Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
RetroscenaIlluminazione

Perché accendiamo l'albero di Natale?

Carolin Teufelberger
Zurigo, il 22.12.2021

Che siano candele vere o luci di fata, l'illuminazione è un must su un albero di Natale decorato. Perché?

Fragili baubles in oro e rosso. I purtroppo non proprio fragili manufatti di paglia del padrino. Una stella come centrotavola in cima. Questo è più o meno l'aspetto di un abete medio Nordmann alla vigilia di Natale. Ma la conifera diventa veramente festosa solo con le luci.

Perché?

Speranza e salute

Nel 1611, la duchessa Dorothea Sibylle di Slesia fu la prima ad avere l'idea di decorare il suo albero di Natale con candele di cera oltre a mele e noci. La luce ha giocato a lungo un ruolo importante nell'oscura stagione dell'Avvento, poiché si supponeva che scacciasse il male e portasse speranza. La tradizione di portare le piante sempreverdi in casa in inverno è anche molto più antica. Anche gli antichi Egizi, Ebrei e Cinesi credevano che questo portasse la salute in casa. E i romani decoravano i loro edifici con corone d'alloro. L'usanza pagana fu menzionata per la prima volta in letteratura da Sebastian Brandt nel 1492. In "La nave dei matti" si diceva:

<!-- citazione: Perché chi non porta qualcosa di nuovo ||e va a cantare intorno all'anno nuovo ||e mette il verde abete sulla sua casa, ||crede di non vivere l'anno; || l'Egitto lo riteneva già vero! || Allo stesso modo, a chi per il nuovo anno non viene dato nulla da altri, chi pensa che l'anno inizi male. "La nave dei pazzi" --></p> <p>Nel "I dolori del giovane Werther" del 1774, Goethe si espresse in modo meno beffardo sull'albero di Natale, a quel tempo decorato con "luci di cera, caramelle e mele". Quindi la combinazione della duchessa aveva preso piede da tempo. Almeno tra gli alti funzionari e i cittadini benestanti, dato che gli abeti erano una merce rara e quindi costosa.</p> <p>La domanda di alberi è cresciuta. Le foreste di abeti e di abeti rossi sono state stabilite. A partire dal XIX secolo, ogni salotto borghese nelle campagne e nelle città dell'Europa centrale aveva un albero con le candele. Negli Stati Uniti, all'epoca si viveva ancora dietro la luna. Fu solo quando il professore tedesco emigrato ad Harvard, Karl Follen, portò l'usanza nel Nuovo Mondo allestendo e accendendo un albero di Natale a casa sua.</p> <h2>La luce diventa elettrica</h2> <p>50 anni dopo, la tappa successiva nello sviluppo dell'albero illuminato arrivò negli Stati Uniti: le luci elettriche delle fate. Questo è stato reso possibile da Edward Johnson, vicepresidente della Edison Electric Light Company. Non fu prima del 31 dicembre 1879 che Thomas Edison creò la consapevolezza di un'emergente era elettrica con una presentazione pubblica della sua lampada a incandescenza con filamento di carbonio a New York. Quando il suo socio Johnson chiese a un tecnico di fargli un filo di luci per il suo albero di Natale nel 1882, la maggior parte delle persone non aveva ancora l'elettricità. Non c'è da stupirsi, quindi, che diversi passanti e un giornalista di Detroit abbiano cercato di dare un'occhiata al suo salotto. I media locali hanno largamente ignorato la magia. Fu solo nel 1884 che persino il New York Times trovò parole di ammirazione per le luci elettriche.</p> <p>Il presidente americano Grover Cleveland mise il primo albero di Natale illuminato elettricamente alla Casa Bianca nel 1895. Una decisione che ha lanciato l'avanzata trionfale delle luci elettriche. Per l'alta società americana, le luci erano ora uno status symbol, un nuovo modo per mettersi in mostra e far ingelosire i conoscenti. All'epoca, bisognava assumere un "filibustiere" appositamente per attaccare le luci delle fate all'albero. Anche un generatore era necessario per la maggior parte delle persone. Il costo totale era di 300 dollari, che sarebbe l'equivalente di 9926 dollari oggi.</p> <p>All'inizio del XX secolo, anche i meno abbienti potevano finalmente permettersi le luci elettriche delle fate. Nel 1903, la General Electrics, come si chiamava l'azienda di Edison e Johnson dopo una grande fusione, lanciò il primo apparecchio di illuminazione già cablato che doveva solo essere inserito nella presa di corrente. Costava 12 dollari, che equivalgono a 379 dollari di oggi. Non è ancora un affare. Dieci anni dopo, il prezzo scese a 1,75 dollari (49 dollari di oggi), rendendo le luci accessibili alla classe medio-alta.</p> <h2>Nessun rischio, più divertimento? </h2> <p>L'assicurazione americana ha anche giocato un ruolo nella penetrazione del mercato delle luci elettriche. Perché le candele cadute o lasciate accese troppo a lungo hanno causato l'incendio di file e file di case. A lungo andare, le compagnie di assicurazione hanno trovato troppo costoso pagare i danni. Di conseguenza, hanno escluso gli incidenti con le candele sugli alberi di Natale dalla loro copertura assicurativa.</p> <p>Ecco come è successo. <p>Così, le luci elettriche avevano quasi completamente sostituito le candele negli Stati Uniti negli anni '30. In Europa, c'è voluto fino a dopo la seconda guerra mondiale perché le luci delle fate diventassero più popolari. Sempre più case cominciarono a fare a meno delle candele di cera. Oggi, solo il 15% delle famiglie mette candele di cera sull'albero, dice il Consiglio svizzero per la prevenzione degli infortuni (BFU). Il resto si affida alle luci delle fate.</p> <p>Tra l'altro, le piccole luci come le conosciamo oggi esistono solo dagli anni '70, che di nuovo hanno innescato una piccola rivoluzione perché erano più economiche, più efficienti dal punto di vista energetico e più facili da distribuire. Questo significava che le persone potevano finalmente schiaffare renne giganti illuminate, Babbi Natale e stelle sulle loro facciate e fare una corsa agli armamenti con i loro vicini. E anche l'opera d'arte del padrino potrebbe essere ammiccata in questo modo.</p>

A 5 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.


Illuminazione
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader