RecensioneMobile

Il Huawei P20 Pro stabilisce nuovi standard

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 06.04.2018
Collaborazione: Livia Gamper
Responsabile di traduzione/revisione: Leandra Amato
Huawei cerca di conquistare il mercato con l’hardware dell'anno precedente: arriva il P20 Pro. Non si tratta semplicemente di un telefono decente. Questa volta, Huawei ha fatto davvero un buon lavoro. Anzi, è sicuramente uno dei migliori telefoni di quest’anno. E così Huawei solleva questioni che tutti i produttori del settore dovranno affrontare.

Basta dare un’occhiata ai messaggi di marketing della maggior parte dei produttori di smartphone: a giudicare dalle loro affermazioni, ci troviamo davanti a un nuovo standard praticamente ogni due settimane. Samsung stabilisce nuovi standard con la fotocamera. Apple ha il «meglio di sempre» di quasi tutto ogni anno e Leagoo fissa il nuovo standard delle batterie con 7000 mAh. Peccato che, fino ad ora, questa storia degli standard non sia stata del tutto accurata. Telefoni troppo simili, aggiornamenti solo incrementali. Quest'anno il Samsung Galaxy S9 ne è un esempio lampante. Aggiornamento solido rispetto al suo predecessore, ma sicuramente non stabilisce nuovi standard.

E ora tocca al Huawei P20 Pro. Quello che probabilmente diventerà il telefono dell'anno.

P20 Pro (128GB, Twilight, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)
408.–
Huawei P20 Pro (128GB, Twilight, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)
P20 Pro (128GB, Nero, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)
Huawei P20 Pro (128GB, Nero, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)
P20 Pro (128GB, Midnight Blue, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)
438.–
Huawei P20 Pro (128GB, Midnight Blue, 6.10", Doppia SIM, 40Mpx)

Standard. Standard ovunque. Il Huawei P20 Pro è uno dei migliori telefoni che abbia mai avuto tra le mani. E si avvicina di più alla promessa di alzare il livello e fissare nuovi standard rispetto a tutti i telefoni usciti negli ultimi cinque anni.

Hardware dell’anno precedente, velocità sorprendente

Il Huawei P20 Pro viene presentato in modo abbastanza modesto, senza essere condito da incredibili slogan di marketing. La frase «La rinascita della fotocamera» è la cosa che più si avvicina a uno slogan, ma la stampa non ci fa troppo caso. Le lettere A e I di «rinascita» sono rosse, perché l'intelligenza artificiale è profondamente radicata nella fotocamera ed elabora attivamente l'immagine. L'intelligenza artificiale (AI) è la stessa unità di elaborazione neurale (Neural Processing Unit, abbreviato in NPU) presente nel modello precedente. Infatti, la piattaforma P20 Pro è la stessa dell'anno scorso: Kirin 970 System-on-a-Chip (SoC).

Il Huawei P20 Pro è un bel telefono, nonostante il design leggermente obsoleto.
Il Huawei P20 Pro è un bel telefono, nonostante il design leggermente obsoleto.
Thomas Kunz

L'industria vuole farti credere che solo il SoC più recente possa offrire buone prestazioni. Huawei sta dando prova di coraggio utilizzando la 970 di quest’anno, perché la concorrenza non dorme: sia Exynos che Qualcomm stanno introducendo nuovi SoC. Huawei si è stufato? È diventato arrogante?

Nessuno dei due. Il test infatti dimostra che la piattaforma 970 offre ottime prestazioni. Quasi nessuno dei telefoni che abbiamo in redazione è più veloce del P20 Pro. Lo noti subito quando lo sblocchi: sia gli scanner per le impronte digitali che il riconoscimento facciale impiegano meno di mezzo secondo per sbloccare lo schermo. Le app si avviano con una velocità che non avevo mai visto prima. Elaborazione e animazione dei dati: fluida.

In breve: per quanto riguarda l’utilizzo, non posso che lodare il Huawei P20 Pro.

Cosa significa questo per il mercato

È soprattutto la frase «materiale dell'anno precedente» che dovrebbe portare gli esperti del settore a farsi qualche domanda. In questo settore, in cui il ciclo di innovazione dura in media un anno, il fatto che un'azienda si basi su una tecnologia obsoleta e parli del suo prodotto come un prodotto «di punta» è una novità. Il Kirin 970 è stato presentato all'IFA di Berlino nell'autunno del 2017, quindi ha circa sette mesi. Un'età critica.

A meno che non ci sia qualche novità in arrivo all'IFA 2018 questo settembre.

Bene, abbiamo capito com’è messo l’hardware. Ma da dove la prende Huawei tutta questa energia e potenza in più? Tra le altre cose, dal software. Utilizzandolo, è chiaro che Huawei ci ha messo le mani e l’ha ampiamente rielaborato. In questo modo, il gruppo cinese esercita pressioni su quei produttori che fanno attendere i propri aggiornamenti. Huawei qui dimostra chiaramente che si può fare sempre e ancora di più. Un primo nuovo standard con il quale tutti i produttori di smartphone dovranno misurarsi.

Anche con l'hardware dell'anno precedente, il Huawei P20 Pro surclassa la concorrenza
Anche con l'hardware dell'anno precedente, il Huawei P20 Pro surclassa la concorrenza
Thomas Kunz

Perché se un software può rendere così tanto con l'hardware dell’anno passato e schiacciare tutta la concorrenza, qui sorgono spontaneamente alcune domande:

  • cosa può fare un software costantemente ottimizzato con un hardware attuale?
  • perché il ciclo dell'innovazione deve durare un anno?

Ma soprattutto: se un telefono è pericolosamente vicino o addirittura al di sopra dei 1’000 CHF grazie al ciclo di innovazione annuale, perché spendere 1’000 CHF quando il vecchio hardware con il nuovo software è così potente? Perché se produci un SoC e distribuisci la produzione su due anni, puoi abbassare i prezzi. Perché il P20 Pro offre molto più di un telefono da 1’000 CHF.

Il P20 Pro è una chiara dichiarazione di guerra.

Ma Huawei non alza l’asticella solo con hardware/software: assesta qualche colpo ben piazzato anche con la batteria e la fotocamera.

Samsung, preparati alla guerra

Il Huawei P20 Pro è una vera e propria dichiarazione di guerra a tutta la concorrenza, soprattutto a Samsung. Qualche settimana fa, Samsung ha promesso una rivoluzione della fotocamera con il Galaxy S9, che dovrebbe fare miracoli soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione.

Bene: Huawei controbatte con tre fotocamere e, invece di utilizzare una DRAM dedicata, integra nella fotocamera l'infrastruttura Kirin. Aggiungi a questo mix già impressionante uno zoom ottico 5x e un'apertura f/0,95 con un sensore di immagine da 1/1,7 pollici. Numeri alla mano, iI Galaxy S9 a confronto risulta come un bel tentativo.

Le tre fotocamere e l'intelligenza artificiale dovrebbero scattare immagini di una qualità mai vista prima.
Le tre fotocamere e l'intelligenza artificiale dovrebbero scattare immagini di una qualità mai vista prima.
Thomas Kunz

Nella pratica, il risultato è simile a quello del Galaxy S9, anche se la video producer Stephanie Tresch ed io a Parigi non siamo stati in grado di riprodurre lo stesso test che avevamo fatto con l'S9 nella foresta di Zurigo. Il concetto del test era questo: metti la modalità automatica, scatta una foto e vedi cosa succede.

Il Huawei P20 Pro funziona in modo leggermente diverso. La fotocamera analizza ogni immagine, perciò capisce rapidamente ed automaticamente il soggetto che vuoi fotografare. Quando riconosce un volto, passa alla modalità ritratto con effetto bokeh, che puoi attivare o disattivare. Dovrebbe essere possibile una regolazione continua. Non sono riuscito a trovare le impostazioni corrispondenti, ma mi pare di averle viste da qualche parte. Se riprendi un paesaggio, la fotocamera si ottimizza da sola. Animali? Fa tutto lei. Cibo? Anche.

E poi cala la notte. Il telefono passa alla modalità notturna. Il momento in cui Richard Yu, amministratore delegato di Huawei, parla di questa modalità durante il Keynote è veramente speciale. Yu infatti è molto soddisfatto della modalità notturna e fa spesso riferimento alla «Long Exposure».

Vedi quei fiori rossi in basso? Quando ha scattato la foto non li aveva visti con i suoi stessi occhi, ma alla fotocamera non sono sfuggiti: non solo è riuscita a vedere i fiori, ma anche il loro colore. In realtà, nella pratica, non credo che si tratti un'esposizione lunga. O comunque non solo di esposizione lunga. Perché, se guardo le fotocamere più attentamente, mi accorgo che anche qui c’è lo zampino del sistema Kirin, che mi dà una mano. O almeno ci prova.

Il risultato parla da sé. Le foto scattate in modalità notturna sono belle e ben riuscite. Naturalmente, è necessario fare un confronto con la concorrenza. Così afferro il mio Samsung Galaxy S9+ e il mio Huawei P20 Pro, un treppiede da spalla e un cavalletto. Lascio impostata la modalità automatica, il che equivale a DRAM per il galaxy e a Kirin per il P20 Pro. Visto che anche Livia Gamper partecipa a questa bella festa, testiamo anche il Wiko View 2. Naturalmente sarà lo smartphone francese a uscire dalla sfida con la coda tra le gambe, ma è davvero quattro volte peggio dei prodotti di punta?

Una serata a Zurigo

Durante la notte, Livia ed io ci spostiamo a Zurigo. Stiamo cercando un luogo che possa risultare vagamente suggestivo, in cui siano presenti sia luce che buio. Poiché vogliamo che le foto scattate con le diverse fotocamere risultino il più simile possibile, abbiamo portato un cavalletto e parte di un treppiede da spalla per fissare gli smartphone.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
*Shoulderpod**: Smartphone-Rigs nach Baukastenprinzipvideo
placeholder

placeholder

290 Light 3 Sektionen mit Befree Live Videokopf (Alluminio)
–26%
182.–anziché 246.–
Manfrotto 290 Light 3 Sektionen mit Befree Live Videokopf (Alluminio)

Durante il test, il Huawei P20 Pro mostra un comportamento leggermente incoerente. Anche se all'occhio umano non c’è differenza, la modalità automatica a volte decide di fare un’esposizione lunga, fino a 30 secondi; a volte, invece, preferisce uno scatto rapido. Tutti gli altri modelli effettuano scatti rapidi. Per il confronto quindi lasciamo da parte la foto fatta con l'esposizione lunga, anche se è molto riuscita.

Huawei P20 Pro

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Scattata con il Huawei P20 Pro
*Huawei P20 Pro**: Die drei Kameras aus Parisvideo
placeholder

placeholder

Samsung Galaxy S9+

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Scattata con il Samsung Galaxy S9+
Galaxy S9+ (256GB, Nero Mezzanotte, 6.20", Doppia SIM Ibrida, 12Mpx)
Samsung Galaxy S9+ (256GB, Nero Mezzanotte, 6.20", Doppia SIM Ibrida, 12Mpx)
*Samsung Galaxy S9**: decisamente non rivoluzionario, ma comunque eccezionalevideo
placeholder

placeholder

Huawei Mate 10 Pro

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Huawei Mate 10 Pro
Mate 10 Pro (128GB, Midnight Blue, 6", Doppia SIM, 20Mpx)
Huawei Mate 10 Pro (128GB, Midnight Blue, 6", Doppia SIM, 20Mpx)
*Huawei Mate 10 Pro**: chic, potente ed elegante
placeholder

placeholder

Vista Wiko 2

nessuna informazione disponibile su questa immagine
Scattata con il Wiko View 2
View 2 Pro (64GB, antracite, 6", Doppia SIM Ibrida, 16Mpx)
Wiko View 2 Pro (64GB, antracite, 6", Doppia SIM Ibrida, 16Mpx)
*Wiko am MWC**: Ein bisschen Essential, ein bisschen grossartigvideo
placeholder

placeholder

Ma ora la situazione è questa: durante il test non sono giunto ad alcuna conclusione, se non che «le foto sono di buona qualità». Soprattutto, devo ancora capire come le tre fotocamere lavorino insieme e quale ruolo Kirin svolga in tutto questo. Voglio controllare meglio.

Poiché gli scatti qui sulla pagina sembrano abbastanza identici, soprattutto il confronto tra Galaxy S9+ e P20 Pro, ho caricato le foto inedite sul nostro server di download. In questo modo possiamo ingrandire e analizzare ogni singolo pixel. Ne vale la pena: guarda bene il pontile in basso a destra e la scritta Migros in alto a sinistra. Sono interessanti anche le lanterne e la profondità del ruscello.

E il resto?

Anche il resto del Huawei P20 Pro è altrettanto convincente, anche se a volte è necessario apportare qualche modifica o dare un'altra occhiata.

Il design del lato anteriore è particolarmente accattivante. Mentre tutti gli altri produttori di smartphone, in particolare Apple, hanno abolito il pulsante home, Huawei non accenna a volersene sbarazzare. Solo che non è un pulsante, ma una superficie tattile delimitata. Funge anche da rilevatore di impronte digitali. In alto c’è una sorta di tacca, chiamata notch, in cui sono integrati l'altoparlante per l’orecchio e la fotocamera anteriore. I notch sono una questione molto controversa perché, se il software è mal ottimizzato, nascondono parte dello schermo. Per Huawei questo non è un problema, ma le recensioni online continuano a parlarne. Per quanto mi riguarda, non mi dà fastidio; non ho mai avuto problemi con i notch. Anzi, trovo affascinante vedere che il confine tra schermo e contenuti viene ridefinito.

Il notch è reso invisibile dal software o non interferisce affatto con l'usabilità del telefono.
Il notch è reso invisibile dal software o non interferisce affatto con l'usabilità del telefono.
Thomas Kunz

Poi c'è la storia del jack per gli auricolari. Il Huawei P20 Pro non ne ha più uno. Di solito la #donglelife non mi preoccupa molto, ma con il P20 Pro non riuscire ad ascoltare musica e ricaricare il telefono allo stesso tempo mi ha piuttosto infastidito. Questo non perché la batteria si scarichi in fretta, come accade con il concorrente S9, ma perché ho usato questo telefono molto di più rispetto ad altri dispositivi che ho testato. Dopo 16 ore di utilizzo, la batteria ha iniziato a morire di una morte lenta mentre passavamo il confine tra San Gallo e Zurigo, e lì ho ricevuto il famigerato avviso del 15% di batteria residua. Nessun problema, dato che avevo un power bank nello zaino, ma volevo anche ascoltare un po’ di musica. Ho dovuto prendere una decisione. Ho scelto la musica. Mi pare ovvio.

Ci risentiamo alla fine dell'anno

Voglio sbilanciarmi: il Huawei P20 Pro sarà il telefono dell'anno. Certo, non siamo neanche a metà del 2018, ma per la concorrenza sarà veramente dura. Il P20 Pro surclassa il Galaxy S9 e relega al secondo posto il più grande produttore di chip del mondo.

Huawei stabilisce nuovi standard. Non solo in termini di qualità dell'immagine e intelligenza artificiale, ma anche nel modo in cui l'azienda gestisce e pianifica l'hardware.

Ottimo lavoro, Huawei.

A 73 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher
Senior Editor, Zurigo
Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Potrebbero interessarti anche questi articoli