Recensione

«Andor» – Star Wars diventa più matura

Luca Fontana
21.09.2022
Traduzione: Leandra Amato

Tono cupo. Narrazione più matura. Focus sui personaggi. «Andor», una serie di guerra e spionaggio, è senza dubbio la cosa più da adulti che «Star Wars» abbia mai offerto, ma soprattutto una ventata d'aria fresca di cui si sentiva il bisogno.

Una precisazione: la recensione non contiene spoiler. Troverai soltanto informazioni già note dai trailer diffusi.


Diverso. Se dovessi riassumere «Andor», la serie prequel di «Rogue One: A Star Wars Story», in una sola parola, questa sarebbe «diverso».

Diverso da quello a cui sono abituato da «Star Wars». Diverso da quello che mi aspetto da «Star Wars». Ma mi piace questa diversità. È sfaccettata. Tetra. Matura. E a volte anche contraddittoria: grande nella sua ambizione e portata, ma raccontato come una piccola storia in una serie di guerra e spionaggio – almeno inizialmente. Ma soprattutto, «Andor» non è roba per bambini.

Di cosa tratta «Andor»

Il potere dell'Impero è ininterrotto da 14 anni e la lotta degli oppositori contro la sua superiorità è disperata. Andor Cassian (Diego Luna) non prova particolare simpatia per nessuna delle due parti. Come artista delle truffe, si fa strada, per lo più in solitudine, in una galassia molto, molto lontana. Non senza motivo: le origini di Andor sono un mistero. Se l'Impero lo sapesse, diventerebbe un bersaglio di poteri ben peggiori dei suoi già nefasti creditori.

Ma Andor non sarebbe Andor se non corresse dei rischi. A volte anche troppi. Così il protagonista finisce sulla lista dei ricercati dell'Impero e inavvertitamente mette in moto le cose che un giorno lo trasformeranno nel rivoluzionario che conosciamo da «Rogue One». E che un giorno accenderà la scintilla di quella ribellione che unirà la galassia contro l'oscurità.

Tony Gilroy: ricorda questo nome

Se un anno fa mi avessi chiesto quale serie di «Star Wars» aspettavo con più impazienza, «Andor» non sarebbe stata di certo la risposta. Troppo grande il fascino di «Book of Boba Fett». La gioia per «Obi-Wan Kenobi». E la flebile speranza di ottenere la terza stagione di «The Mandalorian» quest'anno.

Ma «Andor»?

Forse avrebbe dovuto essere più evidente. Già in «Rogue One», pur non essendo il protagonista, Andor Cassian è uno dei personaggi più emozionanti: è vero che lì combatte per i ribelli – per i buoni – ma con mezzi discutibili che anche la più nobile delle cause difficilmente può giustificare. Questo è interessante, perché tradizionalmente, in «Star Wars» vengono tracciate linee chiare tra il bene e il male. Non è così per Andor, il personaggio principale, interpretato in modo eccezionale da Diego Luna. È stato persino insignito del Saturn Award come miglior attore non protagonista, uno dei premi più importanti per il genere fantascientifico, fantasy e horror della televisione statunitense.

Design delle creature eccezionale? Questo fa anche parte di «Star Wars».
Design delle creature eccezionale? Questo fa anche parte di «Star Wars».
Disney+ / Lucasfilm

Sì, avrei dovuto saperlo. Non solo perché «Andor», dopo i primi quattro episodi resi disponibili in anteprima da Disney e Lucasfilm, ha effettivamente il potenziale per superare anche «The Mandalorian». Ma perché «Rogue One» è ancora considerato uno dei film di Star Wars più popolari dell'era Disney. Proprio perché è malinconico, serio e, per gli standard di «Star Wars», sorprendentemente adulto.

Sono proprio questi i punti di forza che contraddistinguono la serie. «Andor» ha tutte le carte in regola per diventare la «serie di Star Wars» che nessuno aspettava, ma che piacerà a tutti. È abbastanza ambiziosa. E la ragione di tutto questo si chiama Tony Gilroy. In qualità di produttore, scrittore e showrunner, questo è il suo progetto. Il suo bambino. E quando il 65enne americano mette le mani su qualcosa, di solito vengono fuori grandi cose. Ad esempio, «Nightcrawler», diretto dal fratello ma basato sulla sceneggiatura di Tony Gilroy. «House of Cards», come produttore consulente. La trilogia di «Bourne» come scrittore. Ha diretto il sottovalutatissimo film «Bourne Legacy».

E l'ormai iconica Hallway Scene in «Rogue One», dove Darth Vader si fa strada tra i pietosi ribelli. Questa scena non è stata creata dal regista di «Rogue One» Gareth Edwards, il quale aveva già abbandonato il progetto perché non era d'accordo con i massicci reshoot. La scena in realtà è stata ideata sotto Gilroy, che è stato portato a bordo dalla Lucasfilm per riscrivere l'ultimo terzo della sceneggiatura da zero e completare il film.

Con successo. Anche, o forse, a causa della famigerata scena dell'hallway.

Forse il più ambizioso progetto televisivo di «Star Wars» mai realizzato

La storia complicata ma di grande successo di Tony Gilroy con la Lucasfilm deve avergli fatto guadagnare molta fiducia. Infatti, il suo «Andor» risulta essere tra l'altro il più ambizioso «progetto televisivo di Star Wars» fino ad oggi – non «Book of Boba Fett» e nemmeno «Obi-Wan Kenobi», che riguardano due dei personaggi «di Star Wars» più popolari di sempre.

Si dice che Gilroy e il suo team abbiano speso più tempo solo per questa prima stagione che per «The Mandalorian», «The Book of Boba Fett» e «Obi-Wan Kenobi» messi insieme. Ciò è dovuto alla loro concezione lungimirante: la serie è ambientata cinque anni prima di «Rogue One». Sono già state pianificate due stagioni di dodici episodi di un'ora ciascuno. Copione incluso. Quindi non ci saranno praticamente riprese. Non ci sono correzioni successive alla storia. Non c'è tensione intorno a cose che poi si rivelano irrilevanti. E nemmeno la terza stagione. La direzione di marcia è chiara fin dal primo secondo; una lezione appresa a fatica dopo la confusione narrativa dei sequel.

E non è tutto: tre episodi formano sempre un «blog». Inizio, metà e fine: un capitolo coerente. E ogni blog è girato da un regista diverso. Mentre l'intera prima stagione rappresenta un anno, i quattro blog della seconda stagione rappresentano ciascuno un anno. Questo, a sua volta, indica i cinque anni esatti che intercorrono tra l'inizio della serie e «Rogue One». Dopo tutto, «Andor» dovrebbe condurre alle prime scene di «Rogue One» proprio come «Rogue One» ha fatto all'inizio di «Star Wars: Episodio IV». Si tratta di proporzioni epiche in stile «Game of Thrones» mai viste prima in una serie «Star Wars».

Sorprendente: «Andor» ha più luoghi reali di tutte le altre serie di «Star Wars» messe insieme – e sembra ancora più reale proprio per questo.
Sorprendente: «Andor» ha più luoghi reali di tutte le altre serie di «Star Wars» messe insieme – e sembra ancora più reale proprio per questo.

La serie «Andor» è anche molto più cinematografica rispetto alle serie sorelle: Gilroy fa completamente a meno della scenotecnica, la nuova arma multiuso di Hollywood, che per ironia della sorte è stata co-sviluppata dai creatori di «The Mandalorian».

Non che la scenotecnica sia male. Al contrario: una serie di schermi LED ad alta risoluzione crea un mondo intorno e sopra ad attori e attrici che può essere ripreso direttamente dalla telecamera. Questo aspetto è molto più realistico rispetto agli effetti aggiunti successivamente al computer, aiuta il cast nella recitazione ed è anche più economico.

Ma la scenotecnica è anche costrittiva. Le scene d'azione, in particolare, non assumono mai le stesse proporzioni epiche di una ripresa in luoghi reali o su set enormi. «La gente correrebbe accidentalmente dal palcoscenico in continuazione», dice Gilroy in un'intervista a proposito della decisione di rinunciare alla scenotecnica. È proprio per questo che «The Book of Boba Fett» e soprattutto «Obi-Wan Kenobi» sembrano in qualche modo... più piccoli.

«Andor», invece, è stato girato esclusivamente in location reali o su grandi set. Lo si vede subito nella serie. È più potente dal punto di vista visivo. Più epico. Sembra concreto e reale. E, per l’appunto, «più cinematografico di qualsiasi serie precedente di Star Wars», compresa «The Mandalorian».

Un avviso: non adatto ai bambini né a un intrattenimento superficiale

Almeno i primi quattro episodi brillano per le splendide inquadrature – tra l'altro realizzate dal direttore della fotografia di «The Crown» Adriano Goldman –, per i dialoghi accattivanti e per una storia che si svolge volutamente lentamente. D'altra parte, chi si aspetta un inseguimento in auto, una sparatoria con blaster o un combattimento con spada laser ogni 20 minuti nella migliore tradizione di «Star Wars», rimarrà amaramente deluso. «Andor» ha azione dannatamente buona. Ma è ben dosata. Meglio così: speeder zoppicanti condizionati dal budget che nessuno vuole vedere comunque. Invece, c'è più spazio per il disegno dei personaggi.

Mi spiego meglio. La narrazione si basa sempre su storie d'azione o di personaggi. Le buone storie guidate dalla trama possono avere personaggi avvincenti, ma la storia è comunque guidata principalmente dalla trama, dall'azione. Le storie orientate ai personaggi, invece, si concentrano sullo sviluppo di personaggi profondi. Le emozioni e i sentimenti sono in primo piano. La trama è subordinata allo sviluppo dei personaggi, non viceversa.

Non preoccuparti: questo speeder è molto più veloce di quelli presenti in «The Book of Boba Fett».
Non preoccuparti: questo speeder è molto più veloce di quelli presenti in «The Book of Boba Fett».
Disney+ / Lucasfilm

«Star Wars» è una delle storie orientate all'azione. «Andor» no. In ogni caso, non in modo univoco. La sceneggiatura di Gilroy richiede una quantità di tempo pazzesca per i suoi personaggi. Utilizza il formato della serie come nessun altro show «Star Wars» per raccontarci chi sono i nostri personaggi nel profondo, perché fanno quello che fanno, quali sono le loro paure e i loro sogni e perché non dovrebbe importarci del loro destino – se imperiali, ribelli o politici. Apprendiamo esattamente come è la galassia, come viene oppressa e sfruttata dall'Impero e come, nonostante questo, quasi nessuno trovi la forza di reagire. Spesso non oso distogliere lo sguardo nemmeno per un secondo. Sono troppo risucchiato da questa atmosfera cupa e minacciosa che grida letteralmente «Ribellione!».

Un esempio dal primo episodio, senza spoilerare troppo: Andor viene sorpreso a commettere un crimine in un luogo che non rivelo. In realtà, l'onnipresente Impero dovrebbe occuparsi di questo. Ma non è così. Il crimine è stato commesso in un locale che non dovrebbe esistere, che le forze di sicurezza imperiali ferite non dovrebbero potersi permettere e in cui tali forze di sicurezza consumano alcolici speciali vietati. All'inizio la questione viene nascosta – nessuno vuole rischiare di scavare troppo a fondo. Chissà cosa potrebbe venirne fuori...

E Andor? Chirrut Imwe (Donnie Yen), la guardia di «Rogue One», gli dirà: «C'è più di un tipo di prigione, Capitano. Sento che porti con te la tua, ovunque tu vada.» La moralità ambivalente con cui Andor persegue i suoi obiettivi è mostrata anche nella serie. Solo che l'approccio di Andor non lo lascia indenne. Il senso di colpa lo tormenta. Un senso di colpa che costruisce gradualmente la prigione che il futuro Capitano Andor trascinerà con sé ovunque vada.

Andor va per la sua strada solitaria.
Andor va per la sua strada solitaria.

È un quadro cupo, poco adatto ai bambini e complessivamente grigio scuro quello che «Andor» dipinge di questa galassia. Pieno di brutalità e intrighi politici. Non importa se con Andor nel buco più profondo o nei lussuosi e raffinati banchetti politici del Senato su Coruscant. Dove altri personaggi affascinanti come Mon Mothma (Genevieve O'Reilly) o Luthen Rael (Stellan Skarsgård) cercano di costruire una ribellione, nascosta ma sotto i riflettori, senza firmare la propria condanna a morte.

Un'azione funambolica che non potrebbe essere più eccitante. E una boccata d'aria fresca nell'universo, di cui si sentiva il bisogno da quando «il creatore di Star Wars»George Lucas ha detto che «"Star Wars" è fatto per bambini di 12 anni».

Conclusione: ne sono entusiasta

Intrighi. Conflitti. Contraddizioni. Sono affascinato da queste nuove, torbide e diverse sfaccettature di «Star Wars». I bambini, invece, è probabile che le trovino noiose o addirittura spaventose. In generale, credo sia impossibile che il pubblico più giovane si interessi ad «Andor».

Questa non è una critica, ma un complimento. «Andor» si rivolge a un pubblico più adulto e maturo che apprezza un'epopea la cui storia, strettamente ingarbugliata all'inizio, si dipana solo lentamente e delicatamente. Il fatto che questa serie «Star Wars» sia davvero così bella sorprende anche me, che sono un grande fan di «Rogue One». E questo nell'era Disney. Coraggioso. Piacevolmente coraggioso.


I primi tre episodi di «Andor» andranno in onda su Disney+ dal 21 settembre. Seguirà un episodio a settimana.

A 81 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot». 


Film e serie
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader