Il PLA è davvero biodegradabile?
RetroscenaInformatica

Il PLA è davvero biodegradabile?

Kevin Hofer
Zurigo, il 08.06.2020
Traduzione: Leandra Amato

Nessun altro materiale viene utilizzato così spesso per la stampa 3D come il PLA (acido polilattico). Da un lato, ciò è dovuto alla sua facile maneggevolezza, dall'altro il PLA è anche commercializzato come biodegradabile, e quindi rispettoso dell'ambiente. Tuttavia, questo è vero solo in parte.

Da quando ho iniziato a stampare in 3D, ho sentito dire che il PLA è biodegradabile. Ciononostante, getto le stampe non riuscite nei rifiuti indifferenziati e non nel compost. È giusto? In caso contrario, dove posso far compostare il mio materiale di scarto? Durante la mia ricerca ho scoperto che il materiale è biodegradabile solo in determinate circostanze.

Cos'è esattamente il PLA?

A differenza delle materie plastiche a base di petrolio, il PLA è ottenuto da materie prime rinnovabili. È quindi un materiale quasi a zero emissioni di CO₂. Inoltre, non rilascia fumi tossici.

Il PLA è un poliestere prodotto per fermentazione da una fonte di carboidrati come l'amido di mais o la canna da zucchero. Per la produzione, il mais viene prima macinato bagnato, in modo da separare l'amido. L'amido viene poi mescolato con acidi o enzimi e riscaldato. In questo processo, l'amido viene scisso in destrosio (D-glucosio), lo zucchero di mais. Infine, la fermentazione del glucosio produce acido L-lattico, che è il componente base del PLA.

Ci sono due metodi per produrre plastica PLA da acido lattico. Nel primo metodo, l'L-lattide viene utilizzato come stadio intermedio, che porta ad un peso molecolare più elevato. Il secondo metodo consiste nella polimerizzazione diretta dell'acido lattico.

Biodegradabile solo in determinate condizioni

Da un punto di vista ecologico tutto ciò suona bene: quasi senza emissioni di CO₂ e materiale di scarto compostabile. Ma non è così semplice. Nel compost da giardino convenzionale, possono essere necessari diverse centinaia di anni prima che il PLA si decomponga. Questo è dimostrato da studi Studi di Williams, Tsuji e Miyauchi. Il youtuber Hobby Hoarder ha anche realizzato un video a riguardo.

Il processo di biodegradazione e la sua durata dipendono fortemente dall'ambiente. Ossigeno, umidità, temperature di circa 60 °C e microbi speciali sono necessari per la degradazione del PLA. In natura è difficile trovare questa combinazione. È qui che entra in gioco il compostaggio industriale, che crea le condizioni necessarie per la decomposizione del PLA. Ma anche qui il materiale si decompone solo dopo circa sei mesi. E non tutti gli impianti sono adatti alla decomposizione del PLA.

Quindi si dovrebbe riciclare il PLA al meglio con altre materie plastiche? No, perché il materiale può disturbare il processo di riciclaggio di altre plastiche. Nell'inceneritore? Nemmeno questa è la soluzione migliore, poiché il PLA non è completamente a zero emissioni.

Oltre all'incenerimento e al compostaggio industriale, rimane il riciclaggio speciale del PLA. Puoi trasformare i tuoi scarti in filamenti stampabili. All3dp ha scritto un articolo a questo proposito.

Tuttavia, delle stampe 3D più ponderate e sensate sono ancora meglio del riciclaggio, dell'incenerimento e del compostaggio. Meno rifiuti si producono, meglio è per l'ambiente.

A 35 persone piace questo articolo


Kevin Hofer
Kevin Hofer

Editor, Zurigo

Tecnologia e società mi affascinano. Combinarle entrambe e osservarle da punti di vista differenti sono la mia passione.

Informatica

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader