Recensione

Il paese dei balocchi per i piloti amatoriali: Alpha e Bravo di Honeycomb

Simon Balissat
28.12.2021
Traduzione: Leandra Amato

Una start-up californiana ha scosso il mercato con unità di controllo di alta qualità per simulatori di volo. L'estate scorsa, Honeycomb Alpha e Bravo non sono stati più disponibili per molto tempo. Ma tutto questo clamore è giustificato?

Avvicinamento a Samedan, leggermente troppo basso. Un po' più di spinta per la portanza, anche se ora la velocità a terra di 90 nodi è di nuovo troppo alta. Cavolo. Ho aperto i flap? «LANDING GEAR! LANDING GEAR! LANDING GEAR!» annuncia la voce del robot nella cabina di pilotaggio. Troppo tardi. Schianto sulla pista 21. Non ho azionato l'interruttore per il carrello di atterraggio. Il mio volo di un'ora da Zurigo all'Engadina finisce in un disastro. La barra di comando «Alpha» e la manetta «Bravo» di Honeycomb non ti tolgono il piacere di volo, anzi, lo stress rimane invariabilmente elevato e con un controllo autentico.

I due controller si completano (quasi) perfettamente a vicenda. «Alpha» controlla l'aereo e l'elettronica e mi permette di guardarmi intorno nella cabina di pilotaggio. «Bravo» si occupa della spinta, dell'autopilota e del carrello di atterraggio e ha sette interruttori a levetta che posso assegnare liberamente. Il mio unico problema è che non ho il timone per la deriva. Honeycomb completerà il set con i pedali «Charlie» nella primavera del 2022. Nel frattempo, ho assegnato il timone ad uno dei due interruttori orizzontali sul lato destro della barra di comando. Non è molto pratico, ma è sufficiente per la navigazione a terra.

L'hardware

Honeycomb offre la massima qualità. Anche se gli alloggiamenti sono fatti di plastica, sembrano più solidi di tutto ciò che ho avuto il piacere di testare nei controller di gioco finora. Anche perché la piastra e i morsetti per il montaggio sul tavolo sono in metallo. Niente scivola e niente si rompe. In alternativa, i controller possono anche essere attaccati al tavolo con una ventosa gigante. I dispositivi vantano un design ben studiato. Sono costruiti in modo molto solido e possono essere controllati senza problemi.

La resistenza delle leve della manetta può essere regolata tramite una rotella sul lato destro. Gli interruttori a levetta delle due unità nonché l'interruttore del carrello di atterraggio si attivano con un «clack» soddisfacente. Anche i pulsanti per il pilota automatico sono belli da premere. Non mi piacciono molto le manopole dell'autopilota, che sono di plastica, la «chiave di accensione» e il controllo dei flap. La ruota del trim è un completo fallimento: è troppo facile da girare e anche il software è inutilizzabile, ma di questo parleremo più avanti.

Il setup per la doppia elica (l.) e il quadrireattore.
Il setup per la doppia elica (l.) e il quadrireattore.

Le configurazioni

La «Alpha Flight Yoke» è basata su un Cessna 172. I pulsanti permanentemente contrassegnati per la batteria, l'alternatore, l'avionica e le varie luci e un controllo rotativo come «chiave di accensione» sono utili, anche se non si usa mai la maggior parte di essi dopo il decollo. «Immersion» è la parola magica inglese. Sono disponibili quattro pulsanti e un piccolo joystick, più due pulsanti orizzontali e due verticali che sono adatti, ad esempio, al trimming.

Diversità funzionale sulla barra di comando: i pulsanti per il trim.
Diversità funzionale sulla barra di comando: i pulsanti per il trim.
Ogni luce ha un interruttore.
Ogni luce ha un interruttore.

Naturalmente, tutti gli interruttori e i pulsanti sono liberamente assegnabili. Il «Bravo Throttel Quadrant» può essere configurato molto individualmente. Grazie a vari accessori, tutto ciò che il cuore di un pilota virtuale desidera è possibile, da un aereo a elica monomotore a un aereo di linea a quattro motori con freno ad aria e spinta inversa.

L'utilizzo

Dopo l'installazione dei driver, la barra di comando e la manetta funzionano in una configurazione di base. Quindi la prima cosa da fare è riprogrammarli. Nel mio caso, tra le altre cose, ho assegnato il freno di stazionamento, la torcia e lo smorzatore d'imbardata. Poi devi salvare un setup separato per ogni tipo di aereo, ad esempio per singola elica, doppia elica, propulsore doppio o quadruplo. Qui ho notato che la ruota del trim è configurata in un modo molto particolare, cioè come un pulsante e non come un asse. Questo rende inutilizzabile uno degli strumenti più importanti dell'aereo virtuale.

Gira la ruota (di trim)

Una breve digressione sulla funzione della ruota di trim: la ruota del compensatore (o trim) serve a mantenere l'aereo stabile in aria in modo che non salga o scenda senza l'intervento del pilota. Normalmente, non si controlla la salita e la discesa tramite la barra di comando (cioè il «volante»), ma tramite la potenza del motore. Con più spinta l'aereo sale, con meno spinta scende. Il punto in cui l'aereo non sale né scende, ma semplicemente vola dritto, è di solito controllato in un aereo reale dalla ruota di trim, cioè una ruota a variazione continua che corregge la punta verso il basso o verso l'alto. Ora, con il «Bravo Throttle Quadrant», la ruota di trim è configurata come una manopola e non come un asse del joystick. Questo si traduce in un segnale chiave che viene inviato più volte ad ogni giro, che il simulatore di volo non capisce correttamente. In termini concreti, questo significa che all'inizio non succede nulla durante il trimming. Se giro più forte, l'aereo «trimma» troppo.

Ho provato vari hack su Internet, tutti senza successo. Mi sono arreso e alla fine ho assegnato il compensatore ai pulsanti sulla barra di comando. Per le macchine monoelica e bielica, ho anche abusato di una delle leve inutilizzate. Non proprio realistico, ma funziona. Non si sa se Honeycomb o Microsoft troveranno una soluzione software al problema. Anche se ci fosse una soluzione, non userei comunque la ruota perché può essere girata troppo liberamente. Questo è in netto contrasto con la lavorazione altrimenti solida del resto dei componenti.

La ruota di compensazione.
La ruota di compensazione.
La chiave d'accensione dall'aspetto economico sull'Alfa Yoke.
La chiave d'accensione dall'aspetto economico sull'Alfa Yoke.

Il mio verdetto

il clamore è giustificato: Honeycomb fornisce un bel set con l'«Alpha Yoke» e il «Beta Throttle Quadrant». Che si tratti di Cessna, Learjet o A320, quasi ogni tipo di aereo può essere controllato senza problemi. Ma tutto questo ha il suo prezzo. Chiunque acquisti entrambi i dispositivi deve sborsare mezzo migliaio di dollari. Questo colloca i dispositivi Honeycomb nel segmento superiore, ma fuori dalla competizione in termini di diversità. L'unica critica è la ruota di trim, che è inutilizzabile, e la chiave di accensione, che sembra sgangherata. Finora ho volato con un joystick con manetta, che ha il suo fascino soprattutto con gli aerei militari. Per l'aviazione civile, Honeycomb è la soluzione più attraente grazie ai molti pulsanti autentici e alle diverse configurazioni. L'aereo virtuale può essere controllato con molta più precisione, e i decolli e gli atterraggi sono un gioco da ragazzi, a patto di non rovinare tutto dall'inizio alla fine. La pista 21 di Samedan manda i suoi saluti. Se investi ancora in pedali direzionali, sei pronto per tutte le situazioni.

A 22 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno.. 


Videogiochi
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader