Matrix: Resurrections vuole essere intelligente - eppure è solo goffo
Questo articolo è stato tradotto automaticamente.

Matrix: Resurrections vuole essere intelligente - eppure è solo goffo

Luca Fontana
Zurigo, il 22.12.2021

The Matrix" è stato proiettato al cinema 21 anni fa. Matrix: Resurrections", il terzo sequel, ce lo ricorda quasi senza sosta - e così si scava la propria tomba.

Una cosa prima: non leggerete alcuno spoiler in questa recensione del film. Leggerete solo le informazioni che sono note dai trailer che sono già stati rilasciati.


Il mio sguardo vaga fuori dalla finestra. Le nuvole oscurano il cielo. La pioggia schizza contro il vetro della finestra. Decine di piccole gocce rotolano giù. Mi sembra quasi di vederlo lì dentro, il codice verde. Come se stessi sognando, anche se sono sveglio. E se tutto intorno a me fosse solo un'illusione? Un mondo che non è affatto reale?

Matrix?

"Nessuno può dirvi cos'è Matrix. Devi averlo visto", disse Morpheus nel film omonimo che ha fatto la storia della fantascienza. Non a causa degli intermezzi di combattimento di ispirazione asiatica o degli effetti informatici innovativi. Piuttosto, erano questi giochi mentali, intrecciati in modo affascinante in un dialogo perfettamente scritto. Ancora oggi, i fan li recitano come se fossero delle sacre scritture della Bibbia.

17 anni dopo che si pensava che la trilogia fosse finita, la quarta parte è in arrivo. Perché? "La Warner Bros. vuole un sequel. Lo faranno con o senza di te", dice un personaggio del film a un altro. Questo è così meravigliosamente meta che i critici cinematografici di solito tranquilli alla proiezione per la stampa nel cinema Abaton di Zurigo ridono di gusto. Anch'io. Umorismo: una delle tante cose che mi danno fastidio di "The Matrix": Resurrezioni".

Questo è ciò che riguarda "Resurrezioni

Il signor Anderson alias Neo (Keanu Reeves) è di nuovo al punto di partenza. Quello che succede sta accadendo davvero o sta solo perdendo la testa? Il coniglio bianco potrebbe conoscere la risposta se decidesse di seguire il tatuaggio. O non ha già deciso di farlo? Dopo tutto, la vera scelta è un'illusione.

Lo è? Sono anche questi i suoi pensieri che girano nella sua testa? Forse sta giocando il più grande trucco di tutti su se stesso. Solo una cosa è certa: la via d'uscita dalla matrice è difficile da trovare, se la matrice esiste davvero. Perché si è evoluto. È diventato più forte. Più pericoloso. E completamente diverso da qualsiasi cosa Neo potesse immaginare nei suoi sogni più selvaggi.

O erano ricordi?

Intelligente all'inizio, ma poi solo... goffo

"Matrix": Resurrection" funziona se si va al cinema il più ignorante possibile. Ecco perché ho deliberatamente scritto la sinossi di cui sopra in modo vago. Non preoccupatevi: c'è molto di più di quello che suggeriscono le poche righe qui sopra. O il trailer, che era stranamente privo di significato, soprattutto per quanto riguarda la storia.

Sono contento: il trailer ti fa venire voglia di vedere il film senza dare veramente il senso di ciò che è. Di conseguenza, almeno la prima metà di "Resurrection" è brillante. In realtà si attiene a ciò che la regista Lana Wachowski ha promesso in un'intervista a Collider: "Il film non è sicuramente un altro sequel, ma qualcosa di indipendente che abbraccia i precedenti film di 'Matrix' in modo spiritoso. Stiamo capovolgendo le regole dei blockbuster".

Parole grosse. Si manifestano nel film nel fatto che i punti interrogativi che avevo in testa anche prima di vedere il film non si dissolvono per molto tempo. Per la mia gioia. È strano non capire di cosa si tratta ed essere affascinati proprio da questo. E quando il dialogo è anche vistosamente non sottile per il pubblico, non posso fare a meno di sorridere ampiamente. "Niente conforta le paure come un po' di nostalgia", dice un giovane Morpheus, interpretato da Yahya Abdul-Mateen II. Come se sapesse che dubito della ragion d'essere di un quarto film di Matrix. È per questo che mi fornisce un sacco di flashback dei vecchi film, per farmi dimenticare i miei dubbi?

Keanu Reeves und Carrie-Anne Moss sind die zwei grossen Lichtblicke des Films.
Keanu Reeves und Carrie-Anne Moss sind die zwei grossen Lichtblicke des Films.
Foto: Warner Bros.

Per mezz'ora, questo funziona sorprendentemente bene. "Resurrezioni" sembra davvero intelligente. Innovativo e inaspettato. Ribaltando le regole dei blockbuster. Parole di Lana. Chapeau! Ma poi arriva il secondo tempo. Elaborare la storia darebbe troppo e rovinerebbe il vostro godimento della prima, brillante metà. Quindi riassumerò la seconda metà, almeno dal punto di vista della storia, in una sola parola. Nella migliore descrizione possibile che mi viene in mente: maldestro.

Ed è qui che iniziano i problemi del film.

Questo non è quello che sembra un film di Matrix

Quello che succede nella seconda metà è imperdonabilmente pigro e, dopo tutto, non è altro che "l'ennesimo sequel". Non lo dico con leggerezza. Il franchise di "Matrix" è uno dei miei preferiti. Conto anche i due sequel "The Matrix": Reloaded" e "The Matrix: Rivoluzioni". Certo, non sono nemmeno lontanamente paragonabili all'originale. Ma anche l'originale è un capolavoro. Almeno i sequel hanno costantemente ampliato la mitologia di Matrix e dato più profondità ai personaggi. L'azione più epica. E il dramma più pathos.

Ma la cosa più importante è che "Reloaded" e "Revolutions" si sentono come film di Matrix ad ogni secondo. Stilisticamente, esteticamente e in termini di contenuto. "Resurrezioni" non lo fa. Si vede che è molto più economico. O - al contrario - come una produzione televisiva molto costosa. Ci sono un sacco di inquadrature poco fantasiose, un lavoro di camera non abituale per Matrix, effetti al computer mediocri e arti marziali coreografate in modo noioso. In altre parole, tutto ciò che "The Matrix" non rappresenta.

Langweilige Martial Arts? In Matrix? Hä?
Langweilige Martial Arts? In Matrix? Hä?
Foto: Warner Bros.

Peggio: dov'è l'iconico bullet time? È nel film - almeno questo è quello che dice un personaggio a livello meta - ma è così tagliato che è difficilmente riconoscibile. Mi manca costantemente quel certo qualcosa che fa parte di "Matrix". Persino i tanto denigrati "Reloaded" e "Revolutions" avevano l'inseguimento mozzafiato sull'autostrada o il piovoso, epico combattimento contro l'agente Smith nel finale. Tali momenti aha sono completamente assenti in "Resurrections". Invece, attraverso brevi flashback, il film ci ricorda costantemente quanto fosse buono l'originale. Come se si stesse deliberatamente scavando la propria tomba.

Lana, cosa stai facendo?

La tonalità: una presa nella toilette

Come se la seconda metà del film e l'aspetto poco dignitoso non fossero abbastanza, Lana Wachowski gestisce anche la tonalità in modo sciatto. Soprattutto quando il giovane Morpheus si trasforma in un pattering casuale. Voglio dire: Ma che diamine? Morpheus, allora interpretato da Laurence Fishburne con una voce profonda e rimbombante e così tanta gravitas da portare facilmente la credibilità dell'intero franchise sulle sue spalle, degenera improvvisamente in un fornitore di gag.

Credo di stare impazzendo. E non è l'unico a fare battute. Non so cosa stesse pensando Lana Wachowski. Non si adatta al franchise oscuro, che ha sempre risparmiato l'umorismo. Soprattutto quando un breve cameo di un personaggio di "Reloaded" degenera in un atto zero così sciocco da farmi perdere tutto il rispetto per lei.

Nichts an diesem Bild schreit nach «The Matrix». Nicht mal die rote Pille.
Nichts an diesem Bild schreit nach «The Matrix». Nicht mal die rote Pille.
Foto: Warner Bros.

Non che "Resurrections" sia degenerato in pura commedia. Ma non manca molto. La maggiore densità di gag porta il sequel ancora più lontano dal franchise di Matrix, si sente. Almeno il film fa qualcosa di buono: Keanu Reeves e Carrie-Ann Moss sono nei ruoli principali. La chimica si adatta ancora come un guanto. Come se non fossero passati 17 anni dall'ultima volta che i due sono stati insieme davanti alla telecamera. Le loro scene sono anche quelle in cui "Resurrections" si sente ancora un po' come un film di Matrix.

Conclusione: le grandi aspettative sono seguite da grandi delusioni

Un vecchio adagio della critica dice: non giudicare un film da quello che vuoi vedere, ma da quello che è. Per quanto soggettiva sia una recensione di un film - almeno il tentativo di obiettività non è influenzato da nulla, se non dalle proprie aspettative.

Ecco perché il mio consiglio è di abbassare le vostre aspettative. Non aspettatevi il capolavoro che fu "The Matrix" nel 1999. "Matrix": Resurrections" non sarà migliore per questo. Ma almeno vi risparmierete la delusione che potreste provare guardando i titoli di coda. Forse allora si può davvero ottenere di più dal film che cercare di essere intelligenti.

Zu sehen ist «The Matrix: Resurrections» ab dem 16. Dezember im Kino. Laufzeit: 148 Minuten. Und wenn du jetzt Lust bekommen hast, die Matrix-Trilogie noch einmal zu sehen – sie ist im Streaming-Angebot von Netflix.

A 44 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana

Editor, Zurigo

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Film e serie

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader