Lucasfilm Games compie 40 anni: attenzione, dietro di te una scimmia a tre teste!
Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
RetroscenaVideogiochi

Lucasfilm Games compie 40 anni: attenzione, dietro di te una scimmia a tre teste!

Golem de
Berlin, il 02.05.2022

La divisione giochi della Lucasfilm ha attraversato una storia a scacchi negli ultimi quattro decenni fino a quando non è stata solo l'ombra di se stessa.


Questo è un articolo del nostro partner di contenuti "Golem". Qui potete trovare l'articolo originale del redattore Peter Osteried.


Quando un produttore di Star Wars fonda una società di giochi, la prima cosa che ci si aspetta è un gioco di Star Wars. Ma George Lucas non poteva rilasciare un gioco di Star Wars con Lucasfilm Games perché i diritti erano di Atari. A posteriori, bisogna dire: un colpo di fortuna! Perché questo ha costretto l'azienda, fondata il 1° maggio 1982, a proporre idee originali invece di affidarsi a un franchising consolidato. Chissà se Monkey Island e altri classici dell'avventura sarebbero mai esistiti altrimenti.

Il primo gioco ad essere sviluppato e pubblicato in questo modo fu Maniac Mansion. Uscì nel 1987, quando la società di giochi di Lucas, inizialmente chiamata Lucasfilm Computer Division con la sua divisione giochi Lucasfilm Games Group, aveva già otto anni.

La società aveva sede a Skywalker Ranch, ma una ristrutturazione della società portò la divisione giochi a far parte della neonata Lucasarts Entertainment Company, che comprendeva anche Industrial Light & Magic e Skywalker Sound. Quest'ultima divenne in seguito Lucas Digital Ltd, mentre Lucasarts era responsabile dei giochi e si trasferì in nuovi uffici a San Rafael, California.

La grande era dei giochi d'avventura arriva - e va

Lucasarts ha sviluppato side-scrollers, sparatutto in prima persona e giochi di simulazione, ma è stato soprattutto negli anni '90 che l'azienda è diventata nota per i suoi giochi di avventura. Nel 1988 uscì Zak McKracken and the Alien Mindbenders, nel 1989 Indiana Jones and the Last Crusade: The Graphic Adventure e nel 1990 The Secret of Monkey Island. Quest'ultimo ebbe un tale successo che ne seguirono diversi sequel. C'era anche Indiana Jones and the Fate of Atlantis, un'avventura originale con l'archeologo con la frusta.

Per alcuni anni, i giochi d'avventura sono stati il non plus ultra tra i giocatori, ma nella seconda metà degli anni 1990 la loro trazione è diminuita. Ciononostante, Lucasarts lanciò una terza e una quarta parte di Monkey Island alla fine del decennio - giochi che furono comunque ben accolti.

Ma il tempo dei giochi d'avventura era finito, la grafica divenne più elaborata, le possibilità del 3D divennero più importanti e i giochi subirono un forte salto evolutivo. I giochi erano in sviluppo ma sono stati interrotti, per esempio Sam & Max: Freelance Police.

Gli sviluppatori che sono stati poi licenziati hanno fondato una loro società, Telltale Games. Telltale ha avuto molto successo con i giochi per la serie zombie The Walking Dead, ma ha dovuto dichiarare bancarotta nel 2018. I diritti di denominazione di Telltale sono stati venduti, in modo da formare una nuova società nel 2019, ma non ha ancora fatto una grande apparizione fino ad oggi.

Star Wars e nient'altro

Così Lucasarts alla fine si occupò di Star Wars e, una volta che le licenze non furono più esternalizzate, produsse file e file di giochi di successo e popolari legati a Star Wars. Fino ai primi anni 2000 sono usciti Star Wars: Rebel Assault, Star Wars: Jedi Knight, Star Wars: Rogue Squadron, Knights of the Old Republic e Star Wars: Jedi Academy.

C'era molto affidamento sul carrozzone, che Lucasarts stessa non era ovviamente a suo agio. Ecco perché la compagnia dichiarò nel 2002 che in futuro il 50% dei nuovi giochi non avrebbe dovuto avere nulla a che fare con Star Wars - un'iniziativa che però non durò a lungo, perché le idee e i giochi appena sviluppati non ebbero successo o furono addirittura interrotti in fase di produzione.

Ma anche i titoli di Star Wars non potevano competere con i giochi di maggior successo. Nel 2003, l'azienda ha fatto un fatturato di 100 milioni di dollari - un sacco di soldi, ma un gioco come Halo se li è guadagnati da solo.

Una ragione era certamente che i giochi non erano sviluppati in casa, ma con sviluppatori esterni come Bioware, il che ha fatto salire i costi. Nel 2004, quindi, hanno iniziato a costruire un proprio reparto di sviluppo. Allo stesso tempo, era necessario risparmiare. Al suo apice, Lucasarts aveva 450 dipendenti, più tardi erano solo 190.

Inoltre, hanno cercato di mantenere la promessa dei primi anni 2000 e sviluppare giochi che non avevano nulla a che fare con Star Wars. Insieme a Telltale Games, Lucasarts ha sviluppato Tales of Monkey Island, un remake dell'originale del 1990, nel 2009, seguito dal sequel l'anno successivo.

Nel 2010, un terzo del personale ha dovuto essere licenziato. "Questo è solo perché stiamo riorganizzando il nostro team per essere più reattivo alle esigenze dello studio", ha spiegato all'epoca la portavoce della società Emilie Hicks. L'ultimo gioco rilasciato da Lucasarts come filiale della Lucasfilm indipendente è stato Angry Birds Star Wars.

Rimane solo il nome

Quando la Walt Disney Company ha acquisito Lucasfilm e tutte le sue filiali associate nel 2012, inizialmente tutto doveva rimanere uguale. Sono stati sviluppati nuovi giochi, ma non più pubblicati. Stavano anche lavorando a un RPG open-world e a uno sparatutto in prima persona. Tuttavia, questa era già la fine nel 2013.

La maggior parte del personale è stato licenziato, solo dieci dipendenti sono rimasti. L'etichetta Lucasarts è stata mantenuta, ma non sono stati sviluppati altri giochi, solo le licenze sono state gestite. L'idea di fondo era: se si consegnano le licenze di Star Wars a diversi sviluppatori, si ottengono giochi di prima classe che garantiscono la visibilità di Star Wars ma minimizzano il rischio per la Disney.

Nel 2021, la società è stata infine ribattezzata come Lucasfilm Games e annunciata come co-publisher di Return to Monkey Island con Devolver Digital, in uscita alla fine del 2022. Solo il tempo ci dirà cosa succederà dopo.

La storia della Lucasfilm Games è stata a scacchi e - a parte un breve periodo negli anni '90 - il suo successo si è basato praticamente solo su Star Wars. Ma parte dell'eredità dell'azienda è che molti ex-impiegati hanno fondato le loro aziende di successo che stanno sviluppando giochi ancora oggi.

A 11 persone piace questo articolo


User AvatarUser Avatar
Golem de
Redaktion

Non solo scriviamo di IT, tecnologia e scienza, ma ne siamo anche entusiasti. Ci piace toccare la tecnologia, provarla, giocarci e spiegarla con ambizione giornalistica. La conoscenza specialistica nelle nostre aree tematiche ci aiuta a classificare ciò che vediamo e a mantenere una distanza critica. Con curiosità indaghiamo i fatti, li controlliamo e guardiamo sempre oltre il bordo del monitor. Ci vediamo come difensori dei nostri lettori, e il dialogo con loro è importante per noi. 


Videogiochi
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader