Immagine: Paul Sakuma / Keystone
Retroscena

Meta sotto pressione – parte 4: come Apple è diventata un arcinemico

Samuel Buchmann
05.10.2022
Traduzione: Leandra Amato

Si moltiplicano i titoli negativi su Meta e sui suoi marchi Facebook e Instagram. Mark Zuckerberg è sull'orlo del baratro? Quarta parte di una serie sui problemi del gigante tecnologico.

«Le persone che fanno davvero sul serio con il software dovrebbero creare il proprio hardware»: così il fondatore di Apple Steve Jobs (nella foto di copertina) ha citato il pioniere dell'informatica Alan Kay quando ha presentato l'iPhone a Cupertino nel 2007. All'epoca Mark Zuckerberg aveva 22 anni e si occupava intensamente di software. Solo pochi mesi prima, aveva reso il suo social network Facebook accessibile anche a chi non studiava. Il numero di utenti è esploso, l'atmosfera negli uffici di Facebook a Palo Alto era esuberante. Zuckerberg non aveva idea che a pochi chilometri di distanza Jobs stesse piantando i semi di una delle più grandi rivalità della storia della tecnologia. La sua citazione gli avrebbe dato ragione.

Apple di Tim Cook è oggi sinonimo di protezione dei dati. Meta di Mark Zuckerberg invece no.

Oggi è l'undicesimo anniversario della morte di Steve Jobs. Se fosse ancora vivo, probabilmente sarebbe orgoglioso del suo successore. L'amministratore delegato Tim Cook ha reso Apple una delle aziende di maggior valore al mondo nell'ultimo decennio e, nella percezione pubblica, il gigante tecnologico più impegnato nella tutela della privacy dei propri clienti. Apple di Tim Cook è oggi sinonimo di protezione dei dati. Meta di Mark Zuckerberg invece no. Apple produce il proprio software e hardware e controlla rigorosamente le applicazioni di terzi. Meta ha perso il treno dell'hardware nell'era degli smartphone, un errore che Zuckerberg non vuole ripetere con il metaverso.

L'attuale CEO Tim Cook ha reso Apple la potenza di mercato che è oggi.
L'attuale CEO Tim Cook ha reso Apple la potenza di mercato che è oggi.
Immagine: Shutterstock

Le differenze tra le due aziende sono cresciute nel corso degli anni e solo ora stanno arrivando al culmine in una guerra di filosofie che minaccia il futuro di Meta. Nella penultima parte della mia serie sui problemi di Mark Zuckerberg: come Apple è diventata un arcinemico. Ecco l'ultimo episodio, nel caso te lo fossi perso:

  • Retroscena

    Meta sotto pressione – parte 3: la minaccia cinese chiamata TikTok

    di Samuel Buchmann

Un terremoto finanziario

Il 2 febbraio 2022 il prezzo delle azioni di Meta è crollato del 26%. L'azienda di Mark Zuckerberg ha così perso 251 miliardi di dollari di valore in un solo giorno, più di quanto qualsiasi azienda statunitense abbia mai perso prima. Quel giorno Zuckerberg andò a letto con 29 miliardi di dollari in meno rispetto a quando si era alzato al mattino.

Il 2 febbraio 2022, il prezzo delle azioni di Meta è crollato da 323 a 237 dollari.
Il 2 febbraio 2022, il prezzo delle azioni di Meta è crollato da 323 a 237 dollari.
Grafico: Marketwatch

A prima vista, questo crollo monumentale del prezzo delle azioni sembra esagerato: anche se il numero di utenti attivi giornalieri di Facebook è diminuito per la prima volta rispetto al trimestre precedente, ma solo da 1,93 a 1,929 miliardi, Meta come gruppo ha comunque registrato quasi 40 miliardi di utili nel 2021, il 35% in più rispetto all'anno precedente. Allora perché gli investitori stanno ritirando i loro capitali come se fosse appena scoppiata una bolla?

Nel frattempo, le azioni di Meta valgono meno della metà rispetto a un anno fa.

Il vero motivo è la prospettiva cupa di Meta. Il piccolo calo di utenti ha segnato un'inversione di tendenza, essendo il primo nella storia di Meta. Nel luglio 2022 è seguito il primo calo degli introiti pubblicitari e ormai la quota di Meta vale meno della metà di quanto valeva un anno prima. Zuckerberg sta combattendo su diversi fronti: Facebook sta perdendo rilevanza, Instagram sembra disorientato e il concorrente cinese TikTok sta diventando più forte. Ma un'altra cosa è ancora peggiore per gli investitori: Apple ha dichiarato guerra a Meta.

Piccola domanda, grande effetto

Si trattava di un piccolo aggiornamento del sistema operativo iOS per iPhone che Apple aveva rilasciato poco meno di un anno prima, con una piccola novità chiamata «App Tracking Transparency». L'utente ha la possibilità di rifiutare il tracciamento cross-app. Prima dell'aggiornamento, Apple concedeva agli sviluppatori di app l'accesso generico al cosiddetto IDFA («Identifier for Advertisers»). Si tratta di un numero assegnato al dispositivo. Ad esempio, se si utilizza l'app Tripadvisor per cercare un hotel per la prossima vacanza, Tripadvisor può associare questa attività al tuo IDFA. Se l'utente non prenota l'hotel, Tripadvisor può rivolgersi a un fornitore di pubblicità come Meta con quell'IDFA e indirizzare gli annunci. Così, cinque minuti dopo, potresti vedere su Instagram un annuncio proprio per l'hotel che stavi guardando.

Il risultato dell'App Tracking Transparency di Apple per Mark Zuckerberg: si stimano dieci miliardi di entrate in meno. Si tratta dell'8% del fatturato totale di Meta. Una catastrofe.

La situazione è cambiata con l'aggiornamento di iOS nell'aprile 2021. La prima volta che si apre un'applicazione che vuole tracciare la propria attività, appare una finestra di dialogo. Gli sviluppatori devono spiegare perché vogliono tracciare l'utente. Alla fine, però, si ha sempre la stessa scelta: «Rifiuta il tracciamento dell'app» o «Consenti». Oltre l'80% degli utenti rifiuta il tracciamento. Ciò rende più difficile la pubblicità mirata e questo è un problema per Meta. Infatti, se un'azienda colpisce il suo gruppo target in modo meno preciso con la pubblicità, i risultati sono inferiori. Al diminuire dell'efficienza, diminuisce anche l'attrattiva dell'offerta pubblicitaria di Meta.

Oltre l'80% degli utenti non vuole essere tracciato e rifiuta il tracciamento nell'app iOS di Facebook.
Oltre l'80% degli utenti non vuole essere tracciato e rifiuta il tracciamento nell'app iOS di Facebook.
Immagine: Shutterstock

Il risultato per Mark Zuckerberg: stima di dieci miliardi di entrate in meno. Si tratta dell'8% del fatturato totale di Meta. Una catastrofe.

Meta ha condannato la mossa di Apple, affermando che la trasparenza del tracciamento delle app danneggerebbe le piccole imprese che ora avrebbero più difficoltà a raggiungere i loro clienti. «Stiamo combattendo per le piccole imprese contro Apple», ha proclamato Meta su annunci a tutta pagina del «Wall Street Journal» e del «New York Times». Per aggirare le nuove restrizioni, anche Facebook e Instagram hanno adattato il loro browser in-app: anche in questo caso, quando si visitano i siti web all'interno dell'app, ogni clic viene registrato. Tuttavia, gli utenti di Facebook hanno recentemente intentato un'azione legale collettiva contro questo tracciamento backdoor.

La protezione dei dati come modello di business

Per Meta, la trasparenza del tracciamento delle app è un disastro. Per Apple, si tratta di un blocco di un nuovo pilastro su cui Tim Cook sta costruendo il futuro della sua azienda: protezione dei dati. Apple vuole essere percepita come l'azienda che gestisce con cura i tuoi dati. Il servizio a pagamento «iCloud Private Relay», ad esempio, offre una VPN ridotta e la possibilità di anonimizzare gli indirizzi e-mail. Secondo Apple, l'assistente digitale Siri elabora i dati direttamente sul dispositivo invece di inviarli a un server. I dati sanitari verrebbero inoltre essere archiviati in modo criptato e sincronizzati tra i dispositivi. Con Passkeys, i californiani cercano di sostituire le password con un'alternativa più sicura.

«Crediamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale»
, Tim Cook, CEO Apple, su Twitter

Non è chiaro se questa attenzione alla protezione dei dati sia dovuta a convinzione, a ragioni strategiche o a un mix di tutto ciò. Ciò che è certo è che distingue Apple dalla concorrenza in termini di marketing. In numerosi spot pubblicitari e keynote, l'azienda ripete sempre lo stesso messaggio: Apple protegge i tuoi dati. «Crediamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale», scrive Tim Cook su Twitter.

Tuttavia, la reputazione di custode affidabile dei dati è fragile. Ciò è stato dimostrato, ad esempio, quando Apple ha annunciato che in futuro avrebbe scansionato le immagini presenti su iCloud alla ricerca di materiale pedopornografico. Il clamore mediatico delle organizzazioni per la protezione dei dati è stato tale da indurre Apple a sospendere il progetto. Anche le notizie secondo cui Apple conserva i dati dei cittadini cinesi su server cinesi rovinano l'immagine – un compromesso che Tim Cook ha probabilmente dovuto fare per poter produrre in futuro gli iPhone in Cina.

La ripetuta gestione negligente dei dati degli utenti ha creato e rafforzato l'immagine di Meta come una piovra di dati indegna di fiducia

Ma questo rumore di fondo non è nulla in confronto ai devastanti scandali sulla privacy di Meta di Mark Zuckerberg, dalla controversa funzione beacon alle fughe di dati degli utenti al fiasco di Cambridge Analytica. Zuckerberg è stato regolarmente costretto a presentare scuse pubbliche, cercando ogni volta di giustificarsi. Sia intenzionalmente che per negligenza: la ripetuta gestione negligente dei dati degli utenti ha creato e rafforzato l'immagine di Meta come una piovra di dati indegna di fiducia. E Zuckerberg come persona è finito tra gli ipocriti.

Lo scontro tra titani è appena iniziato

Gli affari vanno ancora bene nonostante le perdite e gli scandali. Meta è una delle più grandi aziende tecnologiche del mondo ed è ancora molto redditizia. Quasi la metà della popolazione mondiale utilizza una delle sue piattaforme. Ma all'orizzonte si addensano nubi scure: Apple minaccia la visione del futuro di Zuckerberg: a differenza degli smartphone, Meta vuole controllare non solo la piattaforma della realtà virtuale (VR), ma anche il sistema operativo e l'hardware: «Le persone che fanno davvero sul serio con il software dovrebbero creare il proprio hardware», il che significherebbe che Meta non sarebbe più alla mercé delle fastidiose restrizioni sulla protezione dei dati imposte da altre aziende – un percorso chiaro per la pubblicità personalizzata nei mondi virtuali.

Finora, il desiderio di Zuckerberg di avere un controllo totale sul metaverso sembra realizzarsi: Le cuffie Quest 2 VR di Meta hanno una quota di mercato superiore all'80%. Tuttavia, rispetto agli smartphone, il mercato è ancora incredibilmente piccolo: anche altri produttori come Sony hanno le loro prime cuffie, ma non possono competere con Meta. Il primo vero concorrente di Zuckerberg sarà probabilmente Apple: secondo alcune voci, un prodotto corrispondente è previsto per il 2023, e Tim Cook, con la sua attenzione alla protezione dei dati, ha chiaramente posizionato la sua azienda meglio di Meta per l'era della realtà virtuale e aumentata (AR). O a chi preferiresti dare accesso a ciò che vedi, ai tuoi movimenti e alla tua direzione di visione? Appunto. Inoltre, Apple vanta decenni di esperienza nella progettazione di hardware e sistemi operativi. I precedenti tentativi di Meta in questi settori, come il telefono Facebook, invece, sono falliti miseramente.

«Si tratta di una competizione molto profonda e filosofica sulla direzione da dare a Internet»
, ha dichiarato Mark Zuckerberg nel luglio del 2022 in una riunione interna

Così la battaglia tra i due titani della tecnologia arriverà al culmine. Lo stesso Mark Zuckerberg ha detto in una riunione interna che la sua azienda e Apple sono in competizione di filosofie. Sarà un test per il CEO di Meta. In questo momento sta investendo 10 miliardi di dollari all'anno in VR e AR, esattamente la cifra che Meta sta perdendo con la trasparenza del tracciamento delle app di Apple. Zuckerberg scommette il futuro della sua azienda sul metaverso. Per saperne di più su questo argomento, ti invito a leggere il prossimo e ultimo episodio della mia serie: o tutto o niente.

A 60 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Le mie impronte digitali cambiano talmente spesso che il mio MacBook non le riconosce più. Il motivo? Se non sono seduto davanti a uno schermo o in piedi dietro a una telecamera, probabilmente mi trovo appeso a una parete di roccia mantenendomi con i polpastrelli. 


Informatica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Sicurezza
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Software
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

18 commenti

Avatar