Nonostante i piccoli problemi: «Animali Fantastici 3» è semplicemente magico

Nonostante i piccoli problemi: «Animali Fantastici 3» è semplicemente magico

Luca Fontana
Zurigo, il 07.04.2022
Traduzione: Leandra Amato

Finalmente qualcosa di nuovo dall'universo di «Harry Potter». «I segreti di Silente» è un film fantastico con un grande cast che fa dimenticare rapidamente il predecessore incasinato.

Una cosa all'inizio: la recensione non contiene spoiler. Troverai soltanto informazioni già note dai trailer diffusi.


Puoi pensare quello che vuoi di lei: J.K. Rowling è senza dubbio un'autrice per bambini eccezionale. Come si può spiegare altrimenti che «Harry Potter» apre ancora le porte di un mondo magico che incanta sia bambini che adulti? Dopo tutto, il suo mondo è pieno di contrasti affascinanti. Meraviglioso e pericoloso allo stesso tempo. Nascosto, ma sempre sotto il nostro naso.

Il mondo magico.

I film della serie «Animali fantastici» non sono mai stati in grado di dare un seguito a questo mega-successo. Forse perché Rowling non ha fornito un romanzo, bensì solo sceneggiature. E queste – ormai si può dire – non sono il suo punto forte. La seconda parte in particolare, «I crimini di Grindelwald», è piena di problemi narrativi e strutturali.

La Warner Bros. ha quindi riportato una vecchia conoscenza: Steve Kloves. Ha già scritto sette delle otto sceneggiature di Harry Potter. E ora «I segreti di Silente», insieme alla Rowling. Presumibilmente. Forse. Secondo il database IMDb è tutto vero. Ma non secondo i titoli di coda del film. Se fosse per lo studio cinematografico, preferirebbero tagliare completamente Rowling da tutto il marketing dopo lo scandalo transgender.

Kloves, almeno, è un bene per il franchising: «I segreti di Silente» non è solo grande, ma di gran lunga la parte migliore della serie «Animali fantastici». Il film ha una struttura. Un concetto. Un filo conduttore. Inizio, svolgimento e fine. In più personaggi ben scritti, grande azione e un Mads Mikkelsen che sostituisce Johnny Depp così bravo che – per essere brutalmente onesto – avrebbe dovuto interpretare il mago oscuro Gellert Grindelwald dall'inizio.

Di cosa tratta «I segreti di Silente»

Siamo negli anni '30. Il mondo dei maghi sta cambiando. Infatti, Gellert Grindelwald vuole imporre un nuovo ordine mondiale. Uno in cui viene rivelata l'esistenza di streghe e maghi. E uno in cui i babbani, cioè in non maghi, diventano asserviti al mondo dei maghi. Con la guerra. Dopo tutto, sono stati i babbani a dare la caccia a streghe e maghi nei secoli bui.

Solo uno può eguagliare il potere di Grindelwald: Albus Silente (Jude Law). Ma un magico giuramento di sangue, suggellato in gioventù quando erano ancora alleati, impedisce il leggendario duello che sarà costantemente citato anni dopo in «Harry Potter». Pertanto, sono ancora i suoi seguaci, tra cui il magizoologo Newt Scamander (Eddie Redmayne), a radunare diligentemente Grindelwald e Silente per combattere la battaglia per loro.

Almeno finché Grindelwald non metterà le mani su una nuova e potente arma: la capacità di vedere, almeno frammentariamente, nel futuro.

Un altro cambio di rotta – questa volta in meglio

Ora che Steve Kloves detiene lo scettro, almeno narrativamente, «I segreti di Silente» ha una cosa in particolare rispetto ai suoi due predecessori: un piano. Il film sa dove inizia. Dove finisce. E come fare da ponte tra l'inizio e la fine senza appesantirsi con zavorre inutilmente confuse.

È una boccata d'aria fresca, soprattutto se confrontato con la trama complicata e contorta di «I crimini di Grindelwald». Nella sceneggiatura di Klove, la nuova professoressa Lally Hicks (Jessica Williams) riassume gli eventi dei prequel in due o tre semplici frasi. Questo mostra quanto della trama era effettivamente rilevante all'epoca – e quanto tutto il contorno mettesse solo dei freni.

La banda per abbattere il malvagio Gellert Grindelwald.
La banda per abbattere il malvagio Gellert Grindelwald.
Warner Bros. Ent.

Ma la grande arte della sceneggiatura di Klove è poi soprattutto quella di fare un cambio di rotta necessario senza allontanarsi troppo dalla premessa attuale. Ricordiamo: «Animali fantastici e dove trovarli» è iniziato come una sorta di «Monster Hunter» nel mondo magico di Harry Potter. Poi è arrivato «I crimini di Grindelwald». La storia ha cambiato focus e tono verso l'incombente e deprimente escalation tra Grindelwald e Silente; Newt Scamander, ancora protagonista nella prima parte, è degenerato in un personaggio minore del suo stesso franchise.

La sceneggiatura di Klove si distingue dall'atmosfera depressiva. Per prima cosa, non solo dà di nuovo molto più spazio a Scamander, ma anche agli animali fantastici del titolo. Non proprio nella stessa misura del primo capitolo della saga, ma abbastanza per soddisfare i fan delle creature magiche. D'altra parte, riporta nel mondo magico la fantasia infantile che si era persa in «I crimini di Grindelwald». Cinicamente, si potrebbe anche dire che Kloves ammette il fallimento del suo predecessore su tutta la linea.

Niente funziona senza lo Snaso preferito dai fan.
Niente funziona senza lo Snaso preferito dai fan.
Warner Bros. Ent.

Il fatto è che: il rinnovato cambio di rotta è più di un passo nella giusta direzione. È un segnale enorme. Come se «Animali fantastici» avesse finalmente trovato il suo tono. Il suo posto nel mondo dei maghi. Ed è buono.

Il nuovo Grindelwald contro il vecchio Silente

Che le cose potessero andare bene con «I segreti di Silente» non era affatto scontato. La produzione, scossa da continui scandali, è troppo drastica per contare sul suo successo.

Per esempio, nel 2017, quando è iniziata la guerra delle rose tra l'attore di Grindelwald Johnny Depp e la sua ex moglie Amber Heard, con entrambe le parti che si accusavano a vicenda di violenza domestica. Lo studio cinematografico Warner Bros. ha inizialmente trattenuto l'attore. Tre anni dopo, non più: nel novembre 2020 Depp ha lasciato il progetto dopo che la sua causa per diffamazione da 50 milioni di dollari è stata respinta – pochi mesi dopo il grottesco scandalo transgender della creatrice di «Harry Potter» J.K. Rowling. Il suo scandalo, a sua volta, è stato preceduto da un video controverso dell'attore non protagonista Ezra Miller che avrebbe strangolato una donna in Islanda dopo che lei lo aveva provocato.

Scandali a bizzeffe.

Niente di tutto questo è evidente nel film. Al contrario: il ruolo di Ezra Miller è stato significativamente ridotto – probabilmente non è una coincidenza – e Mads Mikkelsen ha preso il posto di Johnny Depp. Un colpo di fortuna. Mikkelsen non è solo un degno sostituto di Gellert Grindelwald. Lo interpreta con un tale carisma che è facile cadere nel suo fascino e nelle sue ideologie fin troppo radicali. Un po' come il giovane Albus Silente di una volta, interpretato ancora da Jude Law, come sempre magistralmente, con un mix di malinconia cupa e gioia infantile.

Che Jude Law sia un ottimo giovane Silente non è più una sorpresa.
Che Jude Law sia un ottimo giovane Silente non è più una sorpresa.
Warner Bros. Ent.

In effetti, la chimica del film tra Law e Mikkelsen funziona meglio di quella tra Law e Depp. Non che l'interpretazione di Depp di Grindelwald non fosse buona. Depp, tuttavia, ha incarnato di più la follia in Grindelwald. Gli abissi della sua anima. Depp lo ha espresso anche nel suo aspetto, con la pelle chiara, i capelli decolorati, un occhio bianco e il look steampunk. Un contrasto troppo grande con il classico Silente all'antica, tuttavia, soprattutto perché una storia d'amore giovanile tra i due è stata accennata fin da «I crimini di Grindelwald».

Mikkelsen, d'altra parte, oscilla tra l'affascinante, gentile – e incredibilmente terrificante. È un atto di bilanciamento che funziona e fa anche sembrare più credibile la suddetta storia d'amore. Nel frattempo, non riesco a pensare a un attore migliore per Grindelwald. Questo è il più grande dei complimenti che posso fare a Mikkelsen.

Mads Mikkelsen nei panni di Gellert Grindelwald è uno dei punti forti del film.
Mads Mikkelsen nei panni di Gellert Grindelwald è uno dei punti forti del film.
Warner Bros. Ent.

E che dire dei segreti di Silente? Per i fan, va effettivamente in profondità nella sua storia. Molto in profondità. Non preoccuparti: non ti spoilero nulla. Ma preparati a una o due sorprese. E ad alcune scene che vanno dritte al cuore, grazie alla recitazione di Jude Law.

Critiche? Sì, ma poche

Tuttavia, «I segreti di Silente» non è perfetto. A parte il trio di supporto di Scamander, Silente e Grindelwald, la maggior parte dei personaggi del film si sviluppa molto poco. Yusuf Kama, un retaggio da «I crimini di Grindelwald», interpretato da William Nadylam, avrebbe potuto essere abbandonato del tutto. Per il fratello di Scamander, Teseo (Callum Turner), la penso allo stesso modo. Le due sorelle Goldstein (Katherine Waterston e Alison Sudol) ci sono, ma solo per poco. E il tedesco Oliver Masucci – forse lo conoscete da «Lui è tornato» e «Novella degli scacchi» – è completamente sprecato nel ruolo di Anton Vogel.

Poi c'è Dan Fogler nei panni del babbano Jacob Kowalski. In termini di punti di simpatia, vince a mani basse, facilmente, senza discussioni, e questo non cambia nel terzo film. Ma è proprio per questo che volevo che avesse finalmente un po' più di influenza sulla trama. Da un lato, è il cuore pulsante del film. Ma dall'altro... beh, un babbano, utile a streghe e maghi quanto una padella. Anche la sceneggiatura di Klove non riesce a spiegare perché il mondo dei maghi continui a ricorrere a lui. Ciononostante, sono contento. Come ho già detto, non si può fare a meno di amare Kowalski con tutto il cuore.

Un babbano a Hogwarts – una vista ridicolmente rara.
Un babbano a Hogwarts – una vista ridicolmente rara.
Warner Bros. Ent.

D'altra parte, la nuova arrivata Lally Hicks, una professoressa alla Ilvermorny School of Witchcraft and Wizardry – la versione americana di Hogwarts – è un'aggiunta molto gradita. Forse perché ottiene la maggior parte delle scene insieme al simpatico Kowalski, mentre causano un sacco di problemi a Berlino. Lì, nel film, viene annunciata una grande elezione imminente per determinare il futuro leader o i leader della comunità magica mondiale.

Aspetta, cosa?

C'è un Ministero della Magia in ogni paese. Ogni ministero è sotto l'autorità di un leader. Una leadership superiore a loro è completamente nuova per me e – secondo me – non è mai stata menzionata nei libri o nei film. Anche se la sceneggiatura vuole farmi credere che solo una persona dal cuore puro può essere elevata a questa leadership, il concetto ha comunque qualcosa di dittatoriale.

Conclusione: finalmente il franchise è davvero divertente

Dove «Animali fantastici e dove trovarli» sembrava ancora troppo addomesticato e banale nel grande cosmo di «Harry Potter», «I crimini di Grindelwald» cerca la sua giustificazione in una storia incredibilmente sovraccarica che ha completamente buttato a mare la sua premessa originale senza alcun preavviso. Con «I segreti di Silente», è stato finalmente trovato una via di mezzo riuscita.

Infatti, grazie al suo cast ben interpretato e alla sceneggiatura di Steve Klove, il regista David Yates mette in scena un'avventura per lo più spensierata con molta azione e un uso fantasioso degli effetti computerizzati. Il tutto è ancora una volta accompagnato dall'impeccabile colonna sonora di James Newton Howard, che cita l'iconico tema di Harry Potter solo le volte necessarie per permettere a noi spettatori di sguazzare in una piacevole nostalgia prima di riportare la nostra attenzione sugli animali fantastici.


«Animali fantastici – I segreti di Silente» è nei cinema dal 7 aprile. Durata: 142 minuti. Può essere visto da un pubblico a partire dai dodici anni di età.

A 58 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot». 


Film e serie
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader