LG concede in licenza WebOS e dà sui nervi a Google e Amazon

LG concede in licenza WebOS e dà sui nervi a Google e Amazon

Luca Fontana
Zurigo, il 24.02.2021
Traduzione: Leandra Amato
LG non vuole solo mantenere il monopolio dei TV OLED, ma presto di tutti i sistemi operativi. La concessione in licenza di WebOS dovrebbe renderlo possibile. Già 20 produttori di TV sono a bordo.

Ciò che è stato vociferato per settimane è ora ufficiale: LG annuncia di concedere in licenza WebOS, il suo sistema operativo interno per gli smart TV, ad altri produttori. I sudcoreani dichiarano anche che 20 produttori hanno già firmato una partnership.

L'obiettivo è quello di competere con Android TV di Google e l'edizione Fire TV di Amazon.

Il nemico: Android TV e Fire TV

Google e Amazon non costruiscono televisori. Non ancora. Ma entrambi stanno sviluppando sistemi operativi per smart TV. Infatti, Android TV di Google è usato da produttori ben noti come Sony, Philips, Nvidia e TCL. Amazon, d'altra parte, si affida a box set-top, il Fire TV Stick o il Fire TV Box, che rendono anche i vecchi televisori senza una vera smart TV «intelligenti».

Mi chiedo se qualcuno come Sony abbandonerà Google per passare a LG.

Improbabile. Nelle discussioni con i principali produttori di TV che usano Android TV come interfaccia utente per i propri smart TV, mi viene confermato ripetutamente quanto sia intenso lo scambio con Google. Dopo tutto, si tratta di un software perfettamente abbinato all'hardware. Tali relazioni, coltivate nel corso degli anni, difficilmente possono essere messe a rischio così rapidamente.

È quindi più probabile che LG abbia preso di mira i piccoli produttori poco conosciuti in Svizzera o in Europa in generale. Produttori che forse sono anche forniti da Google con un sistema operativo, ma non solo da Google; il loro valore posizionale è troppo basso.

Questo è evidente anche dal comunicato stampa di LG, che parla di 20 partnership, ma nomina solo tre produttori: RCA, Konka e Ayonz. Mentre i primi due sono principalmente attivi nel mercato statunitense, Ayonz ha in licenza il marchio Blaupunkt, i cui televisori sono venduti principalmente in Australia.

WebOS per tutti – ma quale versione?

Si pone la questione di quale versione di WebOS debba essere concessa in licenza; LG non fornisce alcuna informazione al riguardo nel suo comunicato. Peccato. Dopotutto, con la nuova versione di WebOS di LG (WebOS 6.0) è in arrivo una rivoluzione di medie dimensioni.

In effetti, il sistema operativo viene completamente revisionato. Quando si attiva l'interfaccia WebOS, si apre un'intera finestra con tessere invece di una semplice barra delle applicazioni nella parte inferiore dello schermo. Questo funziona anche come un hub per la smart home.

Simile a ciò che abbiamo visto con altri produttori su Android TV.

Pulito e ordinato. Ci sono anche le previsioni meteo.
Pulito e ordinato. Ci sono anche le previsioni meteo.
Immagine: LG Newsroom

Ad oggi, LG vuole rendere WebOS 6.0 disponibile solo per i suoi modelli di TV del 2021; non ci dovrebbe essere un aggiornamento per i modelli LG più vecchi. In termini di hardware, infatti, i vecchi processori non avrebbero abbastanza potenza. WebOS 6.0 funzionerebbe, ma non in modo fluido. Quanto sarebbe frustrante una cosa del genere può essere confermato dal collega Phil, che ha passato anni a farneticare sul suo vecchio televisore Sony e la schifosa lentezza di Android TV.

LG rischia la buona reputazione del suo WebOS rendendo il sistema 6.0 disponibile ad altri produttori con processori significativamente più deboli del suo? Improbabile. Ma non è tutto. Non mi sorprenderebbe se la versione WebOS con licenza e senza logo LG fosse stata momentaneamente snellita per gli esterni per ottenere le giuste prestazioni.

A proposito: cosa ne pensi di WebOS? O hai avuto esperienze migliori con altri sistemi operativi per smart TV?

A 36 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli