Huawei Mate 30 Pro: Huawei passa al contrattacco, nonostante tutto
Novità e trendSmartphone

Huawei Mate 30 Pro: Huawei passa al contrattacco, nonostante tutto

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 20.09.2019
Finalmente è arrivato il Huawei Mate 30 Pro. Oppure no. A Monaco di Baviera lo smartphone può essere ammirato e tenuto in mano, ma il suo lancio sul mercato si fa attendere.

Per molto tempo c'è stato silenzio sui dettagli del Huawei Mate 30 Pro e del Mate 30. Huawei si trova nel bel mezzo di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Attualmente è proibito alle società statunitensi fare affari con Huawei, a meno che non vi siano delle esenzioni.

Ecco perché Huawei ha tenuto un profilo basso per un certo periodo di tempo. Le specifiche ufficiali del dispositivo, che di solito atterrano sulla mia scrivania pochi giorni prima del lancio, non sono ancora arrivate. L'evento di lancio a Monaco di Baviera è stato annunciato, ma nessuno sapeva esattamente cosa venisse presentato. Il Mate 30 è pronto per il lancio?

L’arrivo del Mate 30 era imminente, ma sarà pronto per l’evento di Monaco? Solo un video del 9 settembre ha fornito informazioni.

Ora abbiamo chiarezza. Infatti, oggi ho in mano il Huawei Mate 30 Pro a Monaco di Baviera.

Richard Yu, CEO, è fiducioso della vittoria

Nonostante la confusione con gli Stati Uniti, che vieta alle aziende americane di fare affari con Huawei, il CEO Richard Yu è fiducioso della vittoria sul palco del nuovo centro fieristico di Monaco di Baviera. Niente di nuovo.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Ha il suo momento «Hold my Beer» con il quale dichiara più di qualsiasi spiegazione. Non gli interessa quello che gli Stati Uniti proibiscono, chi fa cosa con chi. Ha un telefono in mano che parla per sé. Per enfatizzare questo punto, di tanto in tanto, si lamenta un po' dell'iPhone. Quando parla del design del Mate 30 Pro, l'iPhone 11 Max passa in secondo piano.

Richard Yu è abituato ad essere affascinante e fiducioso della vittoria. E ha tutte le ragioni per esserlo. L’uomo, noto per essere un nerd tecnologico nel cuore, tiene in mano un dispositivo che fa sembrare antiquata la concorrenza – almeno sulla carta.

Che schermo!

A prima vista, spicca lo schermo del Mate 30 Pro. Il cosiddetto Horizon Display copre praticamente ogni tipo di bordo. Ha ancora le smussature, ma grazie alla curvatura e al design intelligente della parte anteriore, le parti che non sono schermo passano inosservate. Poi ci sono i colori e la nitidezza. Spero vivamente che il video sopra faccia capire le sue capacità. Infatti, lo schermo è spettacolare, i colori e i contrasti sono fantastici. L'immagine sembra viva sullo schermo AMOLED, con un tocco di HDR.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Dietro lo schermo da 6,53 pollici di Huawei si nasconde il nuovo System-on-a-Chip (SoC). Il Kirin 990 si basa su un'architettura a 7 nm, che consente un particolare risparmio energetico. La caratteristica principale: il SoC dispone anche di un modem 5G standard. Questo pone Huawei davanti alla concorrenza, almeno sulla carta, dato che altri produttori hanno lanciato sul mercato smartphone 5G, ma i modem sono sempre stati adattati. Né MediaTek, né Exynos di Samsung né Snapdragon di Qualcomm hanno installato un modem 5G dalla fabbrica fino ad oggi. Anche l'intera piattaforma Kirin 990 è più piccola: ingegneri e inventori di Huawei hanno ridotto le dimensioni del 36%. Grazie alle 14 antenne 5G e a software e hardware intelligenti, il 5G nel Mate 30 Pro è 50% più veloce del 5G nel Note10+. E, dato che Richard Yu vuole provocare, l'iPhone 11 non ha un'antenna 5G né un modem 5G integrato.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Lo spazio guadagnato è stato utilizzato per altre unità di elaborazione neurale (NPU). O meglio: altre ancora. C'è un grande nucleo NPU, che si fa carico di tutto. Il nucleo più piccolo offre funzionalità di base con un basso consumo energetico. Se ho capito bene, l'operazione principale dovrebbe essere fatta sul nucleo piccolo. Il nucleo grande viene utilizzato solo per compiti più complessi. Già all'IFA di Berlino è stato mostrato «Real-Time Video AI Re-Rendering», una sorta di Green Screen.

Il tutto è alimentato da una batteria da 4500 mAh, che può essere caricata con 40 watt – wireless è di 27 watt. Richard Yu parla anche del raffreddamento del sistema. Molti non se ne preoccupano, ma in realtà è estremamente importante. I semiconduttori in un dispositivo funzionano molto meglio se sono ben raffreddati. E poiché la serie Mate è di solito la serie in cui la tecnologia dovrebbe davvero brillare e funzionare, è molto importante per il Mate. Inoltre ci sono 8 GB di RAM e 128 o 256 GB di memoria interna, che possono essere estesi tramite Nano SD. Tuttavia, ciò avviene a spese della funzionalità dual SIM.

Anche la funzione Reverse Wireless Charging, che ora è tre volte più veloce della versione del Mate 20 Pro, è stata migliorata. A proposito, Huawei sta rilasciando una powerbank da 40 W con una capacità di 12 000 mAh e una periferica per auto che carica il telefono wireless e lo «afferra» automaticamente quando lo inserisci nel supporto.

L'occhio nero

Il design del retro del Mate 30 Pro non passa inosservato. Le fotocamere sono disposte in cerchio. Richard Yu lo chiama Halo Design. È iconico e si ispira all’obiettivo di una macchina fotografica.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
  1. 40 megapixel, f/1.8, ultra-grandangolo
  2. 40 megapixel, f/1.6, grandangolo, OIS
  3. Teleobiettivo da 8 megapixel, f/2,4, OIS, zoom ottico 3x, digitale 30x
  4. Sensore di profondità 3D

Dietro c'è un sensore RYYB da 40 MP. È più grande del 137% rispetto all’iPhone 11 Pro Max.

Poi ci sono gli elementi in alto a sinistra del telefono:

  1. un flash
  2. una telecamera a tempo di volo (TOF) che accelera la regolazione della messa a fuoco e la misurazione della distanza

Per i videografi

Le riprese possono essere effettuate in 4K, 60 fps con una cinepresa dedicata. Gli intervalli di tempo vanno in 4K HDR. Lo slow motion può essere registrato a 7680 fotogrammi al secondo, ma solo a 720p. Più microfoni direzionali.

Questa è una nota a margine, perché una cosa è certa: la proveremo.

Ma l'amministratore delegato ammette una cosa sul palco: mostra un palloncino che esplode, girato con costose attrezzature cinematografiche e con il Mate 30 Pro. «La cinepresa è migliore. La differenza di prezzo è semplicemente troppo grande», dice. Poi aggiunge: «Ma i nostri colori sono più vivi».

Se Huawei vuole rendersi simpatica, è così che si fa.

Sono disponibili anche gli accessori: una cardanica DJI Osmo Mobile 3, già integrata nel software della telecamera del Mate 30 Pro. Inoltre i Profoto C1 e C2 e luci da studio professionali, anche integrati. Le luci sono state sviluppate con il CameraKit Huawei.

Il retro è disponibile in quattro colori:

nessuna informazione disponibile su questa immagine
  1. Space Silver: bianco/argento
  2. Cosmic Purple: viola
  3. Black: nero. Finalmente un colore con un nome adeguato.
  4. Emerald Green: verde

C'è anche un'opzione vegana rivestita in finta pelle, disponibile in arancione e verde.

Niente applicazioni Google, ma...

Le app Google non sono più in esecuzione su Huawei Mate 30 Pro e la sua sorellina minore. Non è la fine del mondo. Sul Mate 30 Pro si trova Android 10 con Emui 10. Ma manca il Google Play Store e tutta l'integrazione Google.

Tuttavia, l'intera tavolozza di servizi Google può essere facilmente riadattata.

Huawei stessa ti fornisce un metodo semplice. Lo sfondo di tutto ciò è che né Huawei né i partner americani dell'azienda vogliono rinunciare alla collaborazione. Il portale del settore TechCrunch riferisce che oltre 130 aziende statunitensi hanno presentato domanda al Dipartimento del commercio statunitense per ottenere un permesso di esenzione commerciale. Ma il governo dice «No». Grazie, governo degli Stati Uniti.

Pertanto, le soluzioni per recuperare i servizi conosciuti sono semplici. Di norma, funziona come descritto di seguito. Ma devo ancora testare come funziona esattamente sul Mate 30 Pro.

Dunque:

  1. Apri il browser del telefono
  2. Scarica il Google Play Store
  3. Apri il download
  4. Clicca su «Sì», «Avanti» e dai al browser tutte le autorizzazioni richieste
  5. Finito

Niente di che.

A proposito di hardware: come sta il Mate 30 Pro in mano?

Ora che sappiamo cosa c'è nel telefono e come si può sfruttare l'idiozia del governo americano, rispondiamo all'ultima domanda.

Pesa 198 grammi, leggermente più pesante di un P30 Pro che pesa 192 grammi senza SIM. Lo capisco quando lo tengo in mano. Sembra ci sia un limite da qualche parte nei sei grammi, che rende qualcosa notevolmente più pesante. A causa del suo peso leggermente superiore, sembra un po' più ingombrante, ma questo è relativo quando si tratta di funzionamento. Troppo pesante? No: più come un Samsung Galaxy Note 10+ e non un LG V50.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Il telefono è più ergonomico e sottile.

Il lancio sul mercato si fa attendere

Tra i commenti su articoli come questo c'è sempre la domanda: quando sarà disponibile su digitec? Beh, se non è nell'articolo, allora non lo so. Chiedere non aiuta. Non rivelo tutti i dettagli per nascondere l'unico dettaglio che so essere di grande interesse per tutti.

Ma oggi posso dirti qualcosa di più sul lancio del Mate 30 Pro e dei suoi fratelli e sorelle –

non è una buona notizia.

Ufficialmente so: il Mate 30 Pro è disponibile in una versione 4G e 5G, con una differenza di prezzo di circa 100 euro. Ufficiosamente significa: la serie Mate 30 uscirà nel 2019.

Seguirà la data esatta. A causa delle turbolenze politiche ed economiche della guerra commerciale con gli Stati Uniti, Huawei sta affrontando molti problemi e deve lottare per le licenze, i software e gli accordi. Pertanto, non sono soddisfatti della «soluzione attuale», che ritarda il lancio sul mercato. Ma Richard Yu dimentica semplicemente di menzionare una data, puntando ai servizi mobili Huawei, all'App Store e quindi implica che le app Google non sono in realtà necessarie. Soprattutto perché Huawei investirà un miliardo di dollari per l'ulteriore sviluppo del proprio ecosistema.

Huawei Mate 30 Pro

Vuoi un Huawei Mate 30 Pro?

  • 86%
  • No
    13%

Il concorso è terminato.

A 117 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli