Non sei connesso a internet.
Corporate logo
Home cinemaNovità e tendenze 3623

Avengers: Infinity War, il film Marvel più importante di tutti i tempi

«Avengers: Infinity War» è la lotta tra i supereroi più forti dell’universo Marvel e un titano fuori di testa. Questo film costituisce allo stesso tempo la fine di un’era che comprende finora 19 pellicole, con le quali i Marvel Studios hanno fatto storia. Dannazione, non puoi perdertelo per nessuna ragione al mondo!

L’ultima scena. Tutto diventa buoio, lentamente. Iniziano a scorrere i titoli di coda. «Avengers: Infinity War» è appena finito. Mi sento sopraffatto. Vuoto. Cerco di ritrovare i miei pensieri. Sembrao essere stati spazzati via, risucchiati dal suolo. E, improvvisamente, eccoli di nuovo qua. Gioia, rabbia, sorpresa, orrore… i pensieri si accavallano. Il mio cervello inizia a strepidare.

Sono consapevole del fatto che il mondo non sappia ancora della fortuna che ha: è arrivato «Avengers: Infinity War». Davvero… dopo sei lunghi anni di attesa. Una cosa però la so: saresti un pazzo a lasciartelo scappare! Piccolo avviso: se hai già visto il trailer e letto i resoconti su «Avengers: Infinity War», allora non troverai alcuno spoiler qui. Tuttavia, se vuoi goderti il film totalmente imparziale, guardalo e magari torna per lasciare un tuo commento.

Le sei Gemme dell’Infinito

Finora, il più grande progetto cinematografico Marvel
Marvel Studios

Thanos (Josh Brolin), il potente titano dalle origini ancora sconosciute, ha preso di mira le Gemme dell’Infinito. Ne esistono sei e rendono chiunque le brandisca, l’essere più potente dell’universo, capace di comandare sulla vita e persino sulla morte.

Tuttavia, Thanos non vuole il potere tutto per sé, bensì ristabilire l’equilibrio nell’universo. Il titano arriva alla conclusione, che per ristabilire questo equilibrio occorra annientare la metà di tutti gli esseri viventi nell’universo. Con le Gemme dell’Infinito, sarebbe necessario solo uno schiocco di dita per realizzare tutto questo.

Per gli Avengers (i Vendicatori), tra cui Iron Man (Robert Downey Jr.) e Captain America (Chris Evans), non va affatto bene. Ancora segnati dal loro litigio, che in «Captain America: Civil War» ha portato allo scioglimento della squadra di supereroi, dichiarano guerra a Thanos.

Il culmine di un ciclo

Qualcosa di minaccioso viene giù dal cielo
Marvel Studios

«Avengers: Infinity War» è mozzafiato e pomposo, ma anche tragico, doloroso e spietato. È il culmine di un viaggio folle, iniziato dieci anni fa in «Iron Man» con Nick Fury, interpretato da Samuel L. Jackson, e iniziato con queste parole:

«Mr. Stark, you've become part of a bigger universe. You just don't know it yet.»

Ai tempi, nessuno poteva sapere quanto sarebbe diventato grande questo universo cinematografico, nemmeno i responsabili Marvel o il produttore stesso Kevin Feige. Nel frattempo, l’Universo cinematografico Marvel conta più di 60 personaggi. E quasi tutti hanno trovato un posto nel film.

In breve: «Avengers: Infinity War» fa fuoco da tutte le parti.

Inoltre, i registi e fratelli Anthony e Joe Russo giocano consapevolmente con le aspettative del pubblico. Gli lasciano credere di sapere cosa succederà solamente per cambiarlo. Va bene, non proprio nelle stesse proporzioni del regista Rian Johnson in «Star Wars: Gli ultimi Jedi». I due fratelli hanno mantenuto una grande promessa, dichiarata durante molti tour promozionali: dopo «Infinity War», niente sarà più come prima.

Sì, ci sono dei cambiamenti. Grandi cambiamenti. E sì, alcuni fanno anche male. Tuttavia, se guardati da un punto di vista drammaturgico, hanno un senso. Dove è la suspense, se tutto rimane come era e il Bene trionfa senza danni sul Male? Appunto. A prescindere da questo, Feige non vuole che il suo universo cinematografico ristagni o che si areni. I cambiamenti, pur dolorosi, rientrano in questo.

Il malvagio: Thanos

Thanos è forse la miglior canaglia Marvel di tutti i tempi
Marvel Studios

In un cast eccezionale, che comprende anche almeno un paio di vincitori di Oscar o nominati, eccone uno nuovo: Josh Brolin. Brolin interpreta Thanos, il pazzo, come viene chiamato nei fumetti, e il cattivo del film.

Thanos è veramente esagerato.

È apparso per la prima volta sei anni fa in «Avangers» dove si è rivelato essere la vera mente dietro gli eventi che circondano la battaglia di New York. Poi apparve di tanto in tanto ai margini, minacciando e osservando gli eventi da lontano. In «Avengers: Infinity War» sembra sia giunto per lui finalmente il momento di prendere in mano la situazione.

E come.

Per fortuna, Marvel ha riconosciuto che i cattivi migliori sono quelli che hanno metodi sbagliati, non per forza scopi. Così è possibile comprendere l’odio di Hela (Cate Blanchett) per suo padre in «Thor: Ragnarok». Oppure in «Black Panther» l’indignazione di Erik Killmonger (Michael B. Jordan) per come un popolo così progressista come quello di Wakanda possa rimanere nascosto per decenni, invece di condividere la sua conoscenza con il mondo per aiutare i sofferenti.

Thanos vuole le Gemme per ristabilire l’equilibrio nell’universo
Marvel Studios

Thanos segue questo modello: è crudele e coerente, ma i suoi motivi restano condivisibili e seguono una certa logica, lontana dal solito «Sono cattivo perché X-motivi-cliché». Vuole solo proteggere l’universo da quel destino che un tempo è toccato al suo popolo.

Josh Brolin ha trovato il perfetto equilibrio tra il calcolo freddo e la follia spaventosa. Le sue prestazioni sono state trasferite su un modello di computer che utilizza la tecnologia motion capture, simile a Gollum de «Il Signore degli Anelli», e il risultato è impressionante. Lo spettatore non penserebbe mai, che la figura di Thanos possa provenire completamente dal computer. E il gioco di Josh Brolin, la sua voce profonda e romboidale che fa venire la pelle d’oca, il suo linguaggio del corpo che gli dà un'aura insormontabile: tutto contribuisce a rendere il cattivo del fumetto davvero minaccioso, cosa che accade raramente.

Una figura computerizzata appare raramente così realistica.
Marvel Studios

Thanos controlla ogni secondo dove appare. All’inizio non se ne può fare a meno, perché il piacevole brivido alla vista di Thanos è un cambiamento gradito rispetto ai cattivi Marvel, piuttosto pallidi. Ma poi si comincia ad avere paura nelle scene che seguono; ti rendi conto che Marvel ha il fegato di avviare processi che sono più coerenti e angoscianti che mai nell'universo Marvel.

La grande rimpatriata

Si trova tutto quello che ha una categoria e un nome nell’universo Marvel
Marvel Studios

I fan possono stare tranquilli: il duo di registi ha superato, e anche con ottimi voti, il compito, apparentemente difficile, di collocare 67 personaggi (secondo dati ufficiali) in un unico film. Praticamente ogni personaggio ha il suo posto sul grande schermo e quasi nessuno viene trascurato.

Questo funziona perché i fratelli Russo hanno diviso l'azione in diversi filoni narrativi, che compongono un gruppo grande, ma gestibile, di personaggi. I primi minuti del film sono anche utilizzati principalmente per collocare tutti i personaggi nella posizione appropriata: quello va nello spazio, questo rimane sulla terra, quell’altro deve partire... ed eccoli posizionati. È davvero incredibile quanto sia stato facile ed elegante per i Russo dirigere la trama fin dall'inizio: non sembra forzato e nemmeno affrettato in nessun punto. Chapeau.

Persino i «Guardiani della Galassia» hanno trovato posto nel film
Marvel Studios

Parola chiave trama: in realtà non c'è molto. Ma altrimenti, non sarebbe stato facile far trovare a così tanti personaggi il loro posto in soli 149 minuti. Thanos vuole le Gemme e con esse potrebbe fare cose terribili. I Vendicatori vogliono fermarlo e con qualsiasi mezzo necessario. Questo è tutto ciò che accade effettivamente. «Avengers: Infinity War» non dipende dalla sua storia, ma dai personaggi che popolano l’Universo cinematografico Marvel. Un lusso che Marvel può facilmente permettersi – e vuole.

Quasi nessun altro franchise cinematografico può guardare indietro a 19 film di successo che sono stati celebrati dalla critica. Personaggi come Tony Stark o Steve Rogers sembrano così vividi perché li abbiamo accompagnati nelle loro avventure come spettatori per anni. Sappiamo da dove vengono, chi erano, cosa sono diventati e perché. Ci siamo affezionati a loro. Oppure no. Ma quando un folle titano appare sulla scena e minaccia seriamente la loro esistenza, non ci lascia indifferenti. Anzi, ci fa temere per loro. Empatia. Cordoglio…

Conclusione: sarebbe una follia non andare a guardare il film al cinema

Anche Spiderman nell’universo? Tutto può succedere.
Marvel Studios

Con «Avengers: Infinity War», la Marvel scrive un altro pezzo di storia cinematografica. Dieci anni dopo il primo film di «Iron Man», il gigante dei fumetti può voltarsi indietro verso un universo che cerca un suo pari. Spesso copiato, ma mai raggiunto. E poi, il produttore Keine Feige ce l’ha fatta, in una sorta di «theory of everything», a mettere insieme in un film tutto quello realizzato finora.

Tutto questo è stato possibile non solo grazie alla straordinaria regia dei fratelli Anthony e Joe Russo. Loro sono stati pur sempre quelli che hanno trovato una struttura del film nella quale tutti i personaggi Marvel vengono rappresentati dignitosamente. No. È anche merito del Thanos di Josh Brolin, che tiene alto il nome «Avengers: Infinity War». Per tutto il tempo, ogni secondo. Perché lui è crudele, onnipotente e non perdona. Dove passa Thanos non cresce più nulla.

Tranne al cinema. Lì cresce la curiosità quasi insopportabile per la prossima avventura degli Avengers, che probabilmente ci porterà nuovamente nelle sale cinematografiche nel maggio 2019.

Quindi: go, see it!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

<strong>Ready Player One</strong>: un film divertente, un’occasione mancata
Home cinemaNovità e tendenze

Ready Player One: un film divertente, un’occasione mancata

<strong>Sul menu di oggi:</strong> un HDRip russo con sorgente SD tedesca
Home cinemaNovità e tendenze

Sul menu di oggi: un HDRip russo con sorgente SD tedesca

<strong>VFX</strong>: realizzare film direttamente con il computer
Home cinemaRetroscena

VFX: realizzare film direttamente con il computer

User
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

36 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User carcharoth

Viele sagen ja, es wäre das grösste Crossover aller Zeiten.
Die kennen bloss "Globi und Kasperli" nicht.

25.04.2018
User Anonymous

Oder Simpsons und Family Guy hehe :D

26.04.2018
User Anonymous

Simpsons und Family Guy folge war kompletter schrott.. XD

03.05.2018
Rispondi
User Captcha

Sehr geiler Film. Er ist super witzig, spannend und sehr emotional. Keiner der Helden kommt zu kurz. Und Thanos ist einfach nur badass. Für mich der beste Avengers und einer der Top Marvel Filme, wenn nicht der beste.

26.04.2018
User Bluespirit1991

Während und nach dem Film sind Tränen geflossen sag ich euch...
Trotzdem - ein grandioser Film!
Perfekte Menge an Witz, sehr geile Spezial Effekte und natürlich die bombastische Geschichte. :)

26.04.2018
Rispondi
User philippsid

Für die, die sich fragen was das für ein Zeichen auf dem Pager ist: Captain Marvel.

02.05.2018
User JiSiN

Hierzu empfiehlt sich den "Avengers: Infinity War" in Sihlcity anzuschauen.
Saal 5 ist mit den neuen Samsung Onyx LED Screens bestückt (eines der ersten Kinos Weltweit).
Alternative: Saal 9 | 4DX & Dolby Atmos

02.05.2018
User gamerrici

4D lohnt sich hinten und vorne nicht bei dem Film, vor allem in Verbindung mit 3D. Geht in Saal 5!

02.05.2018
User DoctorRipler

Was kostet denn ein Ticket im Saal 9? Hat das einen grossen Aufpreis?

03.05.2018
Rispondi
User notalda

Inwiefern sollte ich Black Panther vorher gesehen haben? Ich habe diesen leider im Kino verpasst und auf DVD ist er auch noch nicht draussen.

25.04.2018
User Captcha

Ist sicher von Vorteil wenn man Black Panther gesehen hat, da Wakanda (die Heimat von Black Panther) eine wichtige Rolle spielt in Infinity War. Dennoch würde ich nicht warten und Infinity War noch dann schauen, wenn der Film auf den grossen Screens läuft.

26.04.2018
User Anonymous

Nein ist es nicht.. Wakanda ist zwar da und ein paar Charaktere.. aber sonst völlig überflüssiger und vorhersehbarer Film. Weder Geld noch die Zeit wert. Kann nicht verstehen wieso viele BP so gut fanden. Leider völlig überhyped.

03.05.2018
Rispondi
User Binärsprachler

Kann den nächsten Film mit Spiderman kaum erwarten nachdem ich die Premiere von Infinity War gestern im Arena gesehen habe.

26.04.2018
User thebernasconis

ANT-Man fehlte noch bisher. Captain Marvel kommt erst und wo dieser Adam Warlock steckt, werden wir erst nächstes Jahr wissen... Und HULK soll endlich rauskommen!

07.05.2018
User MakeAppsNotWar

Ist das uch was für Marvel NICHT liebhaber (DC genuso)?

Die meisten Filme von denen die ich bisher gesehen habe waren eher Flach (Fast wie das Color Grading manchmal bei denen :D)

25.04.2018
User Luca Fontana

Hey da!

Hm, ich fürchte eher nicht. Wenn dir Marvel-Filme bisher nicht so zugesagt haben, dann wird Infinity War nichts daran ändern. Hier kommt ja irgendwie alles zusammen, was Marvel Filme ausmacht – inklusive etwas (zu) blasse Farben ;)

25.04.2018
User Anonymous

Flaches Color Grading bei Marvel hahahahahahahaha Made my Day XD

03.05.2018
User MakeAppsNotWar

@Anonymous meinst du das jetzt ironisch?
Wenn ja, bitte erklär mir msl wie das ein gutes Color Grading sein soll: nofilmschool.com/sites/defa...

@Luca Fontana Hmm okey, danke :)

03.05.2018
User Anonymous

Colorgrading ist Geschmackssache und dient dem Film und der Situation. Ich persönlich finde es gut dass sie nicht jeden einzelnen Film so bunt darstellen. Ich weiss nicht was Du bis jetzt gesehen hast, aber auch das Marvel Universum trifft halt auch nicht jeden Geschmack. Und Civil War war nicht bunt.. nein.. das hätte auch nicht zur Story gepasst.

03.05.2018
User MakeAppsNotWar

Naja. Klar gibt es verschiedene Geschmäcker. Aber das grading von Marvel ist jetzt wirklich nichts gutes... Die Farben sind alle noch bleich. Wirkt wie roh aus der Kamera, ohne LUT und nix...

Erklär mir mal, was du an diesem Look gut findest...

03.05.2018
Rispondi
User danielrose1

Einerseits heisst es immer Comic-Verfilmung, andererseits wird sehr stark von der Comic Vorlage abgewichen.
Im Infinty Wars Comic spielt Reed Richards [F4] eine wichtige Rolle, im Film nicht. Ähnliches gilt für Black Bolt von den Inhumans. Umgekehrterweise gibt es keine Guardians otG im Comic.

02.05.2018
User bkeleanor

Das einzige was mir an dem Film überhaupt nicht passt, ist das Ende. Sehr unbefriedigend.

05.05.2018
User Alessandro Bottinelli

Bin mal gespannt ob der Film dem Hype gerecht wird. Solange Cap die Radieschen von unten sehen wird, werde ich mit dem Film zufrieden sein :D #TeamIronMan Ich hoffe auch, dass Marvel nicht alles in diesen Film packt, sondern Thanos erst in Avengers 4 besiegt wird, sonst wird Infinity War viel zu überladen. Mein Wunsch wäre, wenn Infinity War mit dem berühmten Fingerschnippser von Thanos endet und in Avengers 4 sieht man dann die Folgen, kann von mir aus auch einen Time Skip geben zwischen Infinity War und Avengers 4.

25.04.2018
User Yurine27

Thanos stirbt sowieso nicht, und ich glaube dass in diesem Film sowohl Cap wie auch Iron Man drauf gehen werden :D

25.04.2018
Rispondi
User siralos1

woher habt ihr eure infos? die stimmen hinten und vorne nicht!

- thanos ist der halbbruder von starfox und stammt ebenso wie dieser, vom mond titan, weswegen man ihn ja auch mad titan nennt.
- er will das halbe universum auslöschen, um tod(in gestalt einer frau) zu inponieren

25.04.2018
User Luca Fontana

Das mag vielleicht in den Comics so sein. Im Film ist das definitiv anders. Aber ich will hier nichts vorwegnehmen ;)

25.04.2018
User siralos1

ihr schreibt es ja selbst "thanos der titan"...er ist nicht von unbekannter herkunft.
ich glaube kaum dass mcu es wagt etwas an der geschichte und dem grund weshalb thanos der infinity steine hinterher jagt, zu ändern. die geschichte um thanos und der steine und seiner angebetete, dauert schon mehr als 30 jahre und erst kürzlich gab's wieder ne neue story.
in teil 2 werden wir ja sehen was thanos genau bewegt, warum er das halbe universum auslöschen will.

25.04.2018
User Luca Fontana

Da habe ich mich womöglich ungeschickt ausgedrückt. Thanos ist für Kino-Zuschauer von bisher unbekannter Herkunft. Wir wissen, dass er ein Titan ist, weil Film-Charaktere ihn zuvor als Titanen bezeichnet haben. Rocket spricht in «Guardians of the Galaxy», wenn ich mich recht erinnere, gar von «irgend einem verrückten Titanen». Aber das ist auch schon alles. Für Fans, die weder den neusten Film gesehen noch die Comics gelesen haben, ist Thanos zu diesem Zeitpunkt ein gänzlich unbeschriebenes Blatt.

In wiefern der Film-Thanos vom Comic-Thanos abweicht, muss jeder selbst im Kino herausfinden :).

25.04.2018
User Artega09

Ich muss definitiv mit Marvel Comics anfangen... Wo kriegt man so was in unserem Zeitalter her?

01.05.2018
User siralos1

amazon, da kriegst du den alten aus denn '80 jahre als auch die, die vor einpaar jahren erschienen sind.

01.05.2018
Rispondi