Recensione del film «Mulan»: bello e di valore, ma non eccezionale

Recensione del film «Mulan»: bello e di valore, ma non eccezionale

Luca Fontana
Zurigo, il 04.09.2020
Traduzione: Leandra Amato
Se c'è una cosa che «Mulan» non vuole, è essere una copia stanca del suo cartone animato. In questo riesce molto meglio rispetto ai recenti remake Disney. Ma molto più importante è una lezione che il film insegna.

Per prima cosa: non preoccuparti. Non ci sono spoiler nella recensione. Leggi solo ciò che è noto dai trailer già rilasciati.


La Cina è minacciata. Il nemico viene da nord. Gli Unni, saccheggiando un villaggio dopo l'altro, avanzano. L'imperatore cinese (Jet Li) agisce e ordina: in tutto l'impero, ogni famiglia deve mandare un uomo ad unirsi al grande esercito che deve respingere gli invasori.

Mulan Hua (Yifei Liu) è una donna. Il suo posto nella società è chiaramente prescritto: essere una buona moglie e la madre dei suoi figli. Mulan è diversa. Insubordinata. Lottatrice. Ha un buon cuore, ma tende a portare disonore alla famiglia con le sue ribellioni.

Poi, quando il messaggero dell’imperatore arriva al villaggio, l'unico uomo della famiglia di Mulan è suo padre, un vecchio veterano di guerra indebolito dalle ferite. Se dovesse andare in guerra, non tornerà mai più. Per zelo ribelle e per amore del padre, Mulan decide di rubare l'armatura e la spada per unirsi all’esercito imperiale in incognito e travestita da uomo.

La polemica su «Mulan»

Le polemiche su «Mulan» sono iniziate presto. In realtà già nel 1998, quando la versione animata del racconto popolare cinese della Disney è arrivata nelle sale cinematografiche. Il punto della critica: la cultura cinese è chiaramente plasmata dalle idee e dai cliché occidentali. Draghi, giada, lanterne rosse. In Cina, il film «Mulan» del 1998 non ha quindi goduto di molta popolarità fino ad oggi.

Ma andiamo avanti. Marzo 2017. La regista Niki Caro annuncia, che la sua versione live-action del film Disney non vuole essere una copia 1:1 del cartone animato, bensì una fedele rappresentazione del racconto popolare cinese. Un'epopea di «arti marziali aggraziate».

Di conseguenza, non ci sono canzoni nel film. Ma non è tutto. Neanche alcuni dei personaggi iconici, come il drago Mushu e il figlio del generale Li Shang. Ohi. «Mulan» senza «Farò di te un uomo»? Grazie, ma no.

La pandemia di quest'anno ha quasi fatto traboccare il vaso. Il film è stato rimandato tre volte. Poi l'esilio definitivo dal cinema: «Mulan» è attualmente disponibile solo sul servizio di streaming Disney+. E solo per una tassa supplementare di 29.90 franchi o euro. Non a tutti piace.

*«Mulan» solo su Disney+**: è la fine dei cinema?
placeholder

placeholder

Polemiche a parte. Come se la cava il film?

L'emancipazione riesce – quasi

In realtà, la premessa non è male. Il film potrebbe sorprendere, proprio perché le aspettative sono cautamente riservate. E la promessa fatta dalla regista Niki Caro non potrebbe essere più allettante. Almeno «Mulan» non è un adattamento cinematografico che gioca intensamente con la nostalgia della sua versione animata.

Tanti saluti a «La Bella e la Bestia», «Aladdin» e «Il Re Leone».

«Mulan» è davvero molto più maturo. Meno infantile. Già solo per l’assenza di personaggi animaleschi che possano parlare in perfetto stile Disney. Poi le scene d'azione.

Oh, quelle scene d'azione! A volte «Mulan» sembra quasi un parente stretto di classici cinesi come «La tigre e il dragone» o «Hero» Soprattutto quando si tratta di azioni fatte a mano. Ad esempio, quando Mulan vola attraverso le scene su cavi ovviamente ritoccati, cammina lungo i muri e fa oscillare la spada in un duello, come se stesse eseguendo una danza poetica con la sua controparte.

In un ruolo secondario: Donnie Yen. Conosciuto da «Ip Man» e «Rogue One: A Star Wars Story», e maestro di arti marziali
In un ruolo secondario: Donnie Yen. Conosciuto da «Ip Man» e «Rogue One: A Star Wars Story», e maestro di arti marziali
Disney

Questo piace e allo stesso tempo è il più lontano possibile dal cartone animato. Ma: è proprio questa distanza che il film non mantiene abbastanza bene durante i suoi 115 minuti. Se sei un fan del cartone animato, hai un problema: nel confronto diretto, la versione live-action non regge. Spesso manca il fascino. Il cuore. La vicinanza. «Questo passaggio mi piace di più nel cartone animato» è un pensiero che continua a sorgere.

Ad esempio, quando Mulan decide di prendere il posto del padre nell’esercito imperiale cinese con la musica da film scritta da Jerry Goldsmith. Nel cartone animato c'è una discussione. Nella versione live-action, padre e figlia fanno pace prima che lei decida di andarsene. La decisione di andare con un litigio in corso è molto più difficile. Sapere di portare disonore alla famiglia, ma allo stesso tempo salvare il padre in cambio. Una decisione tragica ed eroica allo stesso tempo.

Forse è per via della colonna sonora di Harry Gregson-Williams.

La sua musica è spesso epica, a volte brutale, ma troppo spesso generica. E ancora cita spesso piccoli frammenti del cartone animato. Come se gli mancasse il coraggio di stare in piedi da solo. O l'ispirazione. Soprattutto nelle grandi scene emotive, dove il bellissimo tema «Reflections» risuona spudoratamente dagli altoparlanti.

Sono proprio questi elementi musicali che ci riportano al film d'animazione. Ai confronti, che la versione live-action raramente vince. L'emancipazione promessa c’è, ma non è abbastanza coerente.

Mulan, il femminismo e la donna forte

Non voglio dare la colpa alla regista Niki Caro. La sua regia è solida. Cattura le coreografie meravigliosamente poetiche con una mano calma e abile. Proprio come il mondo che lei e i suoi scenografi hanno creato per Mulan.

Ci troviamo nella Cina feudale. Prati verdi e rigogliosi che si estendono su colline come onde sul mare si alternano a deserti rossi e arancioni scintillanti, montagne innevate e opulenti palazzi di legno e caserme. Tra bestiame, mercati, costumi colorati, spezie, cereali, seta, stoffa, cappelli di paglia e teiere.

Una festa per gli occhi.

Set e costumi sono quasi da Oscar
Set e costumi sono quasi da Oscar
Disney

Certo: a volte l'intera faccenda sembra essere messa in scena troppo perfettamente. Un po’ di sporco sui vestiti non avrebbe fatto male. O sotto le unghie. Questo ti dà quasi la sensazione di partecipare a una festa in costume di proporzioni epocali.

Ma questo è brontolare ad alti livelli. Dopotutto, la maggior parte dei set sembrano costruiti per il film. Come se non provenissero dal computer. È una cosa rara. E su questo sfondo l'attrice principale Yifei Liu può interpretare una Mulan meravigliosamente forte.

È importante. «Mulan», il film d'animazione, ha valore proprio perché mostra ciò che il femminismo rappresenta. Non per combattere. Non per la donna contro l'uomo o l'uomo contro la donna. Sta per parità tra i sessi. E questo è ciò che anche Niki Caro incorpora nella sua versione live-action.

Il ruolo delle donne è chiaro sin dall'inizio: brave mogli che portano onore alla casa
Il ruolo delle donne è chiaro sin dall'inizio: brave mogli che portano onore alla casa
Disney

In entrambi i film, i valori tradizionali delle famiglie dicono che l'uomo è l'eroe e la donna nient'altro che la silenziosa casalinga e madre. Valori che sono sbagliati ma stabiliti. E quando l'imperatore chiede l'aiuto del popolo, chiede solo un uomo per ogni famiglia. Non penserebbe nemmeno che quest'uomo possa essere sostituito da una donna.

Mulan pensa che sia ingiusto. Rompe tutte le regole, tutte le tradizioni, e serve al posto del padre nell'esercito. Non lo fa solo per lui. Lo sta facendo per se stessa. Per trovare il suo posto nella società. Un posto di cui la società stessa non immagina nemmeno ancora l’esistenza.

Mulan lotta per il suo posto nell’esercito imperiale, per difendere la Cina
Mulan lotta per il suo posto nell’esercito imperiale, per difendere la Cina
Disney

Eppure Mulan non è mai la tipica principessa Disney degli anni '50 che è «solo» bella. Non si tratta di apparenze. È tutta una questione di valori interiori. Mulan è sincera, coraggiosa e forte. A volte sventata e maldestra. Ma, se necessario, è una ribelle che sfida le regole e le consuetudini ingiuste. Non importa di che sesso sia. L'eroismo non ha genere.

E quando, contro ogni previsione, merita il riconoscimento del mondo maschile, non si ha la sensazione di «sconfiggere» o di «essere sconfitti». Più che altro di «capire». Mulan diventa una guerriera. Poi diventa leggenda. Improvvisamente questo mondo di uomini è un mondo in cui non c'è più separazione di genere.

Questa è parità.

Peccato per i personaggi

Quello che resta è un film che vale la pena di vedere, con un messaggio immensamente importante: quello dell'uguaglianza. A questo si aggiunge l'azione bruta, magistralmente composta e coreografata, e lo scenario perfetto – a volte un po’ troppo perfetto.

Sì, questo è Jet Li nei panni dell’imperatore della Cina
Sì, questo è Jet Li nei panni dell’imperatore della Cina
Disney

Tuttavia la versione di «Mulan» del 2020 non è davvero sbalorditiva. Non per la messa in scena, più che altro per gli attori inavvicinabili, che possono sembrare simpatici, ma che non vengono ricordati affatto. Come l’antagonista del film. O la strega che lo aiuta. Figure marginali. Niente di più. Ecco perché non li ho menzionati fino ad ora. E poi la generica musica da film, che è davvero bella solo quando cita il suo modello del cartone animato.

Vado a vedere «Mulan». La versione del 1998.

A 13 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli