Marvel guadagna miliardi e fa credere ai fan che sia tutto merito loro
Opinione

Marvel guadagna miliardi e fa credere ai fan che sia tutto merito loro

Luca Fontana
Zurigo, il 25.07.2019
Traduzione: Leandra Amato

«Avengers: Endgame» della Marvel supera «Avatar» della Fox al botteghino, diventando il film di maggior successo in assoluto. I responsabili dello studio la fanno sembrare una vittoria dei fan. Ma non lo è.

«Endgame» è il film di maggior successo di tutti i tempi. Tutto grazie al clamore generato artificialmente.

Al Comic-Con di San Diego, la più grande fiera mondiale del fumetto e della cultura pop del mondo, il presidente dei Marvel Studios Kevin Feiges sale sul palco della sala H e annuncia con orgoglio che «Avengers: Endgame» ha battuto «Avatar» di circa 500’000 dollari.

Applauso. È come se una partita che sembrava persa potesse essere salvata all'ultimo secondo. E i tifosi esultano come se fosse la loro vittoria.

Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios
Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios
Shutterstock.com

Tre settimane prima, i fan di «Avengers: Endgame» ammettono «un'amara sconfitta». Questo perché «Endgame» non è riuscito a spodestare «Avatar» di James Cameron dal trono dei film di maggior successo di tutti i tempi, nonostante il continuo release nei cinema. Mancano ancora 18 milioni di dollari alle riprese del fumetto per raggiungere un reddito mondiale di 2,78 miliardi di dollari.

Beat «Avatar» and watch «Endgame»

I fan celebrano il successo, del quale non hanno nulla da guadagnare. Non un centesimo dei 2,79 miliardi di dollari raccolti ai registratori di cassa. Al contrario: sono gli stessi fan che prima riempiono le casse dei boss dello studio e poi festeggiano per averlo fatto. È come se una banca annunciasse un profitto record e migliaia di clienti applaudissero, anche se non ne riceveranno mai nulla.

Solo un anno fa, quando «Avengers: Infinity War», predecessore di «Endgame», veniva proiettato nelle sale, un fan ha riferito di aver visto il film più di 50 volte. Un impegno che viene premiato dai fratelli Russo con l'invito alla prima mondiale di «Endgame». Tali sforzi non devono rimanere inappagati. Il segnale è chiaro: «Grazie, ora sei uno di noi».

Lo stesso gioco viene ripetuto con «Endgame». Al contrario del fan di quel tempo con l'obiettivo dichiarato di battere «Avatar». «Whatever it takes» («Non importa come»): così si esprimono numerosi fan in un Subreddit dedicato ai Marvel Studios. È il richiamo alla battaglia. Una citazione dal primo trailer di «Endgame».

I fan affollano le sale decine di volte, chiedendo ai loro amici e conoscenti di fare lo stesso. Hashtag come #BeatAvatar o #WatchEndgame diventano popolari su Twitter, e riferiscono quotidianamente sugli sviluppi attuali. Il film diventa un hype. I blogger su YouTube stimolano i loro miglioni di follower. Alcuni scrivono anche discorsi.

Per tutti loro, «Avengers: Endgame» è il culmine del loro impegno per portare il film al primo posto delle classifiche del cinema. La loro personale «partita finale», per così dire, che ha avuto inizio anni fa, quando il dramma fantasy fantascientifico di James Cameron è salito in cima alle classifiche mondiali. Numerosi sfidanti, come «Star Wars: The Force Awakens», «Avengers: Infinity War» e «Jurassic World», non si sono nemmeno avvicinati ad «Avatar» in termini di incasso.

E se «Endgame» non può farcela – il culmine di tutto ciò che la Marvel ha costruito in dieci anni – quale film può farlo? I fan prendono a cuore il successo del film. Accendono un concorso che dovrebbe interessare solo i contabili degli studi.

Siamo parte della squadra

Questo comportamento non è casuale. I fan vengono infatti strumentalizzati. Come quando gli spettatori sono invitati alle anteprime. O quando gli studi fanno dei risultati al botteghino un problema per i loro spettatori, come se fossero i loro contabili.

Nel caso di «Endgame», lo studio dietro questa strumentalizzazione è Marvel Studios. Indirettamente, anche Disney: Marvel appartiene all’azienda dal 2009. Quando il capo dei Marvel Studios Kevin Feige annuncia la buona notizia al Comic-Con, nessuna parola viene scelta a caso:

«Grazie a voi, «Avengers: Endgame» è il più grande film mai realizzato.»
Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios
L’elmo di Iron Man in «Avengers: Endgame»
L’elmo di Iron Man in «Avengers: Endgame»
Marvel Studios

Il modo in cui Feige presenta la notizia ai fan, fa venir loro voglia di comprare un biglietto e darsi una pacca sulla spalla. Tutto per la Marvel. Lo studio sta allevando una nuova generazione di fan che fanno il tifo con tanta passione da scoppiare in applausi quando riescono a far intascare miliardi di dollari allo studio stesso. Come se non fosse il successo dello studio, ma il loro: «Hai sentito? Abbiamo battuto "Avatar"».

Uno dei tanti esempi di commenti nei forum, subreddit, messaggi su Twitter e sui canali YouTube.
Uno dei tanti esempi di commenti nei forum, subreddit, messaggi su Twitter e sui canali YouTube.

La volontà di ferro della Marvel di battere «Avatar» a qualsiasi costo al botteghino non ha quindi nulla a che fare con le preoccupazioni degli azionisti. Non si trattava mai di battere il record. Il punto era far credere ai fan che il successo fosse loro. Infatti, fin quando si considerano parte di una squadra composta in gran parte da milionari, continueranno ad acquistare i biglietti del cinema.

Questo a sua volta soddisfa i contabili, i capi e gli azionisti. Un ciclo eterno e maledetto.

A 71 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana

Editor, Zurigo

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli