RecensioneSmartphone

Oppo Find X5 Pro alla prova: Oppo prende una strada ben precisa

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 25.02.2022
Collaborazione: Stephanie Tresch
Traduzione: Leandra Amato

Oppo ha trovato la sua strada. L'azienda cinese vuole diventare regina indiscussa delle fotocamere. Un chip separato dovrebbe permetterlo.

Oppo segue delle grandi orme – le sue. Infatti, l'anno scorso ho proclamato l'Oppo Find X3 Pro miglior smartphone dell'anno. Quindi, il Find X5 Pro dovrebbe essere il top del top. Un nuovo chip dovrebbe garantire il suo successo: con il MariSilicon X, Oppo ha installato un'unità di elaborazione neurale (NPU) che non fa altro che utilizzare l'intelligenza artificiale (IA) della fotocamera per fornire immagini ancora migliori.

Il test mostra che questo vale per le foto, ma non per i video. Qui l'IA ha ancora bisogno di qualche miglioramento.

L'Oppo Find X5 Pro è disponibile sul mercato da ieri. Oppo ha distribuito i telefoni ai giornalisti svizzeri qualche giorno fa, con la nota che il software potrebbe non essere ancora definitivo. Un importante aggiornamento software è previsto al momento del rilascio o poco dopo. L'hardware dei dispositivi di prova, invece, è già definitivo.

Find X5 Pro (256 GB, Smalto nero, 6.70 ", Doppia SIM ibrida + eSIM, 50 Mpx, 5G)
Showroom
1033.–
OPPO Find X5 Pro (256 GB, Smalto nero, 6.70 ", Doppia SIM ibrida + eSIM, 50 Mpx, 5G)
44
Find X5 Pro (256 GB, Ceramica Bianco, 6.70 ", Doppia SIM ibrida + eSIM, 50 Mpx, 5G)
Showroom
1065.–
OPPO Find X5 Pro (256 GB, Ceramica Bianco, 6.70 ", Doppia SIM ibrida + eSIM, 50 Mpx, 5G)
44

RAM e ancora RAM

L'Oppo Find X5 Pro è un insieme delle migliori specifiche attuali. Dietro lo schermo da 6,7 pollici – 120 Hz Amoled, ovviamente – uno Snapdragon 8 Gen 1 alimenta uno smartphone con una batteria da 5000 mAh. Inoltre, dispone di 12 GB di RAM, più un'estensione intelligente. In breve: hai 256 GB di memoria interna. Di questi 256 GB puoi trasformare fino a 7 GB in una sorta di RAM virtuale. Ecco perché il mio dispositivo di prova ha ora 19 GB di RAM, perché in realtà non riempirò mai 256 GB di memoria dati.

Nell'utilizzo, si nota la differenza tra 12 e 19 GB di RAM, ad esempio quando si installano le applicazioni. È un po' più veloce. Non è sconvolgente o essenziale, ma mi piace avere smartphone veloci. Se poi si impostano le animazioni sotto ColorOS 12, basato su Android 12, su «veloce», si ha uno smartphone veloce anche visivamente.

Lo Snapdragon 8 Gen 1 è prodotto utilizzando il processo a 4 nm, che fornisce non solo più velocità, ma anche più efficienza energetica. Come regola generale: meno nanometri ha un chip, meno energia consuma. In combinazione con la batteria da 5000 mAh, alla velocità si aggiunge anche la durata. Con l'Oppo Find X5 Pro non hai mai la sensazione di essere a corto di batteria. Puoi filmare per mezza giornata, caricare i video sul cloud e avere ancora il 60-70% di batteria. Se hai ancora bisogno di caricarlo, puoi farlo con il caricatore da 80 watt incluso, che carica il telefono da zero a 100 in poco più di mezz'ora.

Ma non è per questo che Oppo vuole passare agli annali della storia degli smartphone 2022. Oppo vuole diventare il nuovo top dog in termini di fotocamera e prestazioni della fotocamera.

MariSilicon X e Hasselblad: una squadra vincente

Premessa: se vuoi usare l'Oppo Find X5 Pro principalmente come un telefono con fotocamera, allora ti serve anche una custodia, poiché la piastra posteriore è molto, molto scivolosa. Il case in dotazione può aiutare. Ma senza, non userei mai lo smartphone in situazioni in cui potrebbe cadere o scivolare.

Oppo Find X5 Pro
Oppo Find X5 Pro
Stephanie Tresch

Oppo non ha lesinato sulla fotocamera principale. Anche la sua configurazione suona bene nel complesso – anche se non eccezionale.

  • Obiettivo grandangolare da 50 MP, f/1,7, stabilizzazione ottica dell'immagine (OIS)
  • Obiettivo zoom da 13 MP, f/2,4, zoom ottico 2×
  • Obiettivo ultra grandangolare da 50 MP, f/2,2

Secondo il produttore, questa configurazione fornisce dati RAW da 20 bit al chip, che è installato sia nell'Oppo Find X5 che nell'Oppo Find X5 Pro: il MariSilicon X. Questa unità di elaborazione neurale (NPU) gestisce completamente l'intelligenza artificiale della fotocamera. Finora, per fare ciò, un system-on-a-chip (SoC) doveva cedere potenza. Ora lo Snapdragon può fare tutto quello che deve fare, mentre il MariSilicon X fa l'altra parte del lavoro. Così si ha più libertà. Nell'elaborazione dell'IA, il telefono non deve scendere a compromessi con altri servizi in esecuzione.

Un'immagine dall'obiettivo dell'Oppo Find X5 Pro, completamente ottimizzata dall'IA.
Un'immagine dall'obiettivo dell'Oppo Find X5 Pro, completamente ottimizzata dall'IA.

Si nota subito. I colori delle foto sono più ricchi, i dettagli più chiari, le immagini semplicemente migliori. C'è più vita, più sostanza, più colore e neri più profondi.

A tal fine, Oppo vuole farti sapere che Hasselblad è a bordo. Hasselblad è uno dei nomi più noti nella storia delle fotocamere. Fondata in Svezia nel 1841, l'azienda è una delle più antiche del settore e non solo ha conquistato il cuore dei fotografi nel corso della sua storia, ma ha anche scattato foto sulla superficie della luna. Hasselblad è ora parte del gruppo DJI, e l'anno scorso ha unito le forze con il produttore di smartphone OnePlus per la prima volta. Poiché OnePlus appartiene allo stesso gruppo di Oppo e i marchi dovrebbero avvicinarsi ancora di più, secondo un decreto della casa madre, Hasselblad ha trovato la sua strada da OnePlus a Oppo.

Nonostante il logo Hasselblad sulla piastra posteriore dell'Oppo Find X5 Pro, che è più grande del logo del produttore, uno sguardo alle specifiche porta rapidamente a una disillusione:

questo non è hardware Hasselblad.

Il nome Hasselblad è in gran parte marketing. Infatti, le ottimizzazioni software come la calibrazione del colore vengono fatte comunque da ogni smartphone. Che ci lavorino gli specialisti di Oppo o quelli di Hasselblad, alla fine non importa. O forse è questa la ragione per cui le immagini sembrano più vivide?

Senza filtro colore
Senza filtro colore
Hasselblad Radiance
Hasselblad Radiance
Hasselblad Serenity
Hasselblad Serenity
Hasselblad Emerald
Hasselblad Emerald

Ciò che sicuramente e innegabilmente è firmato Hasselblad sono i tre filtri di colore che si possono mettere su un'immagine. Si chiamano «Radiance», «Serenity» e «Emerald». In pratica «arancione», «blu» e «verde».

E poi c'è la modalità XPan, quindi la ragione per cui Hasselblad ha il diritto di esistere dopo tutto.

Modalità XPan: perché Hasselblad non è solo una parola di marketing dopo tutto

XPan è una modalità separata della fotocamera che puoi trovare nell'app fotocamera sotto «More». Essenzialmente, si tratta di un'immagine ampia che si può scattare sia in bianco e nero che a colori retrò. Il colore retrò non è notevole, a meno che non ti piacciano le immagini estremamente ampie con un look vintage.

XPan a colori. Non proprio spettacolare.
XPan a colori. Non proprio spettacolare.

Il bianco e nero, d'altra parte, è un vero highlight. Non c'è quasi nulla che non abbia fotografato in bianco e nero e in formato largo.

Gatto in XPan
Gatto in XPan
Harley in XPan
Harley in XPan
Sentiero nella foresta in XPan
Sentiero nella foresta in XPan
Mireille si fa tatuare dall'artista Levente nello studio di Piink Basel in XPan
Mireille si fa tatuare dall'artista Levente nello studio di Piink Basel in XPan

Lo ammetto, è un espediente. Si può impostare quanto scura o chiara deve essere l'immagine, poi un effetto appare brevemente sulla fotocamera e si ha un'immagine davvero sensazionale. Ma immagino che sia un filtro che userò per una settimana e poi mai più. Tuttavia, questa settimana, durante una passeggiata con Stephanie Tresch, è stato bello vedere come la foto di un sentiero nella foresta sia diventata così misteriosa e spettrale.

Estetica da film horror con Stephanie Tresch
Estetica da film horror con Stephanie Tresch

Certo, non è la rivoluzione nel design della fotocamera, ma la modalità XPan è il primo filtro a colori che mi è piaciuto.

Video: cos’è questa storia?

Quando si tratta di video, il Find X5 Pro deve affrontare una bella sfida. E questo è sorprendente. Dove il MariSilicon X fa un ottimo lavoro con le foto e solo raramente ha dei lapsus in modalità ritratto, Oppo deve ancora lavorare ai video.

Alla luce del giorno, la fotocamera offre filmati impeccabili ad una risoluzione di 3840×2160 pixel, o 4K, a 60 fotogrammi al secondo. Anche il microfono si comporta incredibilmente bene – anche quando a Basilea ci sono rumori di città in sottofondo o la centrale elettrica di Ryburg-Schwörstadt genera energia lungo il fiume. Questa è la sorpresa positiva. Grazie all'IA, la registrazione del suono può certamente essere utilizzata per i video di YouTube. Abbiamo giudicato il microfono così buono, che Stephanie ed io abbiamo registrato intere riprese senza l'utilizzo di un microfono esterno durante le riprese a Basilea e dintorni.

Senza luce ottimale, la fotocamera inizia a faticare. In condizioni di leggera oscurità, appare un leggero rumore d'immagine. Di notte non hai nulla a livello di video. Anche se c'è una luce residua, che la modalità notturna fotografica utilizza per scattare foto piuttosto belle in condizioni di scarsa luminosità. Si può usare il flash della macchina fotografica come luce, ma poi si ha una luce ultra-dura.

Screenshot di un video girato di notte. Il flash serve come luce.
Screenshot di un video girato di notte. Il flash serve come luce.

Ora sorge la domanda critica: dove sta il problema? Cosa può fare esattamente il MariSilicon X in termini di video e cosa possono fare gli obiettivi? O la NPU fa un lavoro fantastico, ma riceve filmati dalle fotocamere con luce scarsa che non può utilizzare, oppure la NPU non fa bene il suo lavoro al buio. Se quest'ultimo è il caso, allora un aggiornamento del software potrebbe risolvere il problema.

La stessa questione si pone anche con i video al rallentatore. Ma lì il problema NPU è più ampio. Ci sono due modalità slow-motion:

  • 720p, abbastanza lento
  • 1080p, quasi veloce come l'originale

Un grande ringraziamento per gli scatti va a Mireille che si è fatta tatuare la gamba da Levente presso Piink Basel.

Speri in un numero come 256x di decelerazione? Anche io. Ma il software della fotocamera Oppo offre solo le due impostazioni, non mostra alcun rallentamento, e invece scatta all'infinito. A differenza delle fotocamere che già due anni fa erano in grado di fare slow motion a 265x. In quel caso si potevano scattare foto solo per un secondo, che poi rallentavano. Allora, con il Huawei Mate 40, si poteva scegliere quanto lento si voleva che fosse. Oggi, da Oppo, ci sono solo due impostazioni, in risoluzioni ormai obsolete.

Ancora una volta, si pone la questione delle prestazioni del MariSilicon X. Dovrebbe offrire qualcosa di più!

Fortunatamente, però, questo è probabilmente un problema di software: infatti, il chip offre abbastanza energia, un throughput di dati di un terabit al secondo. Questo è sufficiente per i dati RAW registrati con 20 bit. E i sensori e gli obiettivi stessi dovrebbero fare un lavoro altrettanto impeccabile grazie alla loro qualità.

Soprattutto con i video, ho il sospetto che lo sviluppo non sia ancora finito. È probabile che MariSilicon X venga migliorato. Ma lo stesso non si può dire della fotocamera selfie.

La selfie cam: compromessi per la libertà dall'oscillazione

La selfie cam fornisce buone foto che non richiedono ulteriori menzioni qui. Gli instagrammer dovrebbero esserne felici. Potresti dover regolare le impostazioni dei filtri di bellezza, a meno che tu non voglia sembrare una bambola, fatta da qualcuno che non ha mai visto un essere umano.

La stabilizzazione della fotocamera selfie da 32 megapixel è interessante. Si può vedere chiaramente il lavoro del MariSilicon X, poiché è facilmente visibile. Se si attiva la stabilizzazione, è possibile registrare con una risoluzione bassa di 720p o 1080p. Ma questo non significa che il MariSilicon X riceve i dati in questa dimensione. La NPU ottiene molte più immagini, ma le ritaglia, mantenendo l'orizzonte stabile. L'immagine non si sfoca, ma non è molto impressionante. Inoltre, il suono quasi impeccabile e, in particolare, la domanda se questo è tutto ciò che la selfie cam e la NPU possono gestire insieme.

Detto in parole semplici: se la selfie cam potesse fare 4K, allora sarebbe possibile tagliare a 3,5K durante la stabilizzazione e poi fare l'upscaling del filmato usando l'IA.

La stabilizzazione a 1080p è comunque una caratteristica davvero buona. Anche scattare mentre si cammina funziona molto bene. L'orizzonte è stabilizzato, io, in qualità di persona che cammina nell'immagine, oscillo delicatamente su e giù in modo che sia chiaro che si muova. Ma il movimento non è mai fonte di disturbo. Questo elimina la necessità di un treppiede per la stabilizzazione, a meno che la fotocamera non si muova a grande distanza e ad alta velocità durante la ripresa.

Questo, però, disturba la risoluzione. Per fare un confronto: il Samsung Galaxy S22 Ultra può scattare a 4K con la fotocamera per i selfie, ma non è mai così ben stabilizzato. Questo sembra essere il compromesso che si deve fare: o 4K, o buona stabilizzazione. Non entrambi.

Conclusione: le prestazioni della fotocamera ci sono, ma occorre una custodia

L'Oppo Find X5 Pro è estremamente buono. Si tratta di uno smartphone ambizioso che vuole conquistare un nuovo mercato in termini di elaborazione delle immagini. E probabilmente lo farà. Il software non è ancora all'altezza delle prestazioni dell'hardware, ma questo potrebbe essere dovuto al fatto che stavo lavorando con un dispositivo di prova, quindi con un software non ancora definitivo. Ho il sospetto che questo cambierà quando guarderò di nuovo questo telefono tra sei mesi. Sicuramente mi accompagnerà bene nella vita quotidiana, perché la fotocamera principale sa fare molto e scatta belle foto. Forse non userò più la modalità XPan, forse sì. Vedremo.

Se sei un fotografo ambizioso e ti aspetti molto dalla fotocamera principale, ti piacerà sicuramente. Il MariSilicon X fa grandi cose e promette molto di più. Spero che tra un anno l'Oppo Find X6 Pro sia dotato di hardware Hasselblad. Huawei ha lasciato una falla aperta, perché le lenti Leica nei suoi smartphone giocano semplicemente in un campionato completamente diverso. Insieme ad Hasselblad avremmo un software buono, un chip dedicato e un hardware forte che, si spera, lascerebbe mangiare la polvere al resto del mondo delle fotocamere.

Il Find X5 Pro dimostra che il mondo Android sta diventando più vario. Google si sta concentrando sul riconoscimento vocale con il Pixel 6, Samsung vuole rendere lo stilo di nuovo presentabile e Sony si rivolge ai professionisti. Oppo vuole avere la migliore fotocamera che dia agli utenti di tutti i giorni il maggior piacere possibile. Può funzionare.

È il telefono dell'anno? Possibile. Ma la stagione degli smartphone è appena iniziata. Sono in arrivo altri top di gamma e la concorrenza è forte. C'è il Google Pixel 6, il Samsung Galaxy S22 Ultra nonché il ritorno di Huawei con il P50 Pro. Il 2022 è e rimarrà un anno pieno di sorprese.

A 25 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.


Smartphone
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader