«The Mandalorian», stagione 2 – «Capitolo 12: L'assedio»

«The Mandalorian», stagione 2 – «Capitolo 12: L'assedio»

Luca Fontana
Zurigo, il 20.11.2020
Traduzione: Leandra Amato
La missione è chiara: Mando e il bambino devono andare a Corvus, dove si trova Ahsoka Tano, una Jedi. Ma prima atterrano su Nevarro, dove scoprono macchinazioni che minacciano l'intera galassia.

Prima di iniziare: questa è la recensione di un episodio e contiene spoiler. Quindi guarda prima l'episodio «The Mandalorian – Capitolo 12: L'assedio» e poi continua a leggere.


Abbiamo già visto tre degli otto capitoli di «The Mandalorian». Din Djarin, Mando (Pedro Pascal), deve riportare il bambino – che i fan chiamano affettuosamente Baby Yoda – ai suoi simili, gli Jedi. Sulla luna di Trask, Djarin scopre dall'erede al trono mandaloriano Bo-Katan Kryze dove trovare una Jedi. La nuova destinazione di Djarin è quindi il pianeta foresta Corvus.

*«The Mandalorian», stagione 2** – «Capitolo 11: L'ereditiera»
placeholder

placeholder

Tuttavia, con la Razor Crest nello stato attuale, Djarin, il Mando, non va lontano. Troppi danni causati da una lotta con i piloti di X-Wing della Nuova Repubblica. Mando chiede aiuto su Nevarro, dove incontra due amici e una vecchia taglia ben nota. Poi scoprono un complotto che minaccia l'intera galassia.

Questi sono i momenti migliori e gli Easter egg dell'episodio.

Riunione con vecchi amici... e nemici

Pian piano, impariamo a conoscere la formula. Nella sua ricerca attraverso la galassia, il mandaloriano incontra vecchi amici e nemici. La reazione da spettatore, di solito, è la seguente: «Ah, quello è il tizio di quell'episodio della prima stagione, che ha fatto questo insieme a quell'altro...». O qualcosa del genere. A quanto pare, la galassia è piccola.

Carasynthia Dune (Gina Carano) e Greef Karga (Carl Weathers).
Carasynthia Dune (Gina Carano) e Greef Karga (Carl Weathers).
Disney+

Lo so, lo so. Sento già gli scettici che dicono «Mancanza di idee!» e «Non possono inventarsi qualcosa di nuovo!?». Ma a me piace quando «The Mandalorian» si riferisce a se stesso. O, come lo definisco io: mi piace quando la serie espande la propria mitologia. È inconfondibile che «The Mandalorian» sia ambientato nell'universo di «Star Wars»: gli stormtrooper, l'elmo mandaloriano di Din Djarin e il piccolo simile di Yoda.

Tuttavia, per fare in modo che «The Mandalorian» funzioni effettivamente da solo, ha bisogno di un certo grado di autoreferenzialità. I personaggi introdotti sono abbastanza importanti e interessanti, da figurare anche nei prossimi episodi. Per noi spettatori sarebbe come un «ritorno a casa». E comunque: non deve essere sempre tutto incentrato sulla famiglia Skywalker.

Quindi sono felice di vedere l'ex ribelle e amica di Mando Carasynthia Dune e l'ex mandante di mercenari Greef Karga, interpretato da Carl Weathers, che ha anche diretto l'episodio.

Nella prima stagione la sua specie si chiamava ancora Mythrol. Ora il Mythrol stesso si chiama semplicemente Mythrol (Horatio Sanz).
Nella prima stagione la sua specie si chiamava ancora Mythrol. Ora il Mythrol stesso si chiama semplicemente Mythrol (Horatio Sanz).
Disney+

E naturalmente anche Mythrol, il primissimo bottino di Mando nel primo capitolo della prima stagione – il capitolo si chiama «Il Mandaloriano» – che Mando ha catturato sul pianeta ghiacciato Maldo Kreis, congelato nella carbonite, portato a Greef Karga e scambiato con alcuni Calamari Flan; gli stessi Flan con cui Mando ha pagato il Quarren – mai fidarsi di un Quarren – su Trask nell'ultimo capitolo «L'ereditiera», che avrebbe dovuto condurlo ad un clan mandaloriano, ma che... beh, il resto lo sappiamo.

Come già detto: lo adoro.

Il bambino va a scuola – leggendario!

Non so esattamente a cosa serva la scena. Tutto quello che so è che «Baby Yoda» va a scuola per un episodio e che questa è una delle cose più grandiose che Star Wars abbia mai prodotto. Almeno non sta sterminando popolazioni di pesci, cosa che sconvolgerebbe di nuovo Internet.

Solo un lieve caso di «I have no idea what I’m doing».
Solo un lieve caso di «I have no idea what I’m doing».
Disney+

E a proposito, dopo il latte blu, «The Mandalorian» introduce un'altra cosa assurda ma geniale: i macaron blu.

Dank Farrik!?

Dank Farrik non è un nome, né un luogo, né una persona. Almeno credo. È un'imprecazione presente in tutta la serie «The Mandalorian». Tipo «Dannazione!». Quindi

Dank Farrik a tutti!

Il vecchio «cantiere» abbandonato

La missione della settimana: un ultimo residuo dell'Impero sta causando problemi. Una vecchia base imperiale, fuori dalla città dove Greef e lo sceriffo Carasynthia mantengono la legge e l'ordine. La base stessa sarebbe esistita fin dall'inizio dell'Impero, ma non è stata completamente chiusa fino ad oggi. Una spina nel fianco di Carasynthia e Greef.

Ma il pericolo non è la piccola squadra di emergenza che ancora gestisce la base, bensì le armi e i veicoli che vi sono ancora conservati e che potrebbero cadere nelle mani di saccheggiatori. Se dovessero coprire i mercati neri, a Nevarro regnerebbero ancora una volta il caos e la violenza.

Una normale base imperiale... oppure no.
Una normale base imperiale... oppure no.
Disney+

La base si rivela essere un laboratorio. In Bacta Tank, degli alieni galleggiano, probabilmente senza vita. Gli esperimenti genetici sembravano essere all'ordine del giorno. O lo sono ancora: una registrazione d'archivio di tre giorni fa mostra Pershing, lo scienziato imperiale del «Capitolo 3: Il peccato».

Parla di tentativi falliti, di conseguenze catastrofiche, di sangue dato a soggetti che sono stati scartati dopo 14 giorni e di mancanza di sangue sostitutivo, dato che solo il sangue del donatore ha valori M sufficientemente alti – probabilmente si tratta di Midi-chlorian. Pershing parla del bambino.

Sono l'unico che pensa al Leader Supremo Snoke di «L'ascesa di Skywalker» guardando i Bacta Tank?
Sono l'unico che pensa al Leader Supremo Snoke di «L'ascesa di Skywalker» guardando i Bacta Tank?
Disney+

Facciamo delle congetture. Stiamo assistendo ai primi tentativi di clonazione dell'Imperatore? Dopotutto, ha creato il Leader Supremo Snoke, che a sua volta è alla base della fondazione del Primo Ordine.

Non sembra così inverosimile, soprattutto nel contesto di quello che sentiamo dal pilota di X-Wing Carson Teva alla fine dell'episodio.

Piloti di X-Wing e stormtrooper geneticamente modificati

Le ultime due scene: Carson cerca di convincere Carasynthia, l'ex ribelle, a lavorare per la Nuova Repubblica. Per il momento lei rifiuta. Ma Carson è determinato a perseverare. Qualcosa di brutto sta accadendo qui, nell'Outer Rim – le regioni esterne della galassia. Nei Mondi Nucleari non si crede a tali fantasie. Ma lui, Carson, sente che stanno arrivando tempi bui.

Carson sta lentamente diventando un personaggio fisso. Ha già dato la caccia a Mando nel «Capitolo 10».
Carson sta lentamente diventando un personaggio fisso. Ha già dato la caccia a Mando nel «Capitolo 10».
Disney+

Cambio di scena. Un incrociatore imperiale galleggia nell'immagine come in «Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza» del 1977. Un ufficiale imperiale parla via ologramma a uno dei meccanici che ha rattoppato la Razor Crest. La nave è ora dotata di un radiofaro. L'ufficiale sembra soddisfatta e promette al meccanico di essere riccamente ricompensato nella «nuova era».

Ci risiamo. Una nuova era. Spero non stia parlando del Primo Ordine, soprattutto dopo il discorso di Carson. Tutto ciò che sappiamo, è che è stato rifondato dopo la devastante sconfitta nella Battaglia di Jakku dai resti dell'Impero Galattico nelle Regioni ignote – nascosto e lontano dalla sfera di influenza della Nuova Repubblica fino al giorno in cui il Primo Ordine fu abbastanza grande da far sprofondare la galassia in una nuova guerra.

Qualcuno conosce l'attrice? Ho la sensazione che sarà importante in seguito.
Qualcuno conosce l'attrice? Ho la sensazione che sarà importante in seguito.
Disney+

E poi un'ultima scena con Moff Gideon. Sta in piedi, pieno di ammirazione davanti a qualcosa... non si vede bene cosa. Probabilmente stormtrooper geneticamente modificati. Forse con il sangue del bambino. Non sono sicuro in cosa potrebbe aiutare gli stormtrooper. Gideon, però, non vede l'ora di iniziare l'inseguimento della Razor Crest.

Chi lo sa: ci sarà una battaglia tra Ahsoka Tano e stormtrooper geneticamente modificati nella prossima puntata?

Conclusione: all'inizio «mah» e poi «ooooh»

Nuova settimana, nuovo episodio, un altro Luca felice. Ok, il capitolo 12, «L'assedio», di Carl Weathers non riesce a mantenere l'alto livello del capitolo precedente. Soprattutto all'inizio.

Carl Weathers non solo recita, ma dirige anche.
Carl Weathers non solo recita, ma dirige anche.
Disney+

In realtà, speravo in una grande entrata in scena di Ahsoka Tano. Poi la scena, per quanto carina, con Mando e il bambino che cercano di riparare la loro nave quasi rotta. Seguita da un «non funzionerà. Dobbiamo atterrare da qualche parte e chiedere aiuto».

Ho pensato subito a un episodio di riempimento.

Mando incontra i suoi amici, spiega che la nave deve essere riparata, e Greef pensa «posso farlo, ma ci vorrà un po' di tempo. Nel frattempo puoi aiutarmi con un problema». La tipica formula di «The Mandalorian».

Le cose si fanno interessanti quando le truppe si rendono conto che la base imperiale non è una semplice base, bensì un laboratorio. Mi viene in mente il Leader Supremo Snoke. Il Primo Ordine. O forse anche l'Imperatore stesso? Aveva bisogno del sangue del bambino per preservare il suo corpo malconcio? Improvvisamente non si tratta più di un'avventura locale come nel «Capitolo 9: Lo sceriffo», ma dell'intera galassia.

Nessuna traccia di episodio di riempimento.

Qualcosa di grande sta arrivando, ne sono sicuro.
Qualcosa di grande sta arrivando, ne sono sicuro.
Disney+

Quello che segue è un inseguimento inscenato in modo assolutamente ingegnoso, con TIE Fighter e stormtrooper che riescono a colpire il bersaglio. Carl Weathers non si trattiene su questo. Lascia che gli stormtrooper si schiantino brutalmente tra il carro armato e la parete rocciosa o che vengano fatti a pezzi in un'esplosione laser. Bello. «Star Wars» ha sempre avuto la tendenza ad essere un po' brutale. Non ho bisogno di «ammorbidente Disney». E, in effetti, non c'è.

Non in questo episodio.


Ti è piaciuto l'episodio? Ho tralasciato altri Easter egg? Fammelo sapere nei commenti. Venerdì prossimo continueremo con il «Capitolo 13». Ora però voglio vedere Ahsoka Tano.

A 20 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli