Provo la postazione di lavoro alternativa di Newstar
RecensioneInformatica

Provo la postazione di lavoro alternativa di Newstar

Martin Jud
Zurigo, il 27.08.2020
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Anche senza problemi alla schiena ha senso prevenire futuri dolori. Si può fare dopo il lavoro con lo sport. Ma durante le ore di lavoro, è necessaria una scrivania regolabile in altezza. O una postazione di lavoro che permette entrambe le posizioni, come quella di questo test.

Lavorare in posizione seduta o sdraiata non è un problema con la sedia appropriata. Anche lavorare in piedi è possibile – con un certificato medico il tuo datore di lavoro ti fornirà una scrivania regolabile in altezza, almeno in Svizzera. Ma quasi nessun datore di lavoro paga per una soluzione per l’home office, quindi sto testando un'alternativa economica alla classica scrivania per lavorare in piedi. Una postazione di lavoro nera di NewStar.

Le specifiche della «sit-stand-workstation» NewStar:

  • Regolabile in altezza: Fino a 50,5 cm (supporto tastiera fino a 41,5 cm)
  • Dimensioni del prodotto (Lunghezza x Larghezza x Altezza): 62 × 94,5 × 11,5 fino a 50,5 cm
  • Dimensioni piano del tavolo (L x L): 40 × 94,5 cm
  • Dimensioni supporto tastiera (L x L): 30 × 94,5 cm (di cui 22× 94,5 cm visibili, 8 cm sotto il piano del tavolo)
  • Peso: 15 kg

La postazione di lavoro di NewStar non è la prima che ho testato. Ho già provato una «sit-stand-workstation» di Fellowes, il che mi offre un’aggiuntiva base di confronto oltre alle normali scrivanie per lavorare in piedi.

Montaggio rapido con piccolo inconveniente

La postazione di lavoro di NewStar, la NS-WS300BLACK, fortunatamente pesa solo 15 chilogrammi. Pertanto, l'installazione può essere eseguita senza problemi anche da soli. Le istruzioni elencano passo dopo passo cosa fare. Fallisco miseramente al primo passo. Le istruzioni dicono: «Allentare le viti di chicago». Devo rimuovere quattro viti, ma riesco a toglierne solo tre. Una rimane incastrata.

La vite non si lascia rimuovere.
La vite non si lascia rimuovere.

Solo con una pinza e un cacciavite riesco ad allentare la vite, difettosa già alla consegna. Adoro queste cose, mi riempiono il cuore di gioia.

Dopo di che ho bisogno di circa 15 minuti per rendere la postazione di lavoro pronta all’uso. Vedi come procedere nel seguente video, a cui, a dirla tutta, non farebbe male una musica diversa:

Design e gestione: così si lavora con NewStar

Le mie mani percepiscono il piano di un tavolo di plastica. Mi ricorda molto un tagliere da cucina nero e la sensazione è esattamente la stessa. In realtà, ci sono due «taglieri», destinati a tastiera e mouse, e due piccoli schermi – o un unico grande schermo.

Al centro, sul bordo anteriore del piano del tavolo, c'è una fessura lunga 30 cm, che da un lato funge da passaggio per i cavi e dall'altro può essere utilizzata come supporto per smartphone. Solo in formato verticale, perché altrimenti il bordo inferiore del display non è visibile a causa alla profondità della fessura di 2 cm. La fessura è dotata di un inserto in plastica che ha tre aperture per cavi USB sufficientemente larghe, ma non tanto larghe da far scivolare il telefono tra esse.

Anche lo smartphone ha il suo posto.
Anche lo smartphone ha il suo posto.

Come talvolta hanno anche i taglieri, il piano della postazione di lavoro ha due omissioni a sinistra e a destra che possono essere utilizzate come maniglie. Può quindi essere comodamente posizionato sul tavolo desiderato. Inoltre, la leva per la regolazione dell'altezza si trova sotto la maniglia destra.

Qui puoi regolare la postazione.
Qui puoi regolare la postazione.

Se tiri la leva, inizialmente non succede niente. Nemmeno con il piano del tavolo carico. Penso sia fantastico, soprattutto perché altri produttori usano sospensioni che a momenti ti fanno sbattere il piano al mento. Solo quando mi attivo io, anche la postazione di lavoro si sposta all'altezza desiderata. La forza necessaria per lo spostamento è minima. La meccanica della postazione di lavoro funziona perfettamente.

Rispetto alla postazione di lavoro Fellowes, noto subito che il piano del tavolo rimane estremamente stabile in qualsiasi posizione. Cosa che purtroppo non posso dire del supporto della tastiera. È relativamente fisso anche questo, ma poiché la sospensione è attaccata alla parte posteriore del piano, ha un piccolo spazio di manovra nella parte anteriore. Se appoggio il palmo delle mani un po' più audacemente sul piano, la tastiera e il mouse rimbalzano leggermente. Non mi garba troppo, ma ci si abitua. Un piccolo inconveniente – molto più piccolo del prodotto Fellowes, dove ogni colpetto sui tasti scuote l'intera postazione di lavoro. Qui, mentre digiti, si muovono solo i tasti.

Lo spazio è piuttosto stretto.
Lo spazio è piuttosto stretto.

Posso rimproverare a NewStar solo lo spazio limitato per la tastiera e il mouse: se voglio aggiungere un poggiapolsi davanti alla tastiera, devo far scorrere la tastiera leggermente sotto il piano del tavolo. Il problema con il mouse è che un tappetino per mouse decente che si adatti alle dimensioni e alla forma del limitato spazio disponibile è quasi introvabile. Senza un tappetino il laser del mouse funziona, ma bisogna abituarsi alla sensazione di usare il mouse su ciò che sembra un tagliere da cucina.

Conclusione: Questa alternativa rende felici solo in parte

Brava NewStar. La vostra alternativa alla scrivania regolabile in altezza non solo costa la metà della concorrenza precedentemente testata, ma è anche almeno due volte più stabile. Ciononostante la stabilità di una normale scrivania per lavorare in piedi non è raggiunta. Purtroppo il supporto della tastiera rimbalza un po' quando appoggio i palmi delle mani. Ma la cosa che mi piace meno in assoluto è che c'è troppo poco spazio per tastiera e mouse. L'uso di un poggiapolsi o di un tappetino per il mouse è, casomai, solo difficilmente possibile.

Tuttavia: per chi vuole prevenire futuri dolori alla schiena in modo semplice, ad un prezzo ragionevole e senza troppe pretese, questo prodotto può essere un buon affare.

A 22 persone piace questo articolo


Martin Jud
Martin Jud
Editor, Zurigo
La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.

Potrebbero interessarti anche questi articoli