Non sei connesso a internet.
Corporate logo
AudioHome cinemaSmart homeRetroscena 812

Sonos Beam: la nuova nicchia del multiroom

Sonos ha presentato Sonos Beam ai giornalisti. La prima impressione è convincente, ma la nuova mini soundbar ha alcuni grandi punti interrogativi, che sono dovuti principalmente al fatto che il mercato non esiste ancora. Sonos sta cercando di creare una nicchia di mercato tutta per sé.

«Se vuoi un grande impianto home cinema, Beam probabilmente non fa per te», dice Ross Barbour, Training Manager EMEA di Sonos.

Presenta l'ultimo prodotto della linea Sonos in uno studio a Zurigo, che può essere affittato proprio per questo scopo. Beam si trova in bianco davanti a un televisore e in nero su un tavolo. Sembra poco impressionante, come una piccola soundbar. Questo è un problema di marketing che affligge televisori e altoparlanti in generale. Dove gli smartphone fanno furore di tanto in tanto con decisioni di design audaci – Notch o no Notch? – altoparlanti e televisori, con poche eccezioni, sono progettati in modo tale da non attirare l'attenzione in un appartamento. Così anche Beam: compatta, arrotondata, monocromatica.

Ma Sonos Beam diventa interessante quando il Training Manager inizia a dare più dettagli, perché Sonos osa qualcosa che nessuno ha mai osato fare in termini di multiroom.

La nicchia nel sistema multiroom

Finora non hai avuto molta scelta in fatto di sistemi multiroom. Tanti o pochi bassi, altoparlanti grandi o piccoli. Sonos Beam è diversa.

Secondo Barbour, Beam non sostituisce la Playbar, che, abbinata a un subwoofer e possibilmente a qualche altoparlante Play-1, costituisce un sistema home cinema. Naturalmente, questo è possibile, ma Beam non è stata progettata per la sonorizzazione di grandi stanze aperte.

  • Beam (Nero, Airplay)
  • Beam (Nero, Airplay)
  • Beam (Nero, Airplay)
CHF 499.–
SONOS Beam (Nero, Airplay)

Disponibilità

Invio postale

  • Più di 10 pezzo(i)
    nel nostro magazzino

Ritiro

  • Basilea: oggi alle 12:30
  • Berna: oggi alle 12:00
  • Dietikon: oggi alle 13:30
  • Genf: oggi alle 14:00
  • Kriens: oggi alle 13:00
  • Losanna: oggi alle 12:30
  • San Gallo: oggi alle 13:00
  • Winterthur: oggi alle 12:00
  • Wohlen: oggi alle 11:00
  • Zurigo: oggi alle 12:15

PickMup

Solo se ordini immediatamente.
Tutte le informazioni senza garanzia.

Visualizza i dettagli

  • BEAM (Bianco, Airplay)
  • BEAM (Bianco, Airplay)
  • BEAM (Bianco, Airplay)
CHF 499.–
SONOS BEAM (Bianco, Airplay)

Disponibilità

Invio postale

  • Più di 10 pezzo(i)
    nel nostro magazzino

Ritiro

  • Basilea: oggi alle 12:30
  • Berna: oggi alle 12:00
  • Dietikon: oggi alle 13:30
  • Genf: oggi alle 14:00
  • Kriens: oggi alle 13:00
  • Losanna: oggi alle 12:30
  • San Gallo: oggi alle 13:00
  • Winterthur: oggi alle 12:00
  • Wohlen: oggi alle 11:00
  • Zurigo: oggi alle 12:15

PickMup

Solo se ordini immediatamente.
Tutte le informazioni senza garanzia.

Visualizza i dettagli

«Beam è stata realizzata per diffondere un suono pieno e piacevole in piccole stanze», afferma il Training Manager. Si tratta di un dispositivo più adatto alla camera da letto che al soggiorno di una casa unifamiliare; più per il soggiorno di un appartamento di città che in un grande loft aperto. Beam è un dispositivo per chi vive in città, ha pochi soldi, ma vuole avere sempre gli accessori più alla moda.

Ascoltiamo cosa sa fare

Per quanto entusiasmante possa essere il posizionamento di mercato di Beam, alla fine non si tratta di sapere se fai parte del gruppo di acquirenti o meno. Si tratta di come suona quell’aggeggio quando gli si dà qualcosa da riprodurre. Questo è anche il momento in cui le osservazioni di Barbour vengono relativizzate. Lo studio in cui racconta ai giornalisti seduti su un divano non è un piccolo appartamento di città. È come un grande loft. Le condizioni di laboratorio possono essere raggiunte solo in misura limitata in questa sala. Anche lo schermo del proiettore, che è stato tirato giù dal soffitto per riflettere meglio il suono nel salottino simulato, non aiuta, ammette Ross.

Clicca «Play» su un iPad e parte la musica. I quattro altoparlanti si occupano di bassi e medi, il tweeter davanti della riproduzione esatta della voce. Dalle impostazioni suona come una soundbar per TV, ma Ross relativizza.

«Beam è in grado di distinguere tra musica e contenuti televisivi, adattando automaticamente l’equalizer».

Questo diventa evidente quando riproduce una scena del film hollywoodiano «Arrival». Nella scena, Amy Adams, nel ruolo della linguista Louise Banks, incontra per la prima volta gli eptapodi alieni. La colonna sonora dell'islandese Jóhann Jóhannsson è dominata da bassi profondi e lunghi e Louise parla quasi sussurrando. Ai giornalisti viene la pelle d’oca, la reazione di Louise è trasmessa molto chiaramente.

Lo stesso vale per la traccia dei Radiohead che Ross aveva appena trasmesso in streaming dall’iPad. Il sistema Sonos si è adattato. Il tweeter non è più così dominante, i quattro woofer – da non confondere con un subwoofer specializzato in bassi – offrono di più e i tre radiatori passivi per bassi mostrano le loro prestazioni.

«Va bene, i Radiohead hanno un vantaggio», afferma Ross ridendo. «Nigel Godrich è membro della nostra Board of Sound».

Questa Board of Sound è composta da nomi celebri della scena musicale e cinematografica. Oltre al produttore dei Radiohead ci sono anche il compositore Hans Zimmer e altri. Insomma, portano la loro esperienza nello sviluppo degli altoparlanti, che devono essere in grado di fare tutto il possibile. Sorge una domanda: questo significa che gli altoparlanti Sonos sono essenzialmente ottimizzati per il suono dei Radiohead e film come Dunkirk e altri cadono nel dimenticatoio? Speriamo di riuscire a rispondere alla domanda nel test.

La soundbar dispone di una modalità notturna, che permette di guardare la TV o ascoltare musica fino a tardi senza svegliare i vicini.

Altro?

La piccola soundbar non dispone solo di altoparlanti, ma anche di microfoni, che vengono utilizzati per integrare gli assistenti vocali. Alexa di Amazon è già installato, il Google Assistant dovrebbe arrivare quest'anno. Questo è entusiasmante per noi svizzeri, perché Alexa è disponibile in Svizzera solo tramite workaround e non ha tutte le funzionalità. Posso fare un esempio. Chiedi ad Alexa e Google Assistant: «What's the weather?»

  • Google: «Today in Zürich, it's 24 degrees and sunny. Currently, it's 18 degrees and clear sky»
  • Amazon: «I don't know the answer to that one. Please input your address into the Alexa App»

Anche se hai inserito l'indirizzo nell'app, Alexa non può ancora farlo in Svizzera. Ma se chiedi ad Alexa «The weather in Zürich, Switzerland», allora sputa fuori il tempo. Ciò significa: a noi svizzeri piace il Voice Assistant di Google più di Alexa di Amazon. Siri sarà naturalmente integrata anche nei prodotti Sonos.

L'integrazione degli assistenti vocali è interessante perché è possibile collegare Beam al televisore tramite HDMI ARC e quindi può interagire con le funzioni TV. «Alexa, turn on the TV» funzionerà anche se il televisore è un po’ più antiquato. HDMI ARC è in circolazione da pochi anni, ma non viene notato spesso. ARC sta per Audio Return Channel e permette lo scambio bidirezionale di informazioni, cioè tramite comandi CEC dall'altoparlante al televisore.

Ci si chiede cosa starà ancora progettando Sonos

Il mondo dei sistemi multiroom è appena diventato un po' più entusiasmante. Soprattutto perché Beam non ha alcuna caratteristica che tu e io ci aspettiamo da una soundbar. Almeno dalle soundbar nella zona premium, di cui Beam sicuramente non fa parte. Beam appartiene a un'area che non esiste ancora.

Ma possiamo scoprire, partendo da Beam, altri prodotti su cui Sonos sta lavorando?

Ammettiamolo: la Playbar offre un suono eccellente per TV e musica, ma sta diventando un po’ antiquata, soprattutto in un’era in cui gli altoparlanti sono più di semplici altoparlanti. Inoltre, Beam non dispone di Dolby Atmos o l'equivalente di DTS.

Sonos sta lavorando a una nuova soundbar? Una con tutte queste caratteristiche e un cartellino del prezzo corrispondente? Sonos non lascia trapelare nulla, ma il sospetto rimane.

Ma Beam fa una buona prima impressione, anche se il grande test al di fuori delle condizioni controllate dal produttore deve ancora essere fatto.

Update 29.06.2017 // 11:00

Il Category Management ci ha contattati. Beam sarà disponibile a partire da metà luglio.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

<strong>Google Home Mini</strong>: un trucchetto per utilizzarlo in Svizzera
Smart homeRetroscena

Google Home Mini: un trucchetto per utilizzarlo in Svizzera

<strong>Marshall Woburn</strong> e il giorno in cui il nostro studio è diventato una sala prove
AudioRecensione

Marshall Woburn e il giorno in cui il nostro studio è diventato una sala prove

<strong>Multiroom Bundle di Sonos</strong>: così potrai cantare anche sotto la doccia
AudioPresentazione prodotti

Multiroom Bundle di Sonos: così potrai cantare anche sotto la doccia

User
Giornalista. Autore. Hacker. I miei temi hanno a che fare principalmente con Android o Apple iOS. Anche la sicurezza informatica è molto importante per me, poiché oggi la privacy non è più una questione secondaria bensì una strategia di sopravvivenza.

8 Commenti

Per favore, effettua il login.

Devi effettuare il login per scrivere un nuovo commento.


User gamerrici

"ARC steht für Audio Return Channel und erlaubt den bidirektionalen Austausch von Informationen"
Es ermöglicht beim direkten Streamen auf den Fernseher das Audio per HDMI an Beam zu senden.
Ich glaube für die Steuerungsbefehle meinst du HDMI CEC de.wikipedia.org/wiki/Consumer_Electronics_Control

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User Anonymous

Das Fehlen von Atmos und DTS ist schon sehr krass. Was hat sich Sonos dabei gedacht? Danke für den Hinweis. Wird in vielen Reviews nicht mal erwähnt.

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User Luca Fontana

Genau das war auch meine Reaktion:

«Hey Dominik. Was taugt die Sonos Beam?»

«Super. Die Marktpositionierung von diesem Teil ist faszinierend.»

«Atmos?»

«Nein.»

«What the...?»

Da MUSS noch was kommen. Sonst bin ich aufrichtig schockiert.

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

Rispondi
User Anonymous

Schade hat das Teil nur einen HDMI Port. Wenn man ARC nutzen will, "verschwendet" man so einen HDMI Port am TV nur für den Sound... Die BOSE Soundbar hat deswegen extra noch einen 2. Port, damit man trotzdem noch eine Konsole o.ä. anschliessen kann und keinen HDMI Port am TV opfert.

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User Xcuseing

„Update 29.06.2017 // 11:00“
Da hat sich jemand im Jahr vertan... (:

Und wie schon erwähnt wurde, sind HDMI-CEC und ARC nicht das Gleiche.

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User miklagard

Als alternative würde ich die Denon Heos empfehlen, die hat Hdmi und unterstützt die wichtigsten Formate.

29.06.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.