Con la sedia da ufficio «To-swift» viaggio senza uscire di casa

Con la sedia da ufficio «To-swift» viaggio senza uscire di casa

Pia Seidel
Zurigo, il 24.03.2022
Traduzione: Nerea Buttacavoli

Il mix di sedile alto e sgabello della marca Trendoffice chiamato «to-swift» dovrebbe aiutarmi a non stare più seduta così rigidamente. Però non voglio nemmeno stare seduta con una postura scorretta. Per quanto tempo resisto senza schienale?

In realtà, ho già testato due sedie da ufficio piuttosto buone. È solo che in entrambe mancava qualcosa. Nel caso del modello Håg Capisco 8106, i soldi per acquistarlo. Nel caso del Håg Futu Mesh la «sella» del Capisco per abbandonare la malsana abitudine di accavallare le gambe.

Lo sgabello oscillante «to-swift» di Trendoffice potrebbe colmare entrambe le lacune. Il suo prezzo è ragionevole e il suo sedile è girevole. È anche più salvaspazio della maggior parte dei modelli sul mercato perché non ha lo schienale. Come un misto tra sedile alto e sgabello, posso alzarlo da 50 a 70 centimetri.

Per scoprire come mi trovo con l'ibrido, il produttore mi fornisce un campione che provo per tre settimane nel mio ufficio di casa. Non ho un approccio scientifico, ma guardo più da vicino il design e osservo come influenza le mie abitudini.

Assemblaggio e prima impressione

Il sedile alto/sgabello è confezionato in modo da risparmiare risorse. In tutti i sensi: viene consegnato in una scatola di cartone su misura e in una copertura di plastica. Il suo manuale d'istruzioni ha le dimensioni di un DIN A5 e mi sta subito simpatico.

Senza montaggio: metto in uso «To-swift» subito dopo il disimballaggio.
Senza montaggio: metto in uso «To-swift» subito dopo il disimballaggio.
Due pulsanti a destra e a sinistra servono per regolare l’altezza.
Due pulsanti a destra e a sinistra servono per regolare l’altezza.

«To-swift» non dev’essere montato. Mi basta impostare la giusta altezza del sedile usando i due pulsanti a destra e a sinistra. La sedia da ufficio «Futu», per esempio, è concepita per un'altezza del corpo tra 1,65 e 1,85 metri. Questo design invece è adatto per sedersi e appoggiarsi in piedi per le persone alte tra 1,50 e più di 2 metri.

Il suo esterno è essenzialmente definito da due elementi: la seduta rettangolare con un «rivestimento in tessuto Tonal» fatto di bottiglie di PET riciclate al 99 percento, e la base in polipropilene a forma convessa, sotto la quale c'è una piastra inferiore rivestita di gomma. Quest’ultima è per evitare che perda l’equilibrio.

Grazie alla forma e al colore sobri, lo sgabello oscillante si combina bene con il resto dell’arredamento. Si abbina perfettamente alla mia scrivania grigia. E se così non fosse non sarebbe un problema: regolato all’altezza più bassa, può scomparire sotto il tavolo quando non è in uso. Mi dà una distanza fisica e visiva dalla postazione di lavoro.

Con questo sgabello dico addio agli ingombranti schienali e ciao a più spazio in casa.
Con questo sgabello dico addio agli ingombranti schienali e ciao a più spazio in casa.

Ciononostante, non sarei io se non prestassi attenzione ai dettagli. Il bianco è bello, ma troppo freddo per me. Appare troppo sterile in un salotto e si adatterebbe meglio a uno studio dentistico. Se dovessi decidere di comprare questo modello dopo il test, lo sceglierei in una tonalità sabbia o gialla – l'importante è che sia un colore più caldo.

Inoltre, non mi piace quando le etichette ostentano il loro nome. Soprattutto non quando non è particolarmente bello. Quello che mi è piaciuto delle sedie da ufficio «Capisco» e «Futu» di Håg è che invece di un logo, è il poggiapiedi a strisce il segno distintivo.

In realtà, pensavo che la «Logomania» fosse superata. Ma qui il nome è posizionato in modo prominente.
In realtà, pensavo che la «Logomania» fosse superata. Ma qui il nome è posizionato in modo prominente.

Funzionalità: il primo giorno

Prima di usarlo per la prima volta, temevo che mi sarei ribaltata sul mio parquet liscio oscillando avanti e indietro, ma grazie alla parte inferiore profilata, questo non è un problema. È piuttosto il sedersi sopra che mi preoccupa. Mi sento come quando dovevo saltare la cavallina nell'ora di ginnastica. Su un’altezza ridotta, salgo sullo sgabello senza vacillare e atterro dolcemente. Quando uso «to-swift» come appoggio mentre sto in piedi, però, mi preoccupo fino alla fine se mi siederò bene subito o se dovrò prima arrampicarmi.

Ma una volta che sono seduta correttamente, dondolarmi è divertente. Posso oscillare non solo lateralmente ma anche avanti a indietro posizionando la piastra di base in modo diverso. Se ci fossero le ruote non sarebbe possibile. In cambio devo alzarmi ogni volta che voglio spostarmi.

Come sperato, con lo sgabello oscillante non sto quasi mai ferma e mai rigida.
Come sperato, con lo sgabello oscillante non sto quasi mai ferma e mai rigida.

Lo sgabello oscillante è mantenuto semplice; posso solo regolare l'altezza. Due pulsanti neri, integrati in modo poco appariscente nella parte inferiore del sedile, servono a questo scopo. Con il «Capisco», per esempio, avevo la possibilità di determinare quanto oscillasse, cioè la resistenza. E con il «Futu» potevo regolare individualmente il supporto lombare nello schienale. Ora non ho queste funzioni e nemmeno uno schienale da regolare. Questo ha dei vantaggi: giro da sinistra a destra e viceversa più spesso perché niente può colpire il bordo del tavolo.

Mi piacciono le meccaniche nascoste.
Mi piacciono le meccaniche nascoste.

Dopo tre settimane di utilizzo

Nel frattempo, mi sono stabilita in un ritmo che riesco a gestire bene. Uso Swift come sgabello alla mia scrivania. Posizionata al livello più alto, ogni tanto la uso come appoggio mentre sto in piedi in combinazione con il mio rialzo «Upstaa». Questa flessibilità nella vita lavorativa quotidiana mi piace. Il fatto che non ci sia un bracciolo o uno schienale come sull’Håg «Futu» non mi dispiace affatto. I miei muscoli della schiena sembrano essere abbastanza forti. Correggo la mia postura senza sforzo e mi manca il supporto solo quando sono stanca. Una pausa o un caffè di solito mi aiutano a svegliarmi di nuovo.

Ogni tanto mi viene voglia di accavallare le gambe, ma poi cambio subito posizione e mi siedo di lato. Lo sgabello oscillante raggiunge così lo stesso effetto del «Capisco» con la sua seduta a sella rialzata. L'unica cosa è che non è così comodo. Il sedile sembra più duro di quello delle sedie da ufficio Håg. A volte i bordi premono sulle mie cosce, così che mi alzo volontariamente per lavorare di nuovo completamente in piedi.

Promemoria amichevole per lavorare in piedi: i bordi del sedile si sentono troppo duri dopo un po’.
Promemoria amichevole per lavorare in piedi: i bordi del sedile si sentono troppo duri dopo un po’.

Materiale, cura e produzione

Oltre al design, mi piace che è fatto in Europa: «To-swift» viene progettato in Germania e prodotto in Italia. Anche se ha solo un anno di vita, il marchio Trendoffice appartiene al produttore di sedute per ufficio Dauphin, che produce mobili ergonomici da oltre 50 anni. Questo know-how di lunga data si riflette nella lavorazione pulita. In poco tempo non posso notare alcun cambiamento di colore della stoffa, ma posso già vedere quanto sia facile prendersi cura della sedia da ufficio: un panno umido per togliere la polvere dalla base è sufficiente per farla risplendere di nuovo. E se dovesse succedere qualcosa, il produttore offre pezzi di ricambio da riordinare.

Quando lo sgabello si impolvera, lo pulisco con un panno umido e acqua.
Quando lo sgabello si impolvera, lo pulisco con un panno umido e acqua.

Il mio verdetto: più slancio, atterraggio meno morbido

Con il sedile alto/sgabello Trendoffice mi dondolo e mi giro avanti e indietro più che con l'Håg «Futu» perché non ci sono schienali che ostacolano. Quest’ultima caratteristica, tuttavia, sfida i muscoli della schiena. Per chi non ha una schiena forte, questo modello deve essere usato con cautela. Perché qui non c'è niente che ti sostiene, se non tu. Mi piace perché devo sempre ottimizzare la mia postura e rimanere in movimento, il che a sua volta mi fa sentire più sveglia e in forma. Per qualcuno con attacchi di calore, la mancanza di uno schienale è un vantaggio. Il retro è permanentemente arieggiato e la cosa migliore: lo sgabello risparmia spazio vitale. Quando il lavoro è finito, può semplicemente scomparire sotto il tavolo e fuori dal campo visivo. In questo modo, è possibile tracciare meglio la linea di demarcazione tra le aree di lavoro e quelle di vita, soprattutto nell'ufficio domestico.

La parte superiore può essere ruotata e i destri e i mancini possono usare comodamente i pulsanti su entrambi i lati per regolare l'altezza. Un altro vantaggio è che la seduta laterale sullo sgabello, proprio come il sedile del «Capisco», mi impedisce di accavallare le gambe e mi costa meno. Per circa 200 franchi, il design di Trendoffice è più economico dei modelli Håg (poco meno di 600 e 1300 franchi) e perfetto per chi vuole lavorarci solo occasionalmente nell’ufficio di casa. Anche perché il cuscino del sedile potrebbe essere un po' più morbido.

Lo sgabello oscillante è una sedia da ufficio minimalista che si nota appena a casa.
Lo sgabello oscillante è una sedia da ufficio minimalista che si nota appena a casa.

Da parte mia, per ora restituisco la mia sedia campione in modo da poterne testare altre e aggiornarvi su quale si trasferirà a casa mia in modo permanente.

A 37 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

«Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.»
– Albert Einstein


Ufficio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Mobili
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

B2B
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader