Recensione

Canon EOS R7: fotografia faunistica che non costi un occhio della testa

David Lee
19.09.2022
Traduzione: Rebecca Vassella

A differenza di altre fotocamere per la fotografia sportiva e faunistica, la R7 non costa una fortuna. L'ho testata con un teleobiettivo economico.

La Canon EOS R7 non si chiama così per niente: per quanto riguarda l'orientamento, è la versione corrispondente mirrorless della vecchia fotocamera reflex EOS 7D. Come la 7D, la R7 non ha un reflex full frame, ma il formato APS-C più piccolo. Entrambe le fotocamere sono orientate alla fotografia sportiva, d'azione e di animali. Offrono quindi una funzione di scatto continuo e un autofocus veloce.

Se si confronta la R7 con le fotocamere sportive full frame, come la R3, si nota soprattutto che non è così estremamente costosa. Per questo l'ho testata con un teleobiettivo economico, perché volevo sapere se si possa fare fotografia sportiva e faunistica anche con un budget limitato – e se fosse così, bisogna abbassare le aspettative?

Canon Corpo EOS R7 (32.50 Mpx, APS-C / DX)
Fotocamera
1439.–

Canon Corpo EOS R7

32.50 Mpx, APS-C / DX

8
Canon 100-400mm f/5.6-8 IS USM RF
Obiettivo
Showroom
588.–

Canon 100-400mm f/5.6-8 IS USM RF

21

Velocità di scatto continuo: deve essere rapido

Per le scene veloci, sono necessari molti fotogrammi al secondo per cogliere il momento giusto. La differenza tra otturatore elettronico e meccanico è quindi importante quando si parla di velocità di scatto continuo.

L'otturatore elettronico è silenzioso e di solito molto più veloce di quello meccanico perché non deve essere spostato fisicamente. Tuttavia, a seconda della fotocamera, possono verificarsi fenomeni di rolling shutter e banding.

La R7 produce 30 fotogrammi al secondo con l'otturatore elettronico, il che è quasi sempre più che sufficiente. Con movimenti molto rapidi, tuttavia, si verifica un effetto rolling shutter, come si può vedere dal movimento del ventilatore nell'immagine.

Effetto rolling shutter: i motivi in movimento vengono visualizzati deformati.
Effetto rolling shutter: i motivi in movimento vengono visualizzati deformati.

Si verifica anche l'effetto banding: con la luce artificiale e tempi di chiusura brevi, appaiono strisce di diversa luminosità, che sono appunto causate dall'accensione a intermittenza della luce.

[[image:68655215 "Banding: strisce di diversa luminosità causate dalla luce artificiale.

Tuttavia, la R7 non presenta questi problemi, perché ha un otturatore meccanico che a sua volta è anche molto veloce. Con 15 fotogrammi al secondo, la fotocamera è una delle migliori in assoluto. Anche la reflex Canon EOS 1D X III con 16 fotogrammi al secondo, per la quale il produttore chiedeva più di 7000 franchi nel 2020, difficilmente scatta più rapidamente.

Con l'otturatore meccanico non si verifica l'effetto rolling shutter.
Con l'otturatore meccanico non si verifica l'effetto rolling shutter.

Tuttavia, in modalità video oppure quando la fotocamera deve essere silenziosa, è necessario l'otturatore elettronico. Questo è già il primo punto a sfavore rispetto a una fotocamera sportiva professionale come la R3, la Nikon Z9 o la Sony A9 II. Queste fotocamere leggono il sensore così rapidamente che l'effetto rolling shutter non pone alcun problema.

Le fotocamere sportive professionali possono anche mantenere la velocità di scatto continuo più a lungo. L'R3, ad esempio, produce diverse centinaia di immagini senza interruzioni. Secondo le specifiche, la memoria buffer dell'R7 è sufficiente per 41-187 immagini RAW, a seconda della scheda e delle impostazioni. Le mie erano circa 60 immagini RAW. Stranamente, la costanza dipende dal valore ISO utilizzato: a ISO 100, la fotocamera riesce a scattare più foto che a ISO 6400.

Potrei comunque convivere con questa restrizione, perché con una scheda di memoria veloce, il buffer si svuota rapidamente ed è subito pronto per la serie successiva.

Ottimo autofocus

L'autofocus rileva persone, animali e veicoli. Non ho testato quest'ultimo sull'R7, ma funziona bene su persone e animali. Se gli animali si trovano dietro a rami, sbarre di gabbie o altri ostacoli, rimangono comunque a fuoco con la configurazione appropriata. Ciò che non funziona, invece, è focalizzare su un uccello che si nasconde dietro a dei rami fin dall'inizio. Tuttavia, sono lamentele ad alto livello, poiché fino ad oggi non ho mai visto una fotocamera in grado di farlo.

Nonostante i molti fili d'erba, il citello rimane a fuoco.
Nonostante i molti fili d'erba, il citello rimane a fuoco.
L'autofocus può essere ottimizzato per ignorare gli ostacoli.
L'autofocus può essere ottimizzato per ignorare gli ostacoli.

Durante la prova, non ho trovato nessun difetto di una fotocamera sportiva molto costosa. Probabilmente non c'è mai stato così tanto autofocus per così poco denaro.

Una piccola critica che riguarda un errore molto confuso la devo comunque fare: quando la funzione di rintracciamento del motivo è attiva, appare l'opzione alternativa «abilita», mentre quando è inattiva, «disabilita». Canon ha quindi confuso l'etichettatura di «abilita» e «disabilita».

Lo stato del rintracciamento del motivo è etichettato in modo errato.
Lo stato del rintracciamento del motivo è etichettato in modo errato.

Obiettivo: molto buono per il prezzo

In fin dei conti è l'obiettivo a mettere a fuoco, mentre la fotocamera si limita a dare il comando. Pertanto, anche l'obiettivo deve essere sufficientemente veloce. Per quanto riguarda la Canon RF 100-400mm f/5,6-8 si può dire che, nonostante il suo basso prezzo, adempie al suo scopo. La messa a fuoco non è solo rapida, ma anche silenziosa, poiché Canon utilizza il moderno motore Nano USM.

Inoltre, l'obiettivo è molto leggero per essere un super teleobiettivo, molto vantaggioso per progetti mobili più lunghi. Tuttavia, la leggerezza dipende dall'intensità luminosa della luce. La quantità di luce che arriva al sensore dall’apertura è f/8. Di conseguenza, è spesso necessario scattare foto con valori ISO elevati. Molti dei miei scatti si trovano al limite superiore automatico di ISO 6400. Aumenta così anche il rumore della fotocamera.

Scatto inedito (JPEG) con scarsa illuminazione. Anche se scattata a ISO 6400, l'immagine è sottoesposta a f/8 e 1/2000 di secondo.
Scatto inedito (JPEG) con scarsa illuminazione. Anche se scattata a ISO 6400, l'immagine è sottoesposta a f/8 e 1/2000 di secondo.
Scatto modificato (RAW). L'immagine deve essere schiarita, il che aumenta il rumore di ISO 6400.
Scatto modificato (RAW). L'immagine deve essere schiarita, il che aumenta il rumore di ISO 6400.
Qui ho potuto fare esposizioni più lunghe: 1/400 di secondo e ISO 4000. Il risultato è okay.
Qui ho potuto fare esposizioni più lunghe: 1/400 di secondo e ISO 4000. Il risultato è okay.

Come se non bastasse, quando il soggetto si muove molto velocemente bisogna sempre lasciare un po' di spazio al suo intorno. Alcuni animali sono semplicemente troppo lontani, proprio come questo batticoda. Dovendo ritagliare l'immagine, la sua qualità ne risente ancora di più.

Quest'immagine deve essere ritagliata pesantemente. 400 mm, f/8, 1/3200 di secondo, ISO 6400.
Quest'immagine deve essere ritagliata pesantemente. 400 mm, f/8, 1/3200 di secondo, ISO 6400.
Il ritaglio rende anche molto visibile il rumore dell'immagine.
Il ritaglio rende anche molto visibile il rumore dell'immagine.

Con condizioni di luminosità adeguate si ottengono anche buone foto. Durante il periodo di prova, nessun uccello si è avvicinato alla fotocamera in piena luce. Puoi trovare foto uscite bene con questo obiettivo in questo rapporto di prova.

Un'alternativa ad alta luminosità potrebbe essere la Canon RF 100-500mm f/4.5-7.1L IS USM , con la quale è anche possibile zoomare un po' più da vicino su uccelli timidi. Tuttavia, questo obiettivo costa un occhio della testa. Siamo onesti: pure questa fotocamera avrebbe problemi con scarsa luminosità.

Un punto a favore dell'obiettivo 100-400 mm: anche a 400 mm è possibile mettere a fuoco fino a un metro di distanza. Ciò significa che anche soggetti piccoli come gli insetti possono essere fotografati in grande. L'ingrandimento massimo è di 0,58 rispetto allo 0,46 del 100-500 mm.

Video: qualità dell'immagine eccellente, ma solo con 25p

La fotocamera è in grado di riprodurre 4K senza ritaglio, ma offre comunque una modalità di ritaglio UHD come opzione. Viene utilizzata solo la parte centrale del sensore, che restringe il ritaglio dell'immagine di 1,8 volte. Questo diventa utile quando si riprendono gli animali con un teleobiettivo, poiché è possibile avvicinarsi un po' di più al soggetto. Sono possibili anche 50 o 60 fotogrammi al secondo senza ritaglio.

Tuttavia, c'è una restrizione: il cosiddetto «UHD fine» è disponibile solo con 24, 25 o 30 fotogrammi. Questo ridimensiona il video 4K in tempo reale da una risoluzione più alta (oversampling), ottenendo così un'immagine più nitida. A 50 o 60 fotogrammi al secondo, non viene letto l'intero sensore (line skipping). E questa differenza è ben visibile.

Estratto da un video 4K, a sinistra 25p, a destra 50p.
Estratto da un video 4K, a sinistra 25p, a destra 50p.

Nell'articolo sottostante vengono illustrati in dettaglio i tre tipi crop, oversampling e line skipping.

  • Sapere

    Was 4K-Crop, matschige Videos und Überhitzung gemeinsam haben

    di David Lee

Il passaggio dalla modalità foto a quella video avviene tramite l'interruttore on-off. Le due modalità hanno ciascuna un proprio menu di impostazioni, in modo da poter impostare tutto separatamente. I video possono essere avviati anche in modalità foto, essendo possibile scegliere impostazioni diverse rispetto alla modalità video. Ad esempio, un'impostazione utile potrebbe essere quella di selezionare 4K50p per i video di una sessione di fotografia d'azione e 4K25p con qualità superiore in modalità video, per quelli più lenti che possono essere programmati in anticipo.

Per verificare se la fotocamera si surriscaldi, ho usato il 4K con oversampling a circa 25 gradi. Dopo un'ora, la scheda di memoria era piena. La fotocamera si è riscaldata solo leggermente. Sullo schermo veniva visualizzata una scala termica che si fermava a circa due terzi del valore massimo. È quindi molto improbabile che bisogna interrompere una sessione con la R7 a causa del surriscaldamento della fotocamera.

Funzionamento e comandi: la rotella è stata reinventata

La fotocamera è dotata di un mini joystick, essenziale per allineare rapidamente il campo di messa a fuoco. Intorno al joystick è presente una rotella. Al posto della grande rotella della R3, R5 e R6, c'è più spazio per altri quattro pulsanti.

Il retro della Canon EOS R7
Il retro della Canon EOS R7
A confronto: il retro della Canon EOS R5
A confronto: il retro della Canon EOS R5

Per il mio pollice piuttosto piccolo, la rotella è un po' lontana però. Posso utilizzarla, ma la sua posizione non è ideale. Mi manca anche la seconda rotella in alto.

Canon utilizza la vecchia rotella al posto del pulsante sulla R7, che però non si può bloccare. Tuttavia, durante il periodo di prova, la rotella non si è mossa accidentalmente cambiando la modalità.

Come tutte le fotocamere Canon degli ultimi tempi, la R7 può essere configurata in modo molto personalizzato in termini di funzionamento. Ho l'impressione che anche questo sia necessario – e ci vuole tempo prima di trovare l'impostazione che fa più al caso proprio. Sarebbe addirittura bello se le impostazioni potessero essere salvate sulla scheda SD.

Un esempio dal campo della fotografia d'azione: con una funzione di scatto continuo veloce, spesso si ottengono decine di immagini quasi identiche, ed è pratico poter selezionarne la maggior parte già nella fotocamera. Con l'R7 questo è possibile, ma non è semplice da fare e richiede l'adattamento delle impostazioni della fotocamera.

A differenza di Sony, le immagini di una serie non vengono raggruppate. Ovviamente, la fotocamera sa quali immagini appartengono a una serie, dato che è possibile eliminare l'intera serie – chiamata scena – in una sola volta. Le immagini protette non vengono eliminate. Purtroppo, non c'è già un pulsante apposta per proteggere le immagini – bisogna prima impostarlo nel menu. Ho quindi configurato questo pulsante. Ho selezionato Af-On, e impostato che non si inneschi in modalità di registrazione. Infatti, Canon non separa le funzioni di riproduzione da quelle di registrazione durante la configurazione.

Mirino, durata della batteria e selezione dell'obiettivo

Quando ho visto le specifiche della R7, mi sono preoccupato per il mirino. Ha una risoluzione di 1024×768 pixel, che non è molto elevata. Ma quando l'ho provato, non mi ha dato problemi. E comunque le basse risoluzioni hanno un vantaggio: la fotocamera ha bisogno di meno energia. La batteria dell'R7 dura molto a lungo. I valori CIPA sono 550 con mirino e 700 con LCD. Due batterie sono state sufficienti per la mia vacanza di dieci giorni. Tuttavia, non ho registrato quasi nessun video.

Finora ci sono solo due obiettivi costruiti specificamente per i sensori APS-C nel sistema R. Si chiamano RF-S, corrispondenti agli EF-S per gli obiettivi APS-C delle fotocamere reflex. Uno dei due RF-S ha una distanza focale di 18-150 millimetri, molto pratica soprattutto in vacanza. La qualità dell'immagine di questo super zoom è okay, anche se potrebbe essere più nitida nella gamma dei teleobiettivi.

35 mm, 100 ISO, f/8
35 mm, 100 ISO, f/8

La stessa combinazione di distanza focale e illuminazione è già disponibile per il sistema EOS-M di Canon, anch'esso mirrorless e APS-C. Presumibilmente si tratta dello stesso obiettivo con una baionetta diversa.

Canon RF-S 18-150mm f/3.5-6.3 IS STM
Obiettivo
414.–

Canon RF-S 18-150mm f/3.5-6.3 IS STM

Canon EF-M 18-150mm f/3,5-6,3 IS STM
Obiettivo
380.–

Canon EF-M 18-150mm f/3,5-6,3 IS STM

29

Anche l'altro obiettivo RF-S con una distanza focale di 15-45 millimetri è già disponibile per EOS M. Probabilmente Canon rilascerà gradualmente altri obiettivi della gamma EOS M anche per il sistema EOS R. Dovrebbe quindi esserci un'ampia scelta di lenti RF-S a media scadenza. Tuttavia, non si sa se Canon progetterà nuovi obiettivi appositamente per l'RF-S – come, ad esempio, un super teleobiettivo ancora più compatto e leggero del 100-400 mm qui testato, il quale è stato progettato per il full frame.

Verdetto: sì, funziona, ma con piccoli compromessi

La Canon EOS R7 è una buona fotocamera sportiva e d'azione per i fotografi amatoriali. Se ti piace fotografare gli uccelli di tanto in tanto senza dover spendere 5000 o più franchi/euro, l'R7 è un'ottima opzione. Il suo autofocus è il migliore che abbia visto finora in questa fascia di prezzo.

Naturalmente, ci sono degli svantaggi rispetto a una vera fotocamera sportiva professionale. Il sensore ha un evidente effetto rolling shutter con l'otturatore elettronico. Fortunatamente questo problema può essere evitato, poiché anche l'otturatore meccanico è molto veloce. Anche la memoria buffer non è all'altezza degli standard professionali, ma con una scheda di memoria veloce e un uso misurato è raramente piena.

Sono positivamente sorpreso dal leggero e conveniente obiettivo 100-400 mm. In condizioni di buona luce, adempie al suo scopo di obiettivo per scatti faunistici e sportivi. In condizioni di scarsa illuminazione, tuttavia, raggiunge rapidamente i suoi limiti.

Per concludere, la combinazione di fotocamera e super teleobiettivo dimostra che al giorno d'oggi non è necessario spendere troppo per permettersi un'attrezzatura sportiva e d'azione che funzioni.

A 31 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo. 


Foto e video
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader