Presentazione di prodotti

Una scrivania per la vita?

Pia Seidel
06.05.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli

A volte mi innamoro delle superficialità. È qui che la scrivania «Journal» di Normann Copenhagen può brillare. Tuttavia, le manca una cosa cruciale.

Questa frase ci starebbe bene anche sul profilo di un’app di incontri: «Uso piccole cose per creare un ambiente confortevole dove le buone idee possono scorrere liberamente». Suona piuttosto bene e decisamente più creativo di alcune delle cose che di solito vedo su Tinder. Per me sarebbe un motivo per fare swipe a destra. Anche solo per vedere chi si cela dietro a queste frasi poetiche. È andata più o meno così con la scrivania «Journal» del marchio Normann Copenhagen – la frase abbindolante l’ho estrapolata dalla sua descrizione del prodotto.

Normann Copenhagen Journal (130 cm)
Scrivania
–6%
509.–anziché 542.–

Normann Copenhagen Journal

130 cm

2

L'ho comprata qualche mese fa perché il suo «profilo» mi ha conquistato. Certo, prima di tutto erano le foto. Siamo tutti un po’ superficiali. Poi ci è voluta solo la descrizione attraente e per me il gioco era fatto. Il match tra e me e Journal sussiste? Sì, questo sì. Ma non so dirti per quanto ancora.

Primo incontro

Vivo sola in un appartamento di 4 locali da qualche anno. È un sacco di spazio per una sola persona, lo so. Quando venivano a trovarmi gli amici, dicevano spesso: «Puoi allestire il tuo homeoffice nella quarta stanza», e io ero d'accordo con loro ogni volta. Proprio come quando mi chiedevano se non mi piacerebbe che un giorno un uomo si trasferisse da me. Poi è arrivata la pandemia e il telelavoro. La decisione era chiara: un uomo non entrerà in casa mia per il momento. Una scrivania sì.

Il legno di quercia dà al tavolo una cornice e un accento. Non urla ufficio.
Il legno di quercia dà al tavolo una cornice e un accento. Non urla ufficio.
Senza traverse, Journal potrebbe sembrare un tavolo da pranzo.
Senza traverse, Journal potrebbe sembrare un tavolo da pranzo.

Dietro il design di Journal c'è il product designer danese Simon Legald, che disegna regolarmente creazioni per il marchio Normann Copenhagen. Possiedo già due dei suoi mobili: il carrello di servizio Block e lo sgabello da bar Form. La scrivania mi è piaciuta subito nel colore grigio, anche perché è discreta. Ciononostante, non è un mobile senza personalità: i suoi dettagli la rendono speciale.

Per esempio, il piccolo cassetto dove metto le cose più importanti. È posizionato in modo che ho ancora sufficiente spazio per le gambe. Lo stesso vale per la traversa. Con la mia altezza di 174 centimetri, non mi dà fastidio e potrebbe essere rimossa se mai volessi usare la scrivania come tavolo da pranzo. Quello che mi piace di più di Journal è come incanala ordinatamente i cavi con la sua apposita apertura rivestita di silicone, e come i suoi piedi regolabili compensano le irregolarità del mio pavimento. Piccole cose che si completano a vicenda – come in una buona relazione.

Gli scomparti estraibili dei cassetti rendono facile la pulizia.
Gli scomparti estraibili dei cassetti rendono facile la pulizia.
Il tutto appare ordinato grazie al foro per i cavi.
Il tutto appare ordinato grazie al foro per i cavi.

Quando si lavora, il piano del tavolo laminato è piacevole sulla pelle. Basta passare un panno umido per pulirlo. Journal è anche disponibile nei colori petrol, bianco o nero. Io sono contenta di aver optato per il grigio. Probabilmente avrei visto meglio le macchie di caffè sulla superficie bianca e le macchie di unto sul nero.

Ho tenuto conto del fatto che Journal non è regolabile in altezza. Perché chi crede che i nuovi partner si adattino con il tempo alle proprie esigenze si sbaglia sempre. Possiedo già un'alternativa con cui posso essere infedele e lavorare in piedi.

  • Recensione

    «Upstaa»: provo l’alternativa alla scrivania per lavorare in piedi

    di Pia Seidel

E anche se Journal fosse regolabile in altezza, starei ancora fissando lo stesso muro dietro lo schermo. Con il supporto mobile ho un cambio di scenario e posso scegliere la base d’appoggio così come la direzione di visione a piacimento.

Ho bisogno dei miei spazi

All’inizio ero felicemente innamorata del tavolo grigio. Ora cominciano ad emergere i problemi. È compatto – forse troppo compatto per me. Il piano del tavolo è abbastanza largo per due schermi e una lampada da ufficio, ma vorrei essere in grado di spostare il mio schermo più indietro.

La larghezza è perfetta.
La larghezza è perfetta.
Manca solo la profondità.
Manca solo la profondità.

Journal non ha barato sulla grandezza nel suo profilo di app d’incontri. Il problema sono io. Con i suoi 65 centimetri, la scrivania è più profonda di una scrivania «segretario», ma è anche più corta delle scrivanie che si trovano comunemente negli uffici. Le sue misure sono in voga al momento. In tempi in cui molti hanno il lusso di lavorare da casa, solo poche persone hanno spazio per una scrivania o un ufficio completo. È qui che la sua forma snella torna utile.

È un match?

«Dieci centimetri in più e sarebbe un match perfetto», penso tra me e me oggi. Questa frase la sento spesso anche nella mia cerchia di amici, dopo un primo appuntamento. Ma quando si sceglie di avere un secondo appuntamento, la controparte di solito conquista con la personalità. È stato così anche con Journal. Solo che sono io ad essere infastidita dalle sue «inadeguatezze», e cerco un rimedio. Per mantenere una certa distanza e dare alle mie braccia più spazio, spingo lo schermo indietro di una decina di centimetri oltre il piano del tavolo.

Non bastano: le distanze tra schermo e tastiera e tra braccia e tastiera.
Non bastano: le distanze tra schermo e tastiera e tra braccia e tastiera.
Differenze sottili ma decisive.
Differenze sottili ma decisive.

Journal non sarà comunque un partner per la vita. Alla fine, non voglio il giovane belloccio, ma un grande e forte tavolo da conferenza. Il mio amore per l'ufficio, che non entrerebbe mai in casa mia. Non vedo l'ora di rivederlo quando potrò tornare in ufficio. Poi forse rivenderò questo tavolo sulla nostra piattaforma di incontri per prodotti usati. Scusa, Journal. Non sei tu, sono io. Ho bisogno di più spazio e la stanza mi piaceva di più quando ero ancora libera di scegliere cosa farci.

A 29 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

«Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.»
– Albert Einstein


Ufficio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Mobili
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader