controller DualSense allungato con un display da 8 pollici. Uso il lettore per trasmettere i miei giochi a una risoluzione di 1080p e 60 fotogrammi al secondo dalla mia PS5, che deve essere accesa o in modalità riposo.

Secondo Sony, i risultati migliori si ottengono quando la PS5 è collegata al router via cavo e io sono sulla stessa rete del Playstation Portal via WiFi. Ma posso anche trasmettere i contenuti della PS5 al mio lettore al di fuori delle mie quattro mura tramite una connessione a Internet. Ad esempio, con un hotspot mobile o collegato a una rete WiFi pubblica. Con quest'ultima opzione, tuttavia, devo fare i conti con notevoli restrizioni.

Uso Playstation Portal per giocare ai miei giochi per PS5 sul piccolo schermo. Ecco, ad esempio, «Horizon Forbidden West».
Uso Playstation Portal per giocare ai miei giochi per PS5 sul piccolo schermo. Ecco, ad esempio, «Horizon Forbidden West».
Fonte: Domagoj Belancic

Cosa non può fare il Playstation Portal?

Per molte reti WiFi pubbliche, devo prima registrarmi su un sito web per poter accedere a Internet. Il Playstation Portal non dispone attualmente di un browser web con il quale sarebbe possibile accedere a una rete WiFi pubblica. Ciò significa che nella maggior parte degli hotel, dei bar o di altre strutture pubbliche, non posso giocare con il mio Playstation Portal via WiFi. Che fastidio.

Quando cerco di registrarmi al WiFi di Starbucks, mi trovo di fronte a un messaggio di errore.
Quando cerco di registrarmi al WiFi di Starbucks, mi trovo di fronte a un messaggio di errore.
Fonte: Domagoj Belancic

Né i giochi né altre applicazioni funzionano in modo nativo sul Playstation Portal. Il dispositivo non può nemmeno eseguire lo streaming di giochi dal cloud: tutto deve essere eseguito tramite la PS5. È un vero peccato. Lo streaming diretto dal cloud amplierebbe enormemente la gamma di funzioni del dispositivo. Sony ha lasciato intendere in un'intervista che il cloud gaming potrebbe essere aggiunto in futuro con un aggiornamento del software. Tuttavia, questa affermazione vaga non è una garanzia.

Non riesco a trasmettere contenuti multimediali nemmeno con il Playstation Portal. Se apro un'applicazione multimediale sulla PS5 tramite il portale, ad esempio YouTube, mi trovo di fronte a un messaggio di errore. Non esiste un app store o qualcosa di simile, pertanto non è possibile scaricare applicazioni multimediali per lo streaming di contenuti direttamente sul palmare.

I contenuti multimediali e i giochi cloud non possono essere riprodotti sul Playstation Portal.
I contenuti multimediali e i giochi cloud non possono essere riprodotti sul Playstation Portal.
Fonte: Domagoj Belancic

Il Playstation Portal non supporta il Bluetooth. Di conseguenza, le cuffie Bluetooth senza fili non funzionano con il dispositivo. Il motivo ufficiale addotto da Sony è il notevole ritardo nelle connessioni audio Bluetooth. In alternativa, mi rimane la connessione cablata tramite il jack per cuffie. La mancanza di funzionalità Bluetooth è particolarmente fastidiosa quando voglio usare il dispositivo in viaggio. Non voglio portarmi dietro altre cuffie e avere a che fare con un inutile ingombro di cavi quando sono in giro.

Se non voglio usare le cuffie con cavo, sono costretto ad affidarmi alle alternative di Sony. L'anno prossimo, l'azienda rilascerà le cuffie in-ear Pulse Explore Wireless e Pulse Elite Wireless Headset. Entrambi i modelli possono essere collegati in modalità wireless al Playstation Portal tramite il sistema proprietario «Playstation Link». Questo dovrebbe consentire una connessione senza ritardi e della massima qualità. Tutto ciò va bene, ma mi sarebbe piaciuto poter decidere da solo se convivere o meno con una connessione Bluetooth «scadente».

Design ed ergonomia: una piacevole sorpresa

Il Playstation Portal ha l'aspetto di un controller DualSense spezzato a metà e con in mezzo un tablet. Non riesco a capire il design. Tuttavia, i miei colleghi e colleghe di redazione hanno descritto il dispositivo come «sexy» e «chic». Questione di gusti.

Il Playstation Portal a confronto con un controller DualSense e la Switch.
Il Playstation Portal a confronto con un controller DualSense e la Switch.
Fonte: Domagoj Belancic

Questo strano design ha un grande vantaggio: la console per lo streaming sta benissimo tra le mani. Rispetto ad altre console portatili, posso tenere il Playstation Portal davvero bene grazie alle due impugnature del controller. Grazie alla distanza tra il display e le impugnature, tengo la console come un normale gamepad. Questo rende il Playstation Portal di gran lunga superiore ai miei altri dispositivi portatili, Steam Deck e Nintendo Switch.

La console si adatta perfettamente alla mano.
La console si adatta perfettamente alla mano.
Fonte: Domagoj Belancic

Rispetto ai controller DualSense, Sony ha installato nella console portatile degli stick analogici leggermente più piccoli. Tuttavia, questo aspetto è difficilmente percepibile durante il gioco. Per il resto, il Playstation Portal offre tutte le caratteristiche che mi aspetto dai controller della PS5: controllo del movimento, eccellente feedback aptico, microfono e trigger adattivi. Il touchpad DualSense viene simulato utilizzando touchpad virtuali sui bordi destro e sinistro dello schermo.

Quando tocco il display, appaiono dei touchpad virtuali a sinistra e a destra.
Quando tocco il display, appaiono dei touchpad virtuali a sinistra e a destra.
Fonte: Domagoj Belancic

La qualità della lavorazione del Playstation Portal è molto buona. Anche quando si ruota il dispositivo in direzioni opposte, il lettore non cede e non si sente alcuno scricchiolio. L'unica cosa che mi preoccupa è la metà inferiore del display, che «galleggia» per qualche centimetro in aria senza alcun supporto.

La porta di ricarica USB-C e la presa per le cuffie sono posizionate in modo un po' scomodo sul retro del dispositivo, sotto il coperchio bianco. Collegare e scollegare il cavo di ricarica e le cuffie è talvolta un po' complicato a causa del posizionamento nascosto.

La porta USB-C e il jack per cuffie sono ben nascosti.
La porta USB-C e il jack per cuffie sono ben nascosti.
Fonte: Domagoj Belancic

Display, altoparlante e batteria: potrebbero essere migliori

Lo schermo del Playstation Portal è da 8 pollici con una risoluzione di 1080p – per me una dimensione e una risoluzione perfette per un dispositivo di questo tipo. La frequenza di aggiornamento è di 60 FPS. La luminosità dello schermo è soddisfacente. In ambienti più luminosi e alla luce diretta del sole, avrei preferito qualche nit in più. È un peccato che il dispositivo abbia solo uno schermo LCD anziché uno OLED. Anche questo è in grado di visualizzare colori ricchi, ma non è all'altezza dei colori brillanti e dei livelli di nero profondo dell'OLED della mia Switch.

La Nintendo Switch offre un'immagine complessivamente più colorata e ad alto contrasto. Ma il Playstation Portal va piuttosto bene. Qui a confronto: il coloratissimo gioco indie «A Short Hike».
La Nintendo Switch offre un'immagine complessivamente più colorata e ad alto contrasto. Ma il Playstation Portal va piuttosto bene. Qui a confronto: il coloratissimo gioco indie «A Short Hike».
Fonte: Domagoj Belancic

Alla prova, ho notato che lo schermo del portale in «Astro's Playroom» visualizza alcuni colori in modo completamente diverso da come appaiono sul mio televisore. Nell'esempio seguente, i ventilatori giganti sono blu sul televisore e rosa sul Portal. Sospetto che questa anomalia abbia a che fare con le impostazioni HDR della PS5. Rispetto al mio televisore, lo schermo del Portal non supporta la riproduzione HDR. Non ho mai notato deviazioni di colore così strane in altri giochi prima d'ora.

I colori delle pale del rotore sono completamente diversi su Playstation Portal. Strano.
I colori delle pale del rotore sono completamente diversi su Playstation Portal. Strano.
Fonte: Domagoj Belancic

Sono deluso dagli altoparlanti. Non sono sufficientemente rumorosi e hanno un suono metallico quando sono a tutto volume. Inoltre, sono piuttosto scarsi in situazioni in cui il rumore di fondo è costante e forte. Camminare per le rumorose strade di Osaka in «Like a Dragon Gaiden» ha un suono sgradevole al massimo volume. Inoltre, il dispositivo non è in grado di gestire una partita di «EA Sports FC 24» con cori e applausi dei tifosi. Un vero peccato. Se Sony mi rende la vita così difficile nella scelta delle cuffie, avrei voluto un livello di qualità superiore per gli altoparlanti.

Anche le prestazioni della batteria sono deludenti. Secondo Sony, il Playstation Portal dovrebbe avere una potenza pari a quella di un normale controller DualSense – quindi circa tre-cinque ore. Questo è coerente con la mia esperienza personale. Non credo che sia sufficiente per un lettore remoto puramente destinato allo streaming.

Quanta energia mi rimane? L'indicatore della batteria del dispositivo è piuttosto impreciso, con solo tre barre.
Quanta energia mi rimane? L'indicatore della batteria del dispositivo è piuttosto impreciso, con solo tre barre.
Fonte: Domagoj Belancic

Come funziona lo streaming a casa?

Ho installato una Internet-Box 3 di Swisscom nel mio appartamento di 3,5 locali di 90 metri quadrati, senza ulteriori access point o ripetitori WiFi. La velocità del mio abbonamento a Internet (10 Gbit/s download/upload) è irrilevante per l'uso domestico perché il Portal si collega direttamente alla PS5 tramite la rete domestica.

A casa, lo streaming di contenuti PS5 funziona sorprendentemente bene. Quando la PS5 è in modalità riposo, ci vogliono circa 20 secondi prima che la console si accenda e io possa giocare con il palmare. Se la PS5 è già in funzione, ci vogliono solo pochi secondi per stabilire la connessione. Una volta stabilita, posso giocare in tutte le stanze del mio appartamento senza problemi o disconnessioni, anche quando altri dispositivi accedono al WiFi. Di tanto in tanto si verificano microscatti o brevi interruzioni del suono. Gli artefatti di streaming sono visibili anche nelle scene visivamente movimentate. Tuttavia, questi piccoli difetti non mi preoccupano nell'uso quotidiano. Anche perché sono meno evidenti sul piccolo schermo.

Una volta stabilita la connessione, sullo schermo si apre un portale rotondo che mi permette di accedere ai contenuti della PS5.
Una volta stabilita la connessione, sullo schermo si apre un portale rotondo che mi permette di accedere ai contenuti della PS5.
Fonte: Domagoj Belancic

Sento l'input lag più o meno a seconda del gioco e della situazione al suo interno. Dopo un breve periodo di familiarizzazione, posso facilmente ignorare il ritardo tra la pressione dei tasti e la risposta nel gioco, soprattutto nei giochi single player incentrati sulla storia.

Nonostante un po' di lag, è divertente combattere contro orde di scagnozzi di Yakuza con la console portatile in «Like a Dragon Gaiden», o dondolarsi tra i canyon urbani virtuali di New York in «Spider-Man 2». In alcune situazioni in cui sono necessarie reazioni fulminee, l'input lag mi rende la vita un po' più difficile. Ma è un prezzo relativamente basso da pagare per la flessibilità che mi offre il dispositivo. Con il Playstation Portal, posso giocare ad «Alan Wake» comodamente a letto prima di andare a dormire. O sparare per le strade di Dogtown in «Cyberpunk 2077: Phantom Liberty» mentre la mia ragazza guarda la TV spazzatura. Oppure giocare a «Baldur's Gate III» sul balcone. È bello e divertente. Posso godermi la mia PS5 in situazioni in cui prima non potevo giocarci.

Il Playstation Portal brilla soprattutto nei giochi per giocatore singolo, dove la precisione e la velocità non sono eccessivamente importanti. Qui nell'immagine: «Spider-Man 2».
Il Playstation Portal brilla soprattutto nei giochi per giocatore singolo, dove la precisione e la velocità non sono eccessivamente importanti. Qui nell'immagine: «Spider-Man 2».
Fonte: Domagoj Belancic

Per darti un'idea dell'input lag, ho fatto saltare il simpatico robot di «Astro's Playroom» in una video di prova. Sullo sfondo si vede il mio televisore con la PS5 collegata. Ho registrato il video con il mio Galaxy S23 Ultra e la funzione slow motion a 240 FPS.

Ho anche eseguito il timer in «Gran Turismo 7» per visualizzare il ritardo nel tempo misurato. La differenza tra le due misure temporali è solitamente inferiore a un decimo di secondo. È importante sottolineare che si tratta di risultati ottenuti dalla mia rete domestica. A seconda del router che hai in casa, della potenza del tuo WiFi e di come colleghi la PS5 alla rete, potresti ottenere risultati diversi da quelli che ho ottenuto io.

Mi diverto meno con il Playstation Portal nelle partite competitive. Se giochi principalmente a giochi multiplayer online, il Playstation Portal non è il dispositivo giusto per te. In «EA Sports FC 24», il mio avversario è sempre un passo avanti a me perché non riesco a temporizzare i tackle con precisione. In «Apex Legends» devo abbassare la sensibilità della mira per percepire meno il lag. Ma non tutti i giochi multiplayer sono vietati sul Portal. «Rocket League», ad esempio, funziona sorprendentemente bene: di solito non sono necessari movimenti ultra-precisi o ultra-veloci per giocare in modo ragionevole.

Quanto funziona bene lo streaming in viaggio?

Fuori casa, ho provato il Playstation Portal in tre scenari: in ufficio, in treno e nei bar. Se utilizzo il lettore remoto per lo streaming al di fuori della rete domestica, Sony raccomanda una velocità minima di 5 Mbps. Per un'«esperienza di gioco ottimale», la velocità di connessione a Internet dovrebbe essere di 15 Mbps. Sia quando si carica il flusso dalla PS5 che quando lo si scarica sul portale.

In ufficio non riesco a connettermi al WiFi con il mio palmare. La connessione alla mia PS5 non funziona. Mi collego quindi a un hotspot 5G. L'attivazione della mia PS5 richiede molto più tempo che a casa. Avvio «Like a Dragon Gaiden» e vengo accolto da enormi artefatti di streaming, balbuzie, grandi perdite di audio e un notevole lag. Non è divertente così. Uno sguardo al mio smartphone lo dimostra: ho una buona ricezione (tre tacche su quattro). Interrompo il test.

Non riesco a stabilire una connessione accettabile in ufficio.
Non riesco a stabilire una connessione accettabile in ufficio.
Fonte: Domagoj Belancic

Provo il dispositivo anche durante i miei spostamenti tra Berna e Zurigo. Come previsto, una connessione stabile sul treno è impossibile. Soprattutto nelle ore di punta, quando decine di altri hotspot sono in funzione sul treno. Tuttavia, buono a sapersi: se la connessione cade mentre sto giocando, non si perdono i dati di gioco. La PS5 continua a funzionare a casa e passa automaticamente alla modalità riposo se rimane inattiva per un periodo di tempo prolungato.

Ultimo ma non meno importante, testo il mio Playstation Portal in uno Starbucks. Come spiegato sopra, non posso collegarmi alla rete WiFi perché il Playstation Portal non dispone di un browser web. Non voglio preoccuparmi di soluzioni complicate, come quelle descritte in questo thread di Reddit. Quindi torno al mio hotspot 5G. Ed ecco che lo streaming funziona molto meglio che in ufficio. Ho una ricezione completa e i circa cinque hotspot attivi degli altri ospiti non sembrano disturbarmi più di tanto.

Naturalmente, l'input lag è significativamente maggiore che a casa. A intervalli irregolari, la qualità del flusso si abbassa per un breve periodo. Ma funziona. Ma non voglio giocare a giochi come «Like a Dragon Gaiden» o «Spider-Man 2» in questo modo. Tuttavia, posso immaginare giochi di avventura, puzzle game, RPG a turni o giochi di strategia in questo scenario.

Con un hotspot 5G, lo streaming nel bar funziona ragionevolmente bene.
Con un hotspot 5G, lo streaming nel bar funziona ragionevolmente bene.
Fonte: Domagoj Belancic

Confronto con app remote per Android e iOS

La funzione «Remote Play» non è una novità nell'universo Playstation. Sin dalla PS3, la piattaforma di Sony ha offerto la possibilità di trasmettere i contenuti della console ad altri dispositivi. Attualmente è possibile trasmettere i contenuti della PS5 a PC, dispositivi Android e iOS tramite l'applicazione «Remote Play». Nel test, esamino le soluzioni app per il mio Galaxy S23 Ultra e il mio iPad per confrontare le prestazioni con il Playstation Portal.

In pratica, le app e il Playstation Portal hanno le stesse prestazioni a casa mia. Stabilire una connessione tramite l'app è persino un po' più veloce sul telefono Galaxy e sull'iPad. Tuttavia, la qualità della connessione oscilla maggiormente rispetto al Playstation Portal. L'input lag è identico. Un bel vantaggio però rispetto all'hardware di Sony: posso utilizzare anche le cuffie Bluetooth per giocare.

Il Backbone One sembra un giocattolo per bambini a buon mercato rispetto al Playstation Portal.
Il Backbone One sembra un giocattolo per bambini a buon mercato rispetto al Playstation Portal.
Fonte: Domagoj Belancic

Tecnicamente, il tutto funziona più o meno come sulla nuova console portatile di Sony. Se vuoi provare il funzionamento di «Remote Play» a casa tua prima di acquistare un Playstation Portal, puoi farlo con l'app per Android o iOS. Tuttavia, mi rendo subito conto del motivo per cui ho abbandonato le app «Remote Play»: l'impostazione è faticosa e i controlli sono fastidiosi.

Posso prendere il Playstation Portal in qualsiasi momento e iniziare subito a giocare. Con l'iPad e lo smartphone, devo prima collegare un controller o lottare con i complicati pulsanti sullo schermo. In alternativa, utilizzo una case per controller come il Backbone One. Ma per usarlo, devo prima rimuovere la cover dello smartphone. Rovina la mia voglia di giocare.

Il Backbone One sembra un giocattolo per bambini a buon mercato rispetto al Playstation Portal.
Il Backbone One sembra un giocattolo per bambini a buon mercato rispetto al Playstation Portal.
Fonte: Immagine: Domagoj Belancic

Un altro problema è che non riesco a sfruttare appieno le funzioni DualSense, anche se utilizzo un controller DualSense per giocare. Solo i trigger adattivi e il touchpad del mio controller PS5 funzionano perfettamente quando sono collegati all'iPad. Sullo smartphone Galaxy non funzionano. Devo giocare senza feedback aptico, microfono, controllo del movimento, touchpad e trigger adattivi. Anche con il Backbone One faccio a meno della maggior parte delle funzioni.

Se voglio giocare ai giochi della PS5 con le app «Remote Play», devo superare troppi ostacoli e scendere a troppi compromessi. In confronto, il Playstation Portal sembra un pacchetto premium che si avvicina molto alla PS5 in termini di esperienza di gioco.

Conclusione: palmare solido ma con delle limitazioni

Sono combattuto. A casa, il Playstation Portal mi ha conquistato. Si tratta di un solido lettore remoto e attualmente è la migliore opzione per godersi i contenuti della PS5 su un dispositivo mobile. Rende i giochi della PS5 «snackable» – adoro la console portatile per questo. Rispetto ad altre soluzioni di riproduzione remota, Portal è quella più conveniente. Con il palmare di Sony, non devi scendere a compromessi per quanto riguarda l'esperienza di gioco, grazie alla gamma completa di funzioni DualSense.

D'altra parte, con il Playstation Portal si deve anche convivere con molte fastidiose restrizioni. Il dispositivo non supporta l'audio Bluetooth, ha altoparlanti mediocri, una batteria troppo piccola e non è in grado di trasmettere giochi dal cloud. Dopo tutto, la maggior parte delle critiche è meno significativa se si utilizza il Portal principalmente tra le proprie quattro mura. Il lettore remoto di Sony è adatto solo come soluzione provvisoria quando si è in viaggio, a causa delle numerose limitazioni e della qualità solitamente difficile da controllare della connessione Internet mobile.

Se cerchi un dispositivo che ti permetta di giocare ai tuoi giochi PS5 in modo più flessibile a casa e puoi sopportare l'input lag e le limitazioni, il Playstation Portal è il dispositivo che fa al caso tuo. Per tutti gli altri scenari è meglio tenere le mani lontane dalla prima console portatile di Sony e aspettare un vero successore di Vita. Si può sempre sognare.

Il Playstation Portal è disponibile anche in Svizzera dal 1° dicembre.

Sony Lettore remoto PlayStation Portal
209.– CHF

Sony Lettore remoto PlayStation Portal

Sony Lettore remoto PlayStation Portal
Console
209.– CHF

Sony Lettore remoto PlayStation Portal

Immagine di copertina: Domagoj Belancic

A 41 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio amore per i videogiochi si è svegliato alla tenera età di cinque anni con il Gameboy originale ed è cresciuto a dismisura nel corso degli anni.


Videogiochi
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar