Recensione

HTA9: il «rivoluzionario» sistema Dolby Atmos di Sony alla prova

Luca Fontana
05.07.2022
Traduzione: Leandra Amato

Quattro altoparlanti che fanno per dodici. Rivoluzionario? No. Ma è comunque impressionante.

Il nuovo sistema audio di Sony ha un approccio insolito. Infatti, mentre io mi aspettavo una soundbar, mi ritrovo quattro grandi altoparlanti e un box che fa da mini-computer. In questo modo Sony offre il miglior suono disponibile per i sistemi home cinema della sua fascia di prezzo.

In realtà, il produttore giapponese vuole costruire un ponte: l'HTA9 si rivolge a coloro che vorrebbero una soundbar perché un sistema home cinema di oltre 5 000 franchi firmato Klipsch o simili è comunque fuori discussione. Allo stesso tempo, l'HTA9 vuole distinguersi dalle soundbar in termini di suono, anche da quelle più costose. Da qui i quattro altoparlanti, non proprio piccoli, ma nemmeno così ingombranti come quelli di un sistema home cinema.

Enorme, ma anche elegante

Da seduto, ho posizionato i quattro altoparlanti all'incirca davanti a sinistra, davanti a destra, dietro a sinistra e dietro a destra; il posizionamento esatto non è così importante, il software se ne occuperà in seguito. Questo viene controllato dal processore, che si trova in una piccola scatola separata.

Il processore ha un compito importante nei sistemi audio. Soprattutto quando si promette un suono che riempie la stanza con sofisticati effetti 3D, anche se non ci sono altoparlanti aggiuntivi nella stanza, ad esempio con le soundbar. I produttori mantengono questa promessa manipolando digitalmente il suono con complicati calcoli e algoritmi. È qui che entra in gioco il processore: più è potente, più i calcoli sono complessi e il suono è migliore.

Il fatto che Sony abbia dato al processore un box tutto suo indica una grande potenza di calcolo, proprio come un ricevitore. Molto bene.

Il box Sony assomiglia un po' a un ricevitore. E no, non ci sono pulsanti.
Il box Sony assomiglia un po' a un ricevitore. E no, non ci sono pulsanti.

Quindi, seleziono l'ottimizzazione automatica del campo sonoro nel menu degli altoparlanti. Questa operazione deve essere eseguita solo al momento della prima configurazione. Pensa a una cupola immaginaria posta sopra di te: all'inizio, gli altoparlanti emettono strani suoni le cui onde sonore vengono riflesse dalle pareti, dalle finestre e dal soffitto. I microfoni degli altoparlanti li catturano di nuovo. Con i dati ottenuti, il processore crea un'immagine acustica del soggiorno. In questo modo, ottimizza il campo sonoro (la «cupola») indipendentemente dalla posizione approssimativa dei diffusori.

Il clou: oltre ai quattro canali sonori fisici degli altoparlanti, il processore simula altri otto canali sonori virtuali. In altre parole, ci sono un totale di dodici canali sonori:

  • due frontali
  • due laterali
  • due posteriori
  • quattro superiori
  • due subwoofer

Voilà: un campo sonoro con un sistema 6.2.4. In totale, ha una potenza nominale di 504 watt.

Ottimizzazione del campo sonoro a partire da 9 secondi. Non è necessario correre per il salotto agitando lo smartphone.

Informazioni sugli altoparlanti: i cilindri beige da quattro chili non sono poco appariscenti. Si adattano quasi perfettamente al mio mobile TV, accanto al televisore da 65 pollici. Li trovo eleganti. Mi piace la forma a cilindro e il design della griglia: le coperture in tessuto, che si vedono spesso sugli altoparlanti e che attirano la polvere come la luce attira le tarme, sono per me inaccettabili.

Il box e i diffusori sono alimentati tramite cavi. Se stai valutando l'acquisto, devi essere consapevole che avrai bisogno di molte prese e/o prolunghe libere. Tuttavia, non sono necessari cavi aggiuntivi per il processore stesso; gli altoparlanti comunicano tra loro tramite WiFi. Il box, a sua volta, è collegato al televisore tramite un cavo HDMI. In questo modo il suono arriva lì e da lì agli altoparlanti tramite WiFi. Se si utilizza l'HTA9 per ascoltare musica, ad esempio tramite Spotify, tutto funziona comunque tramite WiFi.

Cosa c'è sotto?

Il fatto che il processore manipoli digitalmente il suono mi lascia perplesso: se il suono è un muscolo – un muscolo digitale – allora un'eccessiva manipolazione digitale è come gli steroidi anabolizzanti. In breve: il suono sembra artificiale. O qualcosa di più esoterico: manca la sensazione di calore e accoglienza quando si ascolta la musica. Oltre al processore, altrettanto importanti sono anche i driver integrati negli altoparlanti, che riproducono il suono e lo rendono naturale, nonostante la manipolazione digitale.

Sony ha installato i seguenti elementi in ogni altoparlante:

  • Un tweeter con cupola soft a diffusione frontale per le frequenze più alte.
  • Un woofer ellittico ad ampia diffusione per i medi e i bassi.
  • Un altoparlante che emette suoni dall'alto verso il basso.
  • Due microfoni per l'ottimizzazione del campo sonoro e il controllo vocale (Assistente Google e Alexa).
Gli altoparlanti sono decisamente accattivanti: se in positivo o in negativo dipende dalla tua prospettiva.
Gli altoparlanti sono decisamente accattivanti: se in positivo o in negativo dipende dalla tua prospettiva.

Sono disponibili le seguenti connessioni:

  • 1x uscita HDMI 2.1, compatibile con ARC e eARC
  • 1x ingresso HDMI 2.1
  • 1x LAN
  • 1 uscita S-Center
  • 1x interfaccia USB per gli aggiornamenti tramite chiavetta USB
  • Chromecast integrato
  • Bluetooth 5.0
Il suono arriva al box tramite il canale ARC/eARC. Se si collega un dispositivo separato all'ingresso HDMI, l'immagine viene trasmessa al televisore tramite l'uscita HDMI.
Il suono arriva al box tramite il canale ARC/eARC. Se si collega un dispositivo separato all'ingresso HDMI, l'immagine viene trasmessa al televisore tramite l'uscita HDMI.

A differenza del suo concorrente Sonos Arc, qui è disponibile una connessione HDMI aggiuntiva. Dico solo: «Alleluia!». Personalmente, ho così tanti dispositivi esterni che i quattro ingressi HDMI della maggior parte dei televisori non sono più sufficienti. L'opzione plug-in aggiuntiva del box è quindi più che benvenuta.

Molto apprezzati sono anche i formati audio supportati:

  • Dolby Atmos
  • Dolby TrueHD
  • DTS-X
  • DTS Digital Surround
  • 360 Reality Audio
  • FLAC, ALAC e DSD

Per quanto riguarda la televisione, i formati sonori con pochi canali, come lo stereo, vengono automaticamente «upscalati» e distribuiti su un massimo di dodici canali sonori. Ma ne parlerò dopo. Quando si ascolta musica, invece, i formati meno qualitativi vengono sottoposti a un upscaling a DSEE Extreme se la musica viene trasmessa agli altoparlanti tramite WiFi. Se queste abbreviazioni non significano nulla per te, allora ti basta sapere solo questo: DSEE Extreme si avvicina molto ai formati hi-res di alta qualità. Non importa quello che ascolti con l'HTA9: il suono sarà molto buono.

Come suona la teoria nella pratica

È ora di mettere in pratica la teoria. Inizio con «La guerra di domani». Il film, con protagonista Chris Pratt, parla di una guerra combattuta e persa nel futuro. Le persone viaggiano quindi nel passato – il nostro presente – per ottenere rinforzi. È qui che inizia la mia scena di prova. È particolarmente impegnativa per i sistemi audio, perché il suono deve provenire anche dall'alto – un suono verticale.

Fonte: Amazon Prime Video. Suono: Inglese, Dolby Atmos

Si gonfia e ronza intorno a me, mentre fulmini e campi di energia viola aprono il cancello verso il futuro. Poi, con un forte botto, un tunnel spazio-temporale si apre sopra Chris Pratt e gli altri soldati – un botto che credo di poter quasi sentire sopra la mia stessa testa. La verticalità del palcoscenico non è solo buona. È fantastica. Un soldato dopo l'altro viene trascinato nel tunnel. Le loro grida sorprese riecheggiano. Ancora una volta mi meraviglio della verticalità. Poi è il turno di Pratt. Il suo volo attraverso lo spazio e il tempo riempie sonoramente tutto il mio salotto. È un boom. Sibila. Tuona. Il gruppo salta nel futuro. Ciò che segue è inquietante.

Pratt, io e decine di altri viaggiatori del tempo ci ritroviamo improvvisamente a centinaia di metri di altezza, nel mezzo di una nuvola, e precipitiamo. Il vento sibila da ogni parte. Anche le urla. Prima dagli altoparlanti anteriori. Poi da quelli posteriori. Lo sguardo di Pratt si abbassa. I tetti si avvicinano rapidamente; devono essere quelli dei grattacieli. I primi soldati sfortunati si schiantano sulla pietra dura. Le ossa si rompono. I corpi vengono schiacciati l'uno contro l'altro. Il basso rimbomba. Il tuono è ancora forte intorno a me. Poi vedo come alcuni mancano i tetti e continuano a cadere. Le loro grida diventano più silenziose. Ho la pelle d'oca.

Pausa.

Sprofondo nel divano con orrore. Cambio il film: «Blade Runner 2049». Ryan Gosling cerca indizi sulla sua vera identità nella remota San Francisco. Il suo volo con lo shuttle si svolge senza problemi. Le immagini del direttore della fotografia Roger Deakins sono straordinarie. Soprattutto perché la musica di Hans Zimmer, simile a quella di Vangelis, rimbomba dagli altoparlanti. Basso. Silenzio. Altro. Come il momento di calma infinita appena prima del risveglio, che si cerca di trattenere il più a lungo possibile prima di aprire gli occhi.

Fonte: UHD Blu-ray. Suono: Inglese, Dolby Atmos

Piove. Grosse e pesanti gocce cadono sul parabrezza anteriore dello shuttle; i due altoparlanti di fronte a me emettono un suono ovattato e aspro allo stesso tempo. Poi la prospettiva cambia, come anche il paesaggio sonoro. Si vede lo shuttle dall'esterno. La pioggia ha un suono diverso. Più calmo. Riempiendo l'intero soggiorno, come se fossi nel mezzo della foresta in una fresca giornata autunnale, dove si sente ogni goccia che colpisce le foglie.

All'improvviso il rumore di fondo cessa. Si diffonde una calma ingannevole: l'energia dello shuttle viene interrotta dall'esterno. Fluttua silenziosamente in aria. Poi sibila dall'altoparlante anteriore sinistro attraverso la mia spalla fino a quello posteriore destro. Qualcuno ha sparato allo shuttle – a me! – ma lo ha mancato. Ho solo un momento per gioire della pura precisione della riproduzione del suono. Ecco un altro colpo. Questa volta va a segno. Gli altoparlanti stridono. Qualcosa si è rotto. Nel film, non negli altoparlanti. Lo shuttle non si libra più. Precipita.

Mi stacco di nuovo dal film.

Un prezzo elevato che si giustifica da solo

Potrei continuare all'infinito con esempi del genere. Quello che è certo è che nemmeno il mio Sonos Arc con i suoi due altoparlanti e il subwoofer possono reggere il confronto con l'HTA9. Per me i prodotti Sonos erano il punto di riferimento quando si trattava di sistemi home cinema completi intorno ai 2000 franchi.

L'HTA9 di Sony non solo suona più potente, ma anche più preciso. Soprattutto in verticale: è lì che ho sentito più chiaramente le differenze rispetto alla mia configurazione privata. Questo non è davvero sorprendente: mentre nel mio caso solo la soundbar Sonos Arc ha gli altoparlanti rivolti verso l'alto, l'HTA9 di Sony ne ha quattro, che sono anche molto più voluminosi. Questo, a sua volta, fornisce un «boom» maggiore che richiede meno manipolazioni digitali per riempire la stanza: un altro punto a favore dell'HTA9.

Poi c'è il prezzo. Al momento della stesura di questa recensione, il 13 gennaio 2022, l'HTA9 costa circa 1999 franchi. Non è poco, ma è comunque meno dei 2150 franchi che dovresti pagare attualmente per la mia configurazione home cinema Sonos. E suona ancora meglio. Solo di tanto in tanto ho dovuto lottare con brevi drop-out, forse dovute all'interferenza del WiFi. Ma non sono mai durati abbastanza da influenzare significativamente la mia opinione.

Se non avessi già il Sonos Arc, acquisterei l'HTA9.
Se non avessi già il Sonos Arc, acquisterei l'HTA9.

Verdetto: posso raccomandarlo

Ricevendo questo dispositivo di prova, Sony mi ha promesso una rivoluzione sonora. Non la metterei in modo così euforico. Tuttavia, l'HTA9 mi ha ispirato. L'installazione è semplice e gli altoparlanti sono visivamente accattivanti. Il suono è effettivamente superiore a quello del mio attuale sistema home cinema con soundbar, anche se non proprio rivoluzionario.

In termini di prezzo, alcuni potrebbero rimanere senza fiato. Non gli acquirenti di Sonos, abituati a prezzi elevati. Ma la Samsung HW-Q950A sembra paragonabile, almeno sulla carta, e costa «solo» 1299 franchi. Non l'ho ancora testata. Ecco perché non posso fare paragoni.

A 85 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot». 


Audio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

TV
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader