Presentazione di prodotti

Sistemi di illuminazione a confronto: Hue o Eglo?

Michael Restin
22.01.2019
Post-editing/revisione: Leandra Amato

Chiunque sia alla ricerca di un sistema di illuminazione intelligente per la sua «Smart Home», di solito finisce per acquistare quello del leader di mercato: Philips Hue. Per me è stato lo stesso. Oggi però diamo un'occhiata alla concorrenza. Testiamo i prodotti Eglo Connect, che si possono collegare tra loro senza connessione a internet.

Più la mia casa diventa connessa, più la zona dietro al router si riempie di cavi. È qui che devo collegare il ponte del sistema Hue, il punto di accesso per Homematic IP e una Gigaset IP base station. L'ultima porta Ethernet libera viene occupata da iSmartAlarm. E fino a qui tutto bene. Ma così ho esattamente il problema che volevo evitare: un groviglio immenso di cavi.

Il sistema di illuminazione Eglo Connect mi piace fin dall'inizio perché non ha bisogno di internet. Genera una rete propria con cui si connette a tutti i dispositivi anche senza un ponte. Com'è possibile? Grazie alla tecnologia a rete. Per farlo, l'azienda austriaca Eglo ha unito le forze con il produttore di chip francese «AwoX».

Ecco come funziona: ogni sorgente di luce si collega e trasmette i comandi alle altre, entro una distanza di 15 metri, tramite Bluetooth. «Lampada da terra a lampade a sospensione, meno luce! Passate parola alle altre!» – «Fatto. Lampade a sospensione a lampade della cucina, meno luce! Ah, già che ci siete dite anche alle lampade della camera da letto che devono spegnersi!» Più o meno è così che funziona il sistema Bluetooth. Un po' come il gioco del telefono senza fili. In sostanza, per controllarle tutte, ti basta essere nel raggio d'azione di una sola lampadina con lo smartphone o il telecomando. Anche se sei offline.

Premi un pulsante e cambia colore: la luce di Eglo Connect ne ha ben 16 milioni.
Premi un pulsante e cambia colore: la luce di Eglo Connect ne ha ben 16 milioni.

Questo approccio è interessante, ma ha lo svantaggio di non poter essere combinato con Hue e altri sistemi che si collegano via radio e si basano sullo standard Zigbee. I prodotti di Hue, Osram Lightify o IKEA Trådfri possono essere integrati senza problemi. Eglo Connect ha quindi un enorme potenziale di mercato. L'applicazione AwoX (iOS // Android), sviluppata per il sistema Eglo, può essere utilizzata per integrare il ponte Hue e quindi controllare gli apparecchi Hue. Ma se hai già il sistema Hue, è improbabile che tu voglia cambiare. E se acquisti la soluzione più economica Eglo Connect, non comprerai il ponte o altri dispositivi Hue per controllarli tramite Eglo. Io però sono curioso. Sostituisco una lampada Hue con una Eglo a casa per un po'. Testo il sistema con una lampadina E27.

Eglo e la famiglia Hue

Eglo supera la concorrenza sotto un aspetto: la lampadina E27 più luminosa del produttore raggiunge 1300 lumen, l'equivalente di una lampada alogena da 80 watt. Impressionante. Avvito la versione standard, che con 806 lumen e un consumo di 9 watt dovrebbe emettere esattamente la stessa quantità di luce della mia Hue White & Ambiance (9,5 watt). La differenza è che la Eglo può anche emettere luce colorata. E non devi pagare extra come con Philips.

L'installazione di Eglo è così semplice che ho molto da dire a riguardo: scarica l'app, attiva il Bluetooth, connettiti. Niente di stravagante. E non devi nemmeno strisciare dietro al divano per armeggiare con router o ponti. È ancora più facile con il telecomando. Accendi la luce e tieni il pulsante On premuto per tre secondi. Fatto. Questo è tutto. Dopo aver impostato l'Eglo Connect Stripe, inizio a raggruppare e programmare le luci nell'app.

Questi sono i tre prodotti che mi porto a casa per il test:

Aggiungo il ponte Hue nell'applicazione AwoX e così collego anche le mie lampade Hue. Benvenute in famiglia. Di solito ho tre Hue White & Ambiance e tre Hue White controllati da due interruttori dimmer e un rilevatore di movimento. Combinati con la luce colorata dei nuovi arrivati Eglo, ho l'occasione di considerare attentamente i vantaggi e gli svantaggi di entrambi i sistemi.

Philips, il mio primo grande amore:

Philips Tinta Bianco Espansione dell'ambiente (E27, 9.50 W)
Lampadina

Philips Tinta Bianco Espansione dell'ambiente

E27, 9.50 W

F
442
Philips Tonalità di bianco (E27, 9.50 W)
Lampadina

Philips Tonalità di bianco

E27, 9.50 W

F
40

Possibilità illimitate

C'è un motivo se Philips è il leader di mercato. Il sistema offre infinite possibilità per gli appassionati di domotica e di Smart Home: puoi espanderlo e controllarlo a distanza, mentre puoi programmare azioni e scenari con l'app IFTTT. La gamma di prodotti è ampia e compatibile con altri produttori che utilizzano lo stesso standard radio. Cè un'ottima app sviluppata dal produttore, oltre a diverse altre app e, a mio parere, telecomandi dal design più attraente. Se il prezzo non è un problema e se sfrutti tutte le funzionalità, è sicuramente un ottimo acquisto. La pensa così anche il nostro utente e membro della community Sonico100.

Questa è la vita con Philips Hue. Punto.
Questa è la vita con Philips Hue. Punto.

Espandibile passo per passo

Il fatto che Eglo Connect si basi sul Bluetooth e funzioni indipendentemente da internet può essere un vantaggio o uno svantaggio a seconda del punto di vista. Da un lato risparmi sul ponte, e i componenti creano un sistema chiuso che non è accessibile dall'esterno. Puoi usare l'app per impostare gruppi e scenari, cioè decidere quando e come le luci si accendono e si spengono. Ad esempio, puoi svegliarti al mattino con una luminosità crescente o simulare una presenza quando sei fuori casa.

Dall'altro, siccome i comandi vengono memorizzati sulle lampade stesse ed eseguiti automaticamente, non puoi cambiarli a distanza. Con la versione base devi anche fare a meno del controllo vocale tramite Google Home o altri assistenti. Per non perdere la connessione, Eglo sta lavorando a un ponte: con il Connect Plug Plus il sistema non sarà più chiuso, ma potrai espanderlo con altri apparecchi, tecnologie e opzioni. Potrai anche integrare un sensore di movimento e scegliere tra moltissime lampade e sorgenti luminose.

Bene. Ora che abbiamo parlato dei fatti, vediamo come mi trovo a utilizzarlo nella vita reale.

Telecomandi a confronto: non sono convinto dell'Eglo. L'Hue Dimmer Switch segna punti.
Telecomandi a confronto: non sono convinto dell'Eglo. L'Hue Dimmer Switch segna punti.

L'Eglo nella vita di tutti i giorni

All'inizio lo trovo un po' strano. Sono abituato alla luce più delicata di Hue Ambiance, quindi mi ci vuole un po' di tempo per trovare le impostazioni giuste con l'Eglo Connect. Ma con 16 milioni di colori e 50 000 sfumature di bianco, ovviamente c'è qualcosa che fa per me. Con il telecomando, ho il pieno controllo. Posso passare da un colore all'altro, abbassare l'intensità, salvare i preferiti e richiamarli premendo un pulsante. Sfortunatamente, il design ricorda molto quello dei telecomandi TV economici degli anni '90 e non è così discreto come il Dimmer Switch di Hue. Tuttavia, devo premere lo stesso pulsante in continuazione per scorrere i preferiti.

Anche l'applicazione Eglo AwoX non è male, anche se non fa niente di straordinario. La modalità Disco è abbastanza divertente. Se permetti all'app di accedere al microfono del tuo smartphone, le luci lampeggiano al ritmo della musica. Altrimenti, lo uso principalmente per gestire le impostazioni di base. Quando accendo le luci ci vuole sempre qualche istante perché la connessione Bluetooth venga stabilita, ma poi rimane lì e non oscilla. Con Eglo Connect non riscontro grandi problemi. Perdo la pazienza solo quando cerco di resettare la Light Stripe secondo questo schema circuitale per chi ha un cronometro.

L'app è organizzata bene e funziona senza alcun problema. Tuttavia preferisco usare il telecomando.
L'app è organizzata bene e funziona senza alcun problema. Tuttavia preferisco usare il telecomando.

Conclusione

I love Hue. Non lo cambierò. Mi è piaciuto anche Eglo Connect, è un ottimo sistema con funzionalità di base: luci accese, luci spente. Puoi accendere, spegnere, raggruppare, automatizzare le luci e impostare l'atmosfera semplicemente premendo un pulsante. In molti casi e per molti utenti, è tutto ciò che serve. Se non hai ancora installato un sistema di illuminazione intelligente e sei alla ricerca di un concetto semplice, progettato con le funzioni di base e la possibilità di ampliarle, vale la pena dare un'occhiata. Eglo è uscito a testa alta anche in un test effettuato dalla rivista «Connect» in Germania. E, soprattutto, Eglo Connect è perfetto per tutti i luoghi dove non c'è internet. Se hai la fortuna di possedere una casa per le vacanze, allora questa è la soluzione adatta. Se ne avessi una, io lo installerei subito!

A 24 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Arredamento
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Smart home
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Illuminazione
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader