Retroscena

Perché la barra di stato si impalla al 99 percento?

Carolin Teufelberger
Zurigo, il 22.06.2022
Traduzione: Nerea Buttacavoli

Quando si installa un programma sul computer, raramente l’installazione fila liscia. Spesso la barra di stato si blocca poco prima della fine. È colpa della complessità del compito – e della nostra psiche.

Ho appena spento e aggiornato il mio portatile da lavoro HP. Ero seccata prima ancora di iniziare l'aggiornamento perché ci vuole sempre più tempo di quanto viene detto all'inizio. Ed effettivamente, anche questa volta la barra si è mossa a velocità diverse, per poi bloccarsi completamente al 99%.

Perché?

Gli indicatori di progresso fanno bene innanzitutto alla nostra psiche. Immagina per un attimo di essere in fila per un gelato. Finché la coda si muove e si avanza, l'attesa è relativamente sopportabile.

Per lo stesso motivo, quando si installano programmi, ci sono rappresentazioni numeriche o visive che dovrebbero mostrare che qualcosa sta accadendo e quindi rassicurare l'utente. Tuttavia, questo funziona solo fino a quando c’è effettivamente del progresso. Come quando si è in fila: se non ci si muove per un po', si diventa impazienti e l'umore peggiora.

Ci sono diversi meme sull’argomento. Immagine: Memegine
Ci sono diversi meme sull’argomento. Immagine: Memegine

Il problema: «Da un lato, lo sforzo per una visualizzazione dettagliata non vale la pena nella maggior parte dei casi, perché si tratta soprattutto dell'effetto psicologico sull'utente. D'altra parte, come programmatore non si ha alcuna possibilità di rendere una barra di stato davvero affidabile. Per questo motivo l'intera operazione è implementata in modo molto semplificato», afferma Martin Gasser, Lead Software Engineer di Digitec Galaxus AG.

Non è che una stima

Un'installazione di questo tipo è complessa: i file non solo devono essere scaricati – un compito che dipende dalla velocità di Internet – ma anche installati sul computer. E spesso è proprio qui che si trovano le maggiori differenze. I file scaricati devono essere decompressi, il che dipende dalla velocità del processore. Poi devono essere salvati e i file esistenti devono essere letti e, se necessario, cancellati. A seconda di dove si trovano questi file, dello stato in cui sono e della velocità del disco rigido, i tempi possono essere più o meno lunghi. Infine, potrebbe essere necessario modificare le impostazioni del nuovo programma, che a loro volta sono influenzate dal sistema operativo.

«A meno che la velocità di Internet non subisca forti fluttuazioni o ci sia un'interruzione della rete, la durata del download può essere stimata relativamente bene, ma al momento dell'installazione le differenze sono enormi», spiega Remo Vetere, Senior Frontend Engineer di Digitec Galaxus AG. «Se la durata è stata sovrastimata, la barra di stato sparisce semplicemente a metà. Se la durata è stata sottovalutata, la barra si ferma».

Il fatto che ciò avvenga così spesso al 99% è dovuto proprio a questa implementazione semplificata degli indicatori di progresso. Non sono abbastanza intelligenti per bloccarsi a metà strada. «All'inizio, la durata viene stimata in modo approssimativo e poi le percentuali vengono conteggiate in avanti a intervalli regolari. Se l'installazione richiede più tempo, la barra si ferma semplicemente all'ultimo momento possibile, cioè al 99%, fino al completamento dell’operazione», mi spiega Martin.

Un'interazione tra fatti e psiche

Ma succede davvero così spesso che l'installazione venga terminata «troppo presto»? «Sì. È molto più probabile che accada qualcosa di inaspettato, piuttosto che qualcosa di programmato non accada». Un'analogia con la vita di tutti i giorni potrebbe essere questa: vuoi indossare la tua maglietta preferita, la cerchi in tutto l’armadio e ti accorgi che è tra i panni sporchi. Questo scenario è molto più probabile di quello in cui si pianifica di lavare la propria maglietta preferita, ma poi non è necessario farlo perché è già stata magicamente lavata.

Ma anche in questo caso, la psiche gioca un ruolo importante: «Come utente, ci si accorge quando qualcosa si protrae troppo a lungo. Se l'installazione richiede meno tempo, si va avanti senza pensarci troppo», dice Martin.

In poche parole, la situazione con la barra di stato è la seguente: nella maggior parte dei casi, viene implementata in modo molto semplificato perché una versione dettagliata non vale la pena. La barra serve solo a mostrare a noi utenti che tutto funziona in background e quindi a risparmiare i nostri fragili nervi – almeno finché la barra non si blocca al 99%.

Perché la lancetta dell'orologio della stazione si ferma per un breve momento? Perché al cinema ci sono i popcorn? E perché i bicchieri non vanno nella raccolta differenziata? La vita quotidiana riserva molti enigmi, che cerco di risolvere a intervalli irregolari. Se hai una domanda scottante ma non il tempo di fare ricerche, inviamela via e-mail. Mi piace fare il lavoro sporco.

A 107 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.


Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader