RecensioneVideogiochi

Festeggia le auto un'ultima volta con «Gran Turismo 7»

Simon Balissat
Zurigo, il 03.03.2022
Traduzione: Leandra Amato

Con «Gran Turismo 7», la madre di tutte le simulazioni di corse per console torna su Playstation. Il «Real Driving Simulator» è un'ode alle auto e agli ultimi 25 anni di «Gran Turismo».

È il maggio 1998. Céline Dion canta «My Heart Will Go On». Nel mio album Panini della Coppa del Mondo in Francia mancano ancora una manciata di figurine. Dopo la scuola, vado sempre in bicicletta fino a «Next Level», un negozio di videogiochi dietro l'angolo. Un pomeriggio, non riesco a credere cosa vedo sui «giganteschi» schermi a tubo catodico da 32 pollici: la simulazione di corsa «Gran Turismo». Modelli di auto reali che si inclinano in curva grazie ad ammortizzatori simulati. Strizzando gli occhi, la differenza tra l'auto reale e quella virtuale è indistinguibile.

25 anni dopo, i motori a combustione sono sul punto di essere sostituiti da quelli elettrici. Sembra quasi che la settima edizione di Gran Turismo voglia elogiare un'ultima volta le automobili. Tonnellate di informazioni sulla storia, amorevolmente compilate e ricercate, formano la base del vasto gioco di corse. Non si tratta principalmente di guidare, ma di vivere l'automobile e rendere omaggio un'ultima volta al motore a combustione come se fosse una reliquia del passato.

Nissan Skyline e Mitsubishi GTO sul passo del Susten.
Nissan Skyline e Mitsubishi GTO sul passo del Susten.

Questo è evidenziato dalla modalità fotografica estesa «Spheres», dove posso mettere le auto che ho conquistato giocando in giro per il mondo in fotografie reali. Grazie al ray tracing e a vari filtri, la realtà e il mondo virtuale si confondono. Lo studio di sviluppo ha integrato oltre 2500 di queste scene nel gioco.

Ritorno al futuro

La coerenza con cui «Gran Turismo 7» porta la formula di 25 anni fa nel 2022 è spaventosa. Nei menu, quasi tutto è ancora come sulla Playstation 1. In una città virtuale, navighi verso luoghi dove è possibile acquistare auto, aggiornarle, fotografarle o partecipare a gare online o offline con loro. Un'interfaccia utente molto ingombrante e contorta che non ha molto senso. Quindi non posso montare spoiler nel negozio di tuning, ma da GT Auto, dove posso comprare cerchi, lavare l'auto o cambiare l'olio. Dalla concessionaria posso acquistare auto nuove, mentre quelle vecchie sono disponibili presso i rivenditori di seconda mano. Dove e quale auto può essere trovata è in parte una questione di fortuna. Poiché non è tutto nello stesso posto, quando compro un'auto devo tornare alla mappa, selezionare il nuovo posto e cliccare attraverso i sottomenu.

Questo è il menu. È esattamente così contorto come sembra.
Questo è il menu. È esattamente così contorto come sembra.

Per aumentare la già grande confusione, c'è anche un commerciante di rarità. La gamma di rarità e di auto d'occasione non è sempre la stessa, il che può avere senso nella vita reale. In un gioco, tuttavia, questo è scomodo perché il modello che voglio guidare non è mai messo in vendita. Anche la modalità multiplayer si trova in due posti, una volta in Multiplayer e una volta in GT Sport, dove posso scalare la classifica online. Tuttavia – o proprio per questo – mi sento a casa in «Gran Turismo 7». Tutto è come sullo schermo con tubo catodico della mia cameretta di 25 anni fa, però ora in 4K e con luminosità elevata. Qualsiasi altro gioco lo attribuirei al menu ingombrante e alla struttura confusa. Ma qui deve essere così.

Il regresso della tecnica

Naturalmente, la versione attuale è molto più completa rispetto a quella di un quarto di secolo fa. Il gioco ha più di 400 auto, 34 località e quasi 100 piste, tra cui quelle che devono essere sbloccate. GT7 non ti regala nulla, tranne una manciata di crediti che puoi investire in una compatta giapponese presso il rivenditore di seconda mano. È così che inizi la tua carriera.

Il gioco sblocca nuovi percorsi solo se completi determinate missioni che ti vengono date (non si sa per quale motivo) da un simpatico signore in un caffè. Ad esempio: «Sblocca tre muscle car americane», altrimenti non puoi andare oltre. Almeno il gioco ti dice in quali eventi puoi vincere le auto americane. Mentre giochi come «Forza Motorsport» ti fanno salire direttamente sul sedile anatomico di un superbolide, GT7 ti introduce molto lentamente. Con prezzi oltre i milioni, Lamborghini, Porsche e Ford GT 40 sono auto da sogno molto lontane e poco adatte per cominciare. Prima devi guadagnarti gli speroni con una VW Golf, Mazda Demio o Renault Clio. Ci vuole molta pazienza, ma è molto divertente. Non avrei mai comprato una Ford Mustang virtuale in vita mia, ma ho dovuto farlo per una serie di corse. Il mostro a trazione posteriore è molto divertente.

Ci sono molte auto da vincere e ne hai anche bisogno.
Ci sono molte auto da vincere e ne hai anche bisogno.

A proposito di pazienza: sono tornati gli esami per la licenza. È necessario completare queste prove di guida per progredire nel gioco. I compiti vanno da «Frenare al momento giusto» a «Guidare un giro su questa pista in un certo limite di tempo». Ci sono premi di bronzo, argento e oro, con tanto di auto gratis se si completano tutte le prove con l'oro. È stato sempre così in Gran Turismo. Gli esami per il bronzo sono così facili che difficilmente ti ci affezionerai. Con le versioni precedenti, erano a volte più difficili. Ci vogliono decine di ore per placcare in oro tutte le licenze. Se non sei masochista come me, allora lascerai perdere.

Drive my car

Certo, ho passato solo poche ore giocando a Gran Turismo e finora solo con il controller. Quest'ultimo è ottimo grazie ai grilletti adattivi. Mi accorgo immediatamente se la coda sbanda o le ruote si bloccano. È qui che il Dual Sense Controller mostra la sua potenza. In generale, l'esperienza di guida è realistica, ma senza competere con simulazioni come Assetto Corsa o iRacing. Le auto tendono a sottosterzare un po', cosa che può essere risolta in seguito con il tuning e le impostazioni. In questo caso Gran Turismo offre di nuovo tutte le possibilità immaginabili per armeggiare con la propria auto e rimane anche fedele a se stesso quando si tratta di abbellirla.

Oh sì, si possono anche progettare auto a proprio piacimento. La mia è quella con il 54. Almeno ci ho provato, ok?
Oh sì, si possono anche progettare auto a proprio piacimento. La mia è quella con il 54. Almeno ci ho provato, ok?

Mentre in «Forza» è sufficiente premere un pulsante per pimpare automaticamente la tua auto al livello successivo, GT7 richiede lavoro manuale. Ogni parte influisce sulla valutazione della tua auto. In base ai cosiddetti Performance Points, puoi valutare se hai qualche possibilità nella prossima gara. Il mio consiglio: compra sempre prima pneumatici e freni migliori e poi occupati della potenza dell'auto.

Ma c'è ancora molto che non ho testato: le menti creative possono lavorare sulla verniciatura delle auto nell'ampio editor, le sfide offrono varietà dalla quotidianità delle corse, la modalità online attira con vari campionati e nel «Music Rally» si corre contro il tempo su una canzone e si guadagnano preziosi secondi extra con i sorpassi.

La Svizzera c’è: la Lamborghini di «Emil Frey Racing».
La Svizzera c’è: la Lamborghini di «Emil Frey Racing».

Prima impressione

«Gran Turismo 7» si distingue non per le novità che offre, ma proprio perché non ne offre. I giapponesi hanno lasciato da parte tutte le tendenze dei giochi di corse degli ultimi anni. Non c'è una funzione rewind per salvarti se fai un errore di guida. Non puoi mancare i tuoi avversari dopo poche ore con un mostro da 1000 cavalli. Per quanto io possa dire, non c'è nemmeno la qualificazione: si parte sempre dal fondo. Non c’è alcun regalo, a meno che tu non compri dei crediti con le microtransazioni. Gran Turismo è come tenere di nuovo in mano l'album Panini finito del 1998. È completo, ma le pagine sono unte e hanno delle pieghe. Ma tutto questo non cambia le emozioni che il gioco suscita in me. I fan di Gran Turismo possono acquistarlo immediatamente. Lo stesso vale per tutti gli altri, anche se la navigazione richiede un po' di tempo per abituarcisi. Sarò sempre lieto di tornare a «Gran Turismo» negli anni a venire.

Sessione Playground

Il 26 marzo potrai gareggiare in «Gran Turismo 7» per ottenere fantastici premi, tra cui un volante Logitech in palio per il primo posto.

Premi

1° posto: buono digitec da CHF 200 e Logitech G G923 Trueforce per PC e PlayStation 2° posto: buono digitec da CHF 150 3° posto: buono digitec da CHF 100

Registrazione

A 34 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno.. 


Videogiochi
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader