Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SmartphoneKnow-how 915

Ho perso il mio smartphone! Niente paura

Sul nostro smartphone registriamo dati importanti. E se lo perdiamo? Ecco 6 punti da tenere in considerazione se possiedi uno smartphone.

Hai mai perso il tuo telefono? O ti è mai stato rubato? Questo accade più velocemente e più inaspettatamente di quanto si pensi. So di cosa parlo, l’ho vissuto personalmente. Quando il mio telefono è stato rubato, avevo un backup di tutte le foto, ma avrei dovuto fare più attenzione.

Al momento dell'orrore, quando ti rendi conto che il telefono è davvero andato, sei in piedi lì con i pantaloni tagliati. I tuoi dati di contatto, foto, appunti, account e-mail e la lista della spesa di tua nonna: tutto è andato perduto. In caso di furto, il ladro può utilizzare questi dati per rubarne altri. Ecco perché ci sono alcune cose da considerare.

Rigorosamente PIN e codice SIM

Quando ho visto un conoscente usare il suo telefono senza alcun blocco, difficilmente potevo crederci. Utilizza il telefono con un codice PIN! Non utilizzare modelli di sblocco, in quanto più facili da vedere grazie ai segni che le dita lasciano sullo schermo. Se possibile, utilizza la stessa cifra due volte per il PIN, anche a causa di questi segni che rimangono impressi. Il codice non deve essere la data di nascita, la sequenza numerica 1234 (o in generale una sequenza numerica stupida e semplice), l'anno di nascita o l’NPA del luogo di residenza. Pensa a una buona sequenza di numeri che solo tu conosci, almeno quattro cifre. Ancora meglio, se si utilizza una combinazione di lettere al posto della sequenza numerica.

È facile scoprire il tuo codice, se il tuo telefono ha questo aspetto. Ho dovuto illuminare di più la foto in modo da poter vedere le impronte.

Quasi tutti i telefoni sono dotati di scanner dattiloscopici oltre al codice PIN. Invece, il riconoscimento facciale è già più facile da aggirare. Una foto del viso o una maschera può essere sufficiente. Ma se non hai un ex fidanzato o una ex fidanzata fuori di testa, o qualcun altro che vuole farti del male, puoi sempre essere al sicuro con Face-Unlock.

Al codice SIM, comunque richiesto dai gestori di rete, deve essere assegnato un codice numerico sicuro come il codice PIN.

Esegui un backup regolare del tuo smartphone

In realtà, si sa che è necessario eseguire un backup. Ecco perché si dovrebbe fare. Forse lo fai comunque se hai bisogno di un aggiornamento per il tuo telefono. Oppure, anzi sicuramente, quando un aggiornamento non ha funzionato e ti ritrovi con il telefono, ma senza dati. Sì, è successo a me e sì, ora sono una di quelle persone che fanno davvero un backup prima di ogni aggiornamento.

Le soluzioni di backup disponibili sono numerosissime. Annotarle tutte non è lo scopo di questo articolo. In generale, il modo più semplice per eseguire il backup dei dati è con una soluzione cloud o un account online come Google o iCloud di Apple. Se non si desidera farlo, prendi un cavo e memorizza i dati localmente.

Presto arriverà un articolo su come eseguire in modo facile, rapido e sicuro un backup del tuo smartphone. Stay tuned!

Annota il numero IMEI

La prima volta che si tiene il telefono in mano, è necessario annotare il suo numero IMEI. La cosa migliore è non annotare l'IMEI (International Mobile Equipment Identity) a quindici cifre sul telefono stesso. Se il telefono dispone di due slot per schede SIM, hai due IMEI diversi.

Il numero IMEI ti serve per denunciare un furto alla polizia o per comunicare dei danni alla tua assicurazione.

Se hai ordinato il tuo telefono nel nostro negozio, il tuo numero IMEI si trova nel tuo ordine, che è possibile visualizzare nel tuo conto cliente. Altrimenti, il numero è riportato sulla confezione o nelle impostazioni di sistema del telefono.

Qui trovi normalmente l’IMEI. Ma non te lo mostro.

Conosci i tuoi account

Quando viene messo in funzione per la prima volta, lo smartphone richiede una connessione a un account Google o Windows o iOS tramite Apple ID. Questi account non sono lì per infastidirti (anche se lo fanno), bensì sono necessari, ad esempio, se si desidera trovare il telefono con i servizi di localizzazione. Per questo è necessaria la password dell'account, altrimenti non resta molto altro da fare. Si consiglia pertanto di conoscerla, perché se si deve prima reimpostare la password e non si ha più il telefono, diventa fastidioso. Funziona, ma solo se in precedenza è stato immesso un indirizzo e-mail diverso per la reimpostazione. Si consiglia quindi di inserire un secondo indirizzo e-mail fin dall'inizio.

Gli account impediscono anche che il telefono venga resettato facilmente dai ladri. Pertanto, non si deve evitare l'utilizzo degli account. Il reset è possibile anche con un account. Per i ladri occasionali, il tuo telefono con un account attivo è inutile.

Inoltre, grazie agli account, è possibile creare facilmente backup, salvare le impostazioni e conservarle per un altro telefono, se lo si desidera.

Attiva la localizzazione

Con la localizzazione attiva è possibile determinare facilmente la posizione del telefono. Per Android l'elemento nelle impostazioni si chiama «Trova il mio dispositivo», per iOS «Trova il mio iPhone». Se si dispone di un iPhone, il telefono può essere posizionato nel browser tramite iCloud, con Android è possibile utilizzare il gestore di periferiche. E se sei una specie rara e possiedi un Windows Phone, è possibile individuare il telefono in Microsoft Account.

Impostazioni IOS
Impostazioni Android

Per impostare la posizione, è necessario disporre di uno dei conti menzionati al punto quattro. Il servizio di localizzazione determina la posizione del telefono in modo molto preciso; il GPS individua con una precisione di circa 30 metri. Nel menu di posizione è anche possibile riprodurre una suoneria in remoto sul telefono.

A proposito, se si utilizza il browser web di Google Chrome per la navigazione e si inserisce il termine di ricerca «telefono smarrito», il menu posizione di Google si aprirà automaticamente nel browser. Qui è possibile lasciare che il telefono squilli nel browser.

L'accuratezza della posizione di Google dipende dall'ultima volta in cui si è utilizzato il telefono: più breve il periodo, più precisa sarà la posizione indicata. Quando non si usa il telefono per diverse ore, Google determina la posizione del telefono dall'altra parte della strada.

La posizione indica esattamente questa parte della casa, perché ho usato il telefono qualche minuto fa.

Questa semplice funzione di localizzazione del browser funziona anche con un iPhone se si dispone di un account Google impostato su di esso. L'applicazione browser richiede l'accesso a Google.

Ma attenzione: purtroppo, ogni posizione del cellulare funziona solo se il cellulare rimane acceso. Quando l'anno scorso il mio telefono è stato rubato, i ladri lo hanno immediatamente spento e ho potuto vedere solo l’ultima posizione del mio telefono. Due giorni dopo, i ladri hanno riacceso il mio telefono. Poiché l’avevo cercato in precedenza per localizzarlo, ho ricevuto un'e-mail che indicava che il mio telefono era già stato localizzato. In Romania. Ma la localizzazione ha funzionato.

Senza la localizzazione attivata, trovare il telefono diventa difficile o addirittura impossibile. Alcuni fornitori di rete offrono una ricerca tramite IMEI. Ma lo fanno solo se puoi dimostrare in modo credibile che il telefono ti è stato rubato.

Disattiva la modalità sviluppatore

La modalità sviluppatore è particolarmente popolare negli smartphone Android. In modalità sviluppatore, il telefono è molto più facile da crackare per un ladro. La modalità sviluppatore è disabilitata per impostazione predefinita. Una volta attivata, si dovrebbe disattivare non appena non se ne ha più bisogno. Una volta che il telefono si trova nelle mani di un ladro, può rapidamente diventare un orrore. Le impostazioni attuali del telefono vengono mantenute anche se si disattiva la modalità.

Allora? Hai rispettato tutti i punti? O hai altri consigli utili? Lascia un commento :)

Potrebbero interessarti anche questi articoli

<strong>Samsung Galaxy A7</strong>: tre fotocamere a un prezzo ragionevole
SmartphoneAssortimento

Samsung Galaxy A7: tre fotocamere a un prezzo ragionevole

Ecco le <strong>novità Android One</strong> di BQ, Nokia e Xiaomi
SmartphoneAssortimento

Ecco le novità Android One di BQ, Nokia e Xiaomi

<strong>Samsung Galaxy Note9</strong>: l’ultimo arrivato in casa Samsung
SmartphoneAssortimento

Samsung Galaxy Note9: l’ultimo arrivato in casa Samsung

User

Livia Gamper

  • Junior Editor
Le mie passioni: sperimentare e scoprire cose nuove. A volte qualcosa non va come dovrebbe andare o nel peggiore dei casi, qualcosa si rompe. Sono dipendente dalle serie tv, quindi non posso fare a meno di Netflix. D'estate mi trovate fuori, sotto il sole, al lago o a un festival musicale.

9 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User Anonymous

Guter Artikel. Was ich noch sehr wichtig finde, ist, dass man den Zugriff auf das Kontrollzentrum über den Sperrbildschirm sperrt. Ansonsten kann man den Flugmodus aktivieren und die Ortung würde dann nicht mehr aktuell sein.

22.06.2018
User Anonymous

Das gleiche gilt für Siri.

23.06.2018
Rispondi
User Anonymous

Oh ja Ortungsdienst aktivieren, dass noch mehr von Google und Apple kommt/vorgeschlagen wird. Noch mehr, dass sie auslesen. Vielleicht sollte Ottonormalverbraucher endlich die Dinge mal hinterfragen und lernen, wie man sich selber Schützt und wie man die Dinge nutzt. Anstatt einfach zu konsumieren.

26.06.2018
User Anonymous

Oder man wechselt gleich auf ein Betriebssystem wie z.B. Sailfish, muss aber dafür die Bequemlichkeit aufgeben. Dummheit/nicht Wissen wollen und Bequemlichkeit sind die Übeltäter und nicht die Diebe (physisch wie auch digital).

26.06.2018
User Spacefrog1967

Guter Artikel. Sicherheit ist unbequem und wird gern "vergessen". Umso grösser ist dann im Ernstfall das das Gejammer.
Mein Tipp: Gerade sensitive Apps (E-Banking, Pers. Logins, etc.) lassen sich ebenfalls häufig mit PIN oder Fingerabdruck sichern.
Und das Ausschalten von WLAN, Bluetooth und NFC bei Nicht-Gebrauch erhöht ebenfalls deutlich die Sicherheit.

22.06.2018
User schLEIMER

Konten sind dann sicherer, ja. Nur wer eine microSD hat, inkl. jede menge Bilder u. Videos und was auch immer man noch so eingestellt hat auf die SD zu speichern, hat dann richtig Pech.

22.06.2018
User Anonymous

Auch wenn wir Eulen nach Athen tragen: Mich würde interessieren, was es denn an zillionen an Backup Tools für Android gibt. Ich will ein Imagebackup des ganzen Phones machen - mit der Möglichkeit zum "Restore on different hardware". Aber bitte _ohne_ rooten! Was ist wirklich gut? Danke.

24.06.2018
User Anonymous

gibt es nicht, weil es schlicht zu viele verschieden Telefone (ja nicht PHONES) und Betriebssyseme gibt. Wechselt zu Sailfish und hört auf jeden Scheiss von Google und Apple zu nutzen, die eh nur Eure Daten auslesen.

26.06.2018
User Anonymous

Titanium Backup z.B. deckt vieles ab aber eben auch nur mit Root, was auch zwingend nötig ist, wenn du eine volle SIcherung machen möchtest. Wenn der Ottonormalverbraucher sich mal mit Sicherheit wirklich beschäftigen würde, dann würden sie auch mit Admin (root) und normal Benutzer umgehen können.

26.06.2018
Rispondi