The Batman è un trionfo – un capolavoro!

The Batman è un trionfo – un capolavoro!

Luca Fontana
Zurigo, il 02.03.2022
Traduzione: Nerea Buttacavoli

The Batman non è un film di supereroi. Molto più un epico mix di tre ore di film noir e thriller psicologico – oltre che la cosa migliore che ho visto al cinema negli ultimi mesi.

Una cosa all'inizio: in questa recensione non ci sono spoiler. Leggi solo ciò che è noto dai trailer già rilasciati.


Passi. Tonfi e pesanti. Pom. Pom. Pom… C'è qualcosa in agguato nell'ombra. Gira intorno alla sua preda. Improvvisamente appare una sagoma. All’inizio è appena visibile. Pom. Pom. Pom... Un uomo dalle spalle larghe con un mantello e orecchie appuntite. Due occhi fissano dall'ombra. Pom. Pom. Pom… Si stanno avvicinando. Pom. Pom. Pom…

«Chi diavolo sei?» chiede l'ignara preda.

«Io sono vendetta», risponde Batman prima di attaccarla.

Di cosa tratta The Batman

Gotham City. Una città come una malattia. Il figlio di miliardari e orfano Bruce Wayne (Robert Pattinson) si aggira per le strade e le ombre come Batman da due anni, da solo, terrorizzando i criminali della città. Ma che differenza può fare? Guarire la città è una lotta senza speranza, ma qualcuno deve battersi.

Anche quando un importante candidato politico viene assassinato nella sua casa. Il colpevole: sconosciuto. L'unica traccia che lascia sono enigmi. Sembrano piacergli. Solo il tenente Gordon (Jeffrey Wright), a differenza del resto della polizia, è abbastanza coraggioso da far entrare Batman sulla scena – senza incontrare l’approvazione di tutti. Ben presto le sue indagini portano da un omicidio sadico all'altro: l'Enigmista ha messo gli occhi sull’Elite di Gotham. E non solo.

I suoi piani sono molto più grandi e pericolosi di quanto appaiano all'inizio.

Matt Reeves – ricorda questo nome

È stata una mossa intelligente affidare al regista Matt Reeves questo film di Batman. Proprio perché non era la mossa più ovvia – o almeno non ancora. Per questo, lo statunitense avrebbe bisogno di una firma chiara, che difficilmente può avere dopo tre film in 14 anni.

O invece sì?

Il primo lavoro registico di Reeves – «Cloverfield» – è stato ben accolto nel 2008, ma non è considerato una pietra miliare nella fantascienza. Sono i suoi due film «Planet of the Apes» che gli hanno fatto guadagnare molto riconoscimento a Hollywood nel 2014 e nel 2017. Proprio perché Reeves è riuscito a fare più di quanto si pensasse. Vale a dire che non solo ha rastrellato quasi un miliardo di dollari al botteghino – Reeves è stato anche determinante nel garantire che la trilogia fosse ancora più celebrata dalla critica e dal pubblico dei suoi predecessori iconici con Charles Heston.

Robert Pattinson e Matt Reeves durante le riprese.
Robert Pattinson e Matt Reeves durante le riprese.
Immagine: Warner Bros. Ent.

Quasi nessuno se lo aspettava. Il merito di Reeve è stato quello di non essersi mai reso le cose facili. Questo nonostante il fatto che avesse alle spalle un marchio forte come «Planet of the Apes», dove anche un film «solo» buono sarebbe stato sufficiente per diventare un successo al botteghino. Reeves, tuttavia, aveva altri piani. Nessuna azione clamorosa accompagnata da storie poco impegnative. Piuttosto figure piene di speranze, sogni e abissi profondi. Si prende il suo tempo per loro in entrambi i film, anche a discapito dello spettacolo mainstream. Questo è ciò che distingue i suoi film «Planet of the Apes», inaspettatamente cupi. Questo è ciò che distingue anche «The Batman».

È la firma di Matt Reeves.

Talento semplicemente magistrale

La cura di Reeves sta facendo un gran bene al franchise di Batman. In effetti, il film di Reeve su Batman si sente come un'epopea la cui storia, inizialmente molto accartocciata, si dispiega solo lentamente e delicatamente. E l'immagine complessiva, che finalmente diventa visibile dopo quasi tre ore, piace. Anzi, entusiasma.

Scene come questa sono rare. Il film si svolge al 95% di notte.
Scene come questa sono rare. Il film si svolge al 95% di notte.
Immagine: Warner Bros. Ent.

In termini di genere, Reeves inizialmente si affida al noir. Sorprendente se si pensa agli adattamenti cinematografici di supereroi degli ultimi anni. Meno se si pensa alle origini di Batman. Fece la sua prima apparizione nel 1939 come «Batman, the world's greatest detective» nella 27esima edizione di «Detective Comics», solo molto più tardi abbreviato «DC».

Ci sta con il film noir. Qui vengono rappresentati molti elementi: Batman, l'antieroe, è inizialmente in un mondo cinico e pessimista e parla fuori campo mentre cerca di risolvere un omicidio. Enigma dopo enigma. Indizio per indizio. La trama stessa si ritira sullo sfondo, i personaggi della storia no.

Per esempio, «Penguin» di Colin Farrell – l'attore è a malapena riconoscibile sotto tutto il trucco –, la scaltra «Catwoman» di Zoë Kravitz, il carismatico James Gordon di Jeffrey Wright o il piagnucoloso Gil Colson di Peter Sarsgaard. Ci immergiamo in profondità nella sentina di vizi di Gotham insieme a Batman. E un po’ come in «Seven» di David Fincher, continuiamo a chiederci quando finalmente raggiungeremo il fondo.

Un viaggio che fa a meno dell'azione per molto tempo, eppure, o proprio per questo, è affascinante. Immergersi completamente in questa atmosfera è facile anche grazie al direttore della fotografia Greig Fraser, che è già stato responsabile della pura potenza visiva in film come «Dune» o «Rogue One: A Star Wars Story». Nessun aspetto delle sue riprese è banale. Nulla è casuale. Fraser costruisce brillantemente ogni inquadratura fino al più piccolo dettaglio.

Non ci sono molte grandi scene d’azione, ma quelle poche sono strepitose.
Non ci sono molte grandi scene d’azione, ma quelle poche sono strepitose.
Immagine: Warner Bros. Ent.

Ma ciò che distingue maggiormente «The Batman» da tutti i precedenti film di Batman è il suo mondo. La sua città. Gotham. Mai il piatto di Petri del crimine, della corruzione e della violenza è sembrato più vivido e reale. Worldbuilding at its finest. Come se la città avesse un carattere proprio. Dove nei film precedenti era usata più come uno sfondo teatrale, qui sembra più un microcosmo vivente che esisteva prima di Batman, che esisterà ancora dopo di lui – e che difficilmente potrà essere salvata.

Il compositore Michael Giacchino sostiene il tutto con una colonna sonora che mette in ombra persino «The Dark Knight» di Hans Zimmer. I lavori di Zimmer sono uno spettacolo anche senza immagini. Ma al più tardi quando si collega la musica di Giacchino con ciò che si vede, si dispiega un ulteriore impatto – scuro e pesante, come se si fosse seduti in un film dell'orrore in attesa che il mostro appaia.

Solo che il mostro è Batman.

L'elefante nella stanza: quanto è buono il Batman di Robert Pattinson – e l'Enigmista di Paul Dano?

L'attore Robert Pattinson fornisce la calma stoica di cui noi spettatori abbiamo bisogno come àncora. Nulla della sua interpretazione ricorda lo scintillante vampiro interpretato da Pattinson in «Twilight» anni fa. L'attore britannico è maturato. Cresciuto. Al più tardi dalle sue performance in «Tenet» di Christopher Nolan o nel film indie «The Lighthouse», la voce dovrebbe essersi diffusa.

Guai a chi ha dubitato del Batman di Robert Pattinson.
Guai a chi ha dubitato del Batman di Robert Pattinson.
Immagine: Warner Bros. Ent.

«The Batman» non fa eccezione. La sua interpretazione di Batman potrebbe anche essere la migliore finora – una dichiarazione audace, a poche ore dalla proiezione per la stampa. Eppure: Pattinson incarna Batman come nessun altro. La sua postura, il suo passo pesante, il modo in cui analizza l’ambiente e la sua preda. Uno sguardo fugace. Il modo in cui inclina la testa. Poi si apposta – e attacca. All'inizio audace e calcolato come John Wick, poi dandosi sempre più alla pura rabbia. Non c’è dubbio: non ho mai percepito la paura della «preda» così forte come qui.

«La paura è uno strumento. Quella luce nel cielo non è solo un richiamo. È un avvertimento», dice all'inizio del film. Pelle d’oca.

Colpisce il fatto che Pattinson interpreti il suo personaggio sempre allo stesso modo. Christian Bale, per esempio, l'ha fatto in modo diverso. In «Batman Begins» ha interpretato tre personaggi in un solo film: il vero Bruce Wayne, il filantropo e playboy Bruce Wayne e Batman. Pattinson, d'altra parte, non fa distinzioni: Bruce Wayne non ha più bisogno di fingere, perché si è ritirato da tempo dagli occhi del pubblico. La sofferenza, l'amarezza e persino il disprezzo della vita alla luce del giorno – noi spettatori gli crediamo fin troppo facilmente.

Una specie di rock star in una villa fatiscente – è così che Matt Reeves ha immaginato il figlio del miliardario quando stava scrivendo, ha detto.
Una specie di rock star in una villa fatiscente – è così che Matt Reeves ha immaginato il figlio del miliardario quando stava scrivendo, ha detto.
Immagine: Warner Bros. Ent.

Poi c'è l'Enigmista, incredibilmente minaccioso interpretato da Paul Dano. Forse perché avvolge nel mistero non solo i suoi crimini ma anche la sua stessa persona. Cosa c'è di più spaventoso dell'ignoto? È proprio con questa follia che Dano gioca magistralmente. Chiaramente, la sua ispirazione è il mistero che circonda il Killer dello Zodiaco, che terrorizzò la polizia e la popolazione di San Francisco tra il dicembre 1968 e l'ottobre 1969; ad oggi, la vera identità del serial killer che ha assassinato presumibilmente 37 persone rimane sconosciuta.

I parallelismi fanno rabbrividire. Per esempio, quando l'Enigmista annuncia i prossimi omicidi sotto forma di indovinelli, simboli e testi in codice. O quando si vanta di loro. I metodi sadici dell'Enigmista sono simili a quelli di Jigsaw, e anche se «The Batman» non è affatto cruento come «Saw», mi chiedo chi diavolo abbia dato al film «solo» un rating FSK-12.

In effetti, lo stesso attore Paul Dano ha ripetutamente raccontato in interviste di aver avuto problemi a scivolare fuori dal suo ruolo durante le riprese e ad addormentarsi tranquillamente la notte. Perché «The Batman« è un film noir nel cuore, ma con una buona porzione di thriller psicologico, che fa oscillare la grande, ma mai esuberante mazza d'azione solo nel suo ultimo terzo.

Conclusione: questo è grande cinema

Non c'è dubbio che il regista Matt Reeves abbia creato un capolavoro con «The Batman». Perché Reeves non cede alla tentazione di accontentarsi di una media solida nonostante un franchising forte. Corre dei rischi. Si prende il tempo per stabilire il suo mondo e i personaggi al suo interno. Soprattutto all'inizio con poca velocità, e questo non è mainstream. Tuttavia, non sarebbe la prima volta che qualcosa di mainstream sia all’altezza del grande cinema.

Vedi «Dune» e «Joker», per esempio.

Inoltre, l’assegnazione dei ruoli di «The Batman» è azzeccata fino alle comparse, e la sua maestria è irreprensibile. Dall'impressionante lavoro di cinepresa dell'esperto Greg Fraser alla musica inquietantemente oscura di Michael Giacchino. Chi guarda il film la sera la sentirà rimbombare in testa anche dopo i titoli di coda. Anche uscendo nell'oscurità, lontano dalla sala del cinema, osservando ogni ombra.

Pom. Pom. Pom…


«The Batman» è nei cinema dal 3 marzo. Durata: 175 minuti.

A 61 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot». 


Film e serie
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader