Primo verdetto dopo 10 ore con «Battlefield 2042»
Presentazione di prodottiVideogiochi

Primo verdetto dopo 10 ore con «Battlefield 2042»

Philipp Rüegg
Zurigo, il 15.11.2021
Traduzione: Leandra Amato

Il nuovo «Battlefield 2042» è ambientato nel futuro – eppure il passato mi attira di più. Tuttavia, la modalità «Portal» offre un'ondata d'aria fresca.

Sono un fan di «Battlefield» da sempre. Da quando ho combattuto con 64 giocatori su «Wake Island» in «Battlefield 1942» per la supremazia dell'ormai minuscola isola, ho atteso con ansia ogni nuova parte, compreso «Battlefield 2042». Sfortunatamente, la mia prima impressione dopo circa dieci ore di gioco non è proprio entusiasmante.

Va per le lunghe

Si parte dalla grafica. Una volta era il fiore all'occhiello della serie, ma in «Battlefield 2042» c'è poco da restare a bocca aperta. Il livello con la neve «Breakaway» è deludente. Sia «Battlefield 1» che «Star Wars Battlefront» hanno mappe invernali molto più belle. Eppure, tutti questi giochi provengono dallo stesso studio, cioè Dice. Ma d'altra parte, quando la natura comincia a impazzire e arrivano enormi uragani, è qui che «Battlefield 2042» risplende. Questi avvolgono il campo di battaglia in un inquietante velo scintillante.

«Breakaway» è una mappa smorta per molti aspetti.
«Breakaway» è una mappa smorta per molti aspetti.

Ma la grafica non è la cosa più importante. «Battlefield» è pensato prima di tutto per le battaglie epiche, disponibili ora con un massimo di 128 giocatori – tranne che su PS4 e Xbox One, perché non hanno abbastanza potenza. Sfortunatamente, questo raddoppio è appena percettibile. I livelli sono molto più grandi e tutto si disperde. La regola «più grande è, meglio è» non regge in questo caso. Le mappe sono epiche, l'azione si concentra principalmente sugli stessi punti. Molte aree fanno solo da decorazione. È figo quando sei in un carro armato o in un hovercraft. A piedi, punto all'hara-kiri e scelgo il punto d'ingresso più vicino all'azione.

In gran parte delle mappe, non succede proprio niente.
In gran parte delle mappe, non succede proprio niente.

A proposito di veicoli: anche in questo caso non risparmio le critiche. Si guidano in modo troppo simile l'uno all'altro. Il suddetto hovercraft è incredibilmente veloce, si sente leggero come previsto e va alla deriva un po' più di un buggy, ad esempio. Ma anche i grandi carri armati saltano su colline e valli come se avessero delle molle. Eppure, dovrebbero essere enormi colossi d'acciaio. Anche le armi non sembrano pesanti. Inoltre, il tempo di uccisione, cioè quanto tempo ci vuole perché un avversario sia morto, è troppo alto. E anche la selezione di armi è scarna: ce ne sono solo 22. La quarta parte aveva ben 84 sputafuoco in offerta.

Sono sorpreso anche da quanto poco spettacolari siano i premi e i distintivi: nessun effetto sonoro eccitante, nessun fuoco d'artificio visivo. Quando salgo di livello o sblocco un'arma, vedo una carta e basta. È sempre stato un piccolo e piacevole senso di realizzazione. Il contrasto con «Call of Duty Vanguard» non potrebbe essere più netto. Lì, i tuoi sensi sono letteralmente sovraccarichi di baldoria audiovisiva, anche solo se riesci a fare un tiro dritto.

Le modalità «Hazard» e «Portal» sono le vere star

Se non vuoi morire in battaglie di massa selvagge, c'è la nuova modalità «Hazard», che prende come modello «Escape from Tarkov» o «Hunt Showdown». Qui otto squadre di quattro giocatori ciascuna cercano di recuperare unità dati sparse per il campo di battaglia. Non solo si combatte contro altri giocatori, ma anche contro avversari gestiti dal computer piuttosto duri. Con le estrazioni di dati riuscite si sbloccano attrezzature sempre migliori. Se muori, però, ricominci da zero. Le squadre più affiatate hanno un enorme vantaggio qui. Ma ho anche sperimentato partite emozionanti con giocatori casuali.

La modalità «Hazard» è diversa.
La modalità «Hazard» è diversa.

Lo sviluppatore Dice capisce in qualche modo cosa vogliono i fan. Questo si nota nella modalità «Portal» che, secondo me, è il punto forte di «Battlefield 2042». Qui puoi creare i tuoi livelli come più preferisci, mescolando mappe, armi e meccaniche di gioco da «Battlefield 1942», «Bad Company 2» e «Battlefield 3». Che ne dici di soldati del futuro che combattono con defibrillatori contro Alleati con bazooka, che devono ricaricare le loro armi con un salto quintuplo? Naturalmente, si può anche semplicemente giocare le rispettive modalità standard come «Rush» o «Conquest» senza regole speciali. Non vedo l'ora di sperimentare «Portal» al prossimo LAN party. Devo solo convincere tutti a sottoscrivere un abbonamento EA Pro per giocare a «Battlefield 2042» «gratis».

C'è di più

Oh, e non ho detto nulla sul fatto che «Battlefield 2042» permetta solo delle distruzioni a metà. A volte un muretto qui, a volte una casa container là, ma il gioco non si avvicina neanche lontanamente a «Bad Company 2», dove si possono spianare edifici a più piani.

«Battlefield 2042» è divertente, ma molte cose sembrano incompiute.
«Battlefield 2042» è divertente, ma molte cose sembrano incompiute.

Ah «Battlefield», che ne è stato di te? Sì, ho giocato solo dieci ore, ma difficilmente cambierò idea. In qualche modo il gioco non sa cosa vuole essere. Un divertente sparatutto commerciale come «Call of Duty» o piuttosto una simulazione di guerra a squadre con un focus sulle grandi battaglie e una buona dose di caos?

Sì, l'ultima parte è certamente divertente. «Battlefield 2042» è ambientato nel futuro, ma io rimango attratto dal passato. Preferisco concedermi un po' di nostalgia in modalità «Portal» e aspettare la prossima parte.

«Battlefield 2042» è disponibile per PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series S/X. Mi è stato fornito da EA per la prova.

Campo di battaglia 2042 (Xbox One X, Xbox Series X, DE, IT, FR)
60.50
EA Games Campo di battaglia 2042 (Xbox One X, Xbox Series X, DE, IT, FR)

A 37 persone piace questo articolo


Philipp Rüegg
Philipp Rüegg

Senior Editor, Zurigo

Vado matto per il gaming e i gadget vari, perciò da digitec e Galaxus mi sento come nel paese della cuccagna – solo che, purtroppo, non mi viene regalato nulla. E se non sono indaffarato a svitare e riavvitare il mio PC à la Tim Taylor, per stimolarlo un po' e fargli tirare fuori gli artigli, allora mi trovi in sella del mio velocipede supermolleggiato in cerca di sentieri e adrenalina pura. La mia sete culturale la soddisfo con della cervogia fresca e con le profonde conversazioni che nascono durante le partite più frustranti dell'FC Winterthur.

Videogiochi

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli