Secondo le statistiche ascoltiamo la radio quotidianamente. È vero?

Secondo le statistiche ascoltiamo la radio quotidianamente. È vero?

David Lee
Zurigo, il 21.05.2018
Traduzione: Sanela Dragulovic
In Svizzera, la maggior parte delle persone ascolta ancora la radio quotidianamente. Almeno è quello che si dice, ma sarà vero? Da dove viene questa affermazione? Ecco alcune informazioni sul consumo radiofonico e su come viene misurato.

Ho sentito più volte (ma non alla radio) che la radio è il mezzo di comunicazione più diffuso in Svizzera, almeno fino ad oggi, citando cifre relative al consumo che mi sembrano troppo elevate. Stando a queste fonti, oltre l'80 per cento della popolazione svizzera ascolta la radio ogni giorno. Davvero? Non ci potevo credere. Per me anche la televisione è obsoleta, uso questo mezzo di comunicazione, nella sua forma classica, solo per la diretta trasmissione di eventi sportivi. La radio la ascolto invece forse due volte all'anno. Non conosco nessuno che ascolti la radio ogni giorno, ne sono sicuro. Tuttavia, è possibile che la mia percezione non sia del tutto rappresentativa. Quindi volevo saperne di più: come si arriva a queste cifre? Troverò il motivo per cui così tante persone ascoltano la radio?

Da dove arrivano le statistiche

Le cifre relative ai consumi radiotelevisivi in Svizzera vengono misurate dalla fondazione indipendente Mediapulse e dalla sua affiliata Mediapulse SA. Mediapulse ha ricevuto l’incarico da parte della Confederazione di pubblicare rapporti accessibili al pubblico. Mediapulse scrive (solo in tedesco e francese) che l’86,7% della popolazione delle aree germanofone della Svizzera ascolta la radio quotidianamente per 115 minuti.

Come si effettua la misurazione

In pratica, la Fondazione pubblica i dettagli del metodo di misurazione sul proprio sito web. Come funziona: le persone che partecipano alle misurazioni indossano per un certo periodo di tempo un orologio da polso speciale che ascolta e riconosce, un po’ come l'app «Shazam», se un programma radio è in riproduzione e, in caso affermativo, quale. Le misurazioni sono distribuite proporzionalmente alle regioni linguistiche e sono anche più o meno rappresentative in termini di età e sesso. Secondo Mediapulse, la protezione dei dati è garantita anche da una compressione irreversibile dei dati. Il seguente punto è interessante: Mediapluse scrive sul suo sito web che la sensibilità del sistema di misurazione corrisponde a quella dell'orecchio umano e può anche registrare il consumo radiofonico passivo. Inoltre, il consumo passivo dovrebbe in parte spiegare gli elevati tassi di utilizzo, poiché quando un programma radiofonico viene trasmesso nei negozi, ristoranti, ecc., tutti coloro che si trovano lì diventano automaticamente radioascoltatori stando a questo tipo di misurazione.

Gli orologi utilizzati per la misurazione sembrano dei tradizionali orologi da polso. Essi sono progettati dall’istituto tedesco di ricerca sul mercato (Marktforschungsunternehmen GfK).
Gli orologi utilizzati per la misurazione sembrano dei tradizionali orologi da polso. Essi sono progettati dall’istituto tedesco di ricerca sul mercato (Marktforschungsunternehmen GfK).

Se hai le cuffie accese e ascolti Spotify in un ambiente in cui è in funzione la radio, la misurazione non è corretta. Inoltre, non è possibile misurare il consumo radiofonico tramite cuffie. Nonostante queste riserve, non conosco un metodo di misurazione migliore. In definitiva, solo l'ascoltatore (o il non ascoltatore) può dire se il consumo è avvenuto consapevolmente e intenzionalmente. Dal 1° luglio 2017 Mediapulse utilizza un nuovo metodo di misurazione. Tuttavia, il principio di base della misurazione tramite gli orologi e l'uso passivo non è cambiato. Vengono utilizzati nuovi orologi e in un numero notevolmente superiore, rendendo la misurazione più rappresentativa. Nella seconda metà del 2017, le misurazioni sono state effettuate in parallelo con il nuovo e il vecchio metodo, a partire dal 2018 solo con il nuovo. A seguito del passaggio, a partire dal rapporto annuale 2018 i dati non saranno più direttamente comparabili a quelli degli anni precedenti. Per maggiori informazioni relativi al metodo di misurazione consulta la seguente presentazione online (solo in tedesco e francese).

La Svizzera e la radio

Nel rapporto relativo al consumo radiofonico e televisivo sono riportati i dati in dettaglio. Tuttavia, a quanto ammontino effettivamente le quote di ascoltatori attivi e passivi è pura speculazione sulla cui base troviamo importanti indizi.

Consumo mediatico durante una giornata tipo.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

In base a quanto riportato sul grafico, il consumo televisivo (nero) è più accentuato durante la sera, mentre quello radiofonico (rosso) è distribuito lungo tutto l’arco della giornata con un picco la mattina presto e uno minore sul mezzogiorno. Si presuppone dunque che le persone ascoltino la radio in macchina e durante il lavoro.

Automobile: negli orari di punta (anche sul mezzogiorno) la curva sale. Ascoltare la radio in macchina è una delle poche attività che si possono fare e sono permesse alla guida.

Lavoro: l'uso è sorprendentemente costante durante gli orari d'ufficio. Le persone attive ascoltano meno radio rispetto ai pensionati, tuttavia dalle statistiche risulta una quota sorprendentemente alta. Anche nella fascia di età 15-24 anni, quasi il 70 per cento degli intervistati ascolta la radio ogni giorno. Il tempo di utilizzo giornaliero è molto inferiore a quello della fascia di età oltre ai 60 anni, tuttavia è ancora di ben 46 minuti. A questo proposito è interessante notare che a partire dalle 10 del mattino, l'uso della radio e di Internet hanno una curva opposta. Il grafico del 2013, quando il numero di persone online era ancora relativamente basso nelle ore di punta, lo dimostra chiaramente. È sicuramente dovuto al fatto che mentre si guida non è possibile navigare in Internet.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Cosa rivelano le cifre?

Dai rapporti di Mediapulse risulta, inoltre, anche il numero di famiglie che hanno una radio digitale (DAB+).

2013 26 Prozent
201431 Prozent
201532 Prozent
201638 Prozent
201739 Prozent

La percentuale di famiglie che negli ultimi anni non disponeva di radio si aggira sempre attorno al 6-7 per cento.

Il mio primo pensiero è stato che queste cifre mostrano quanto gli svizzeri siano ancora interessati alla radio in generale. A differenza delle radio FM, le radio DAB sono state acquistate nel recente passato. Tuttavia, le radio DAB sono spesso già integrate nelle automobili nuove. È, pertanto, difficile dire se gli acquirenti sono davvero interessati alla radio come mezzo di comunicazione.

È in questo caso che le statistiche della nostra azienda si rivelano utili. Da qualche tempo il nostro shop vende principalmente radio con DAB+. Soprattutto per il consumo in casa, l'80-90 per cento delle radio vendute sono dotate di DAB+. Inoltre, ciò vale anche per le autoradio, dove la quota di DAB ha registrato un forte aumento negli ultimi due anni. Attualmente si attesta poco al di sotto dell'80 per cento. Poiché si tratta di radio moderne, l'interesse è chiaro.

Stato delle vendite di radio presso digitec Galaxus
Stato delle vendite di radio presso digitec Galaxus

Quali emittenti?

Dai rapporti Mediapulse emerge questo dato: nella Svizzera tedesca la radio più ascoltata è la SRF. La SRG detiene una quota di mercato di circa due terzi, la sola SRF 1 genera circa il 30% e quindi la medesima di tutte le radio private. Quest’ultime sono suddivise in decine di piccole stazioni locali, nessuna delle quali raggiunge più del tre per cento. Pertanto, diverse risultano con una quota dello 0,0%.

Conclusione: presenza poco appariscente

Anche se non è ancora chiaro quanto sia elevata la percentuale di utilizzo passivo, le cifre rimangono alte. La mia spiegazione è che la radio è un mezzo di accompagnamento poco appariscente che, a differenza della televisione, non è in primo piano. Ecco perché a volte non ci rendiamo nemmeno conto che ascoltiamo la radio.

A 36 persone piace questo articolo


David Lee
David Lee
Senior Editor, Zurigo
Il mio interesse per il mondo IT e lo scrivere mi hanno portato molto presto a lavorare nel giornalismo tecnologico (2000). Mi interessa come possiamo usare la tecnologia senza essere usati a nostra volta. Fuori dall'ufficio sono un musicista che combina un talento mediocre con un entusiamso eccessivo.

Potrebbero interessarti anche questi articoli