Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SmartphoneNovità 1010

BQ Aquaris X2 e X2 Pro: il nuovo marchio spagnolo alla conquista dell’Europa

Il marchio spagnolo BQ ha presentato i suoi nuovi prodotti di punta a Monaco di Baviera: i BQ Aquaris X e X2 Pro. A una prima occhiata, sembra che l’X e l’X2 si battano a una spanna sopra la loro categoria.

Monaco di Baviera, Weststudio. Il nuovo BQ Aquaris X2 e il suo fratello maggiore, l'X2 Pro, vengono presentati al pubblico. È la prima volta che sentiamo parlare del marchio numero 3 nel mercato spagnolo degli smartphone. Nel Mobile World Congress dello scorso anno, il marchio si era già esibito in una performance strepitosa con l'Aquaris X e l'X Pro. Anche in Germania. Ora la serie X2 vuole continuare questo ingresso trionfale. L'obiettivo di BQ? Conquistare l’Europa.

Ravin Dhalani, CTO e co-fondatore di BQ

È lo stesso Ravin Dhalani, CTO e co-fondatore del marchio, a presentare gli ultimi sviluppi. BQ – spiega Dhalani durante l’evento – ha lavorato duramente sull’hardware, ma la sicurezza e la privacy rimangono una priorità assoluta. Il marchio è orgoglioso che tutto – bootloader, hardware e design – sia stato sviluppato a Madrid. Il CTO indossa una maglietta bianca con il logo aziendale e la scritta «Engineering Team» davanti alla stampa. È visibilmente orgoglioso dei suoi dispositivi.

«Non permettiamo che i nostri dispositivi vengano sviluppati al di fuori della nostra sede centrale di Madrid», afferma. E aggiunge che, sebbene i pezzi vengano acquistati da terzi – principalmente da Qualcomm e da altri importanti produttori di chip – vengono ispezionati a fondo.

La serie Aquaris X2: nuova concorrenza a centrocampo

Il motto della serie Aquaris X2 di BQ è semplice: «Abbiamo migliorato ogni singolo dettaglio», dice Dhalani. Suono, immagine, batteria, prestazioni. Ma i dispositivi che presenta all'evento non sono ancora le versioni definitive. La fotocamera deve subire ulteriori modifiche, e non è l’unico componente dello smartphone in queste condizioni. La cosa mi sorprende, perché già durante il primo Hands-on i dispositivi fanno un’ottima impressione.

L'X2 pesa poco più di 150 grammi ed è dotato di uno Snapdragon 636 Qualcomm System-on-a-Chip (SoC). Questo significa prestazioni altissime con poco software, perché BQ si basa sulla partnership con Google, mentre sull’X2 e sull'X2 Pro, suo fratello maggiore, è installato Android One. Ma di questo ne parliamo più approfonditamente tra poco.

«Per quanto riguarda lo sviluppo, abbiamo iniziato dallo schermo», dice Dhalani.

Con una luminosità dello schermo a 650 nits, un vetro da 2.5D – ovvero con una curvatura dello schermo che forma il cosiddetto Infinity Display – e una diagonale dello schermo di 5,65 pollici, il display è dotato di Quantum Color +. I colori non si avvicinano a quelli di un telefono AMOLED, ma è ovvio che BQ non abbia semplicemente installato uno schermo.

I giornalisti lo annotano. Dhalani Parla con orgoglio e passione dei suoi telefoni, anche se il proiettore su cui vuole mostrare la presentazione non funziona. Dal momento che BQ produce anche altri elettrodomestici, scherza: «Forse dovremmo realizzare dei videoproiettori».

Il problema con la fotocamera

Che Dhalani non sia solo un pro del marketing che deve diffondere un messaggio per vendere diventa evidente quando parla della fotocamera dei suoi telefoni. La configurazione della Dual Cam lo aveva un po' preoccupato e così si è trasformato in un nerd.

«Non volevamo introdurre la Dual Cam fino a quando non fossimo sicuri che la qualità dell'immagine non sarebbe stata influenzata da sensori e altri componenti», dice.

Il sensore d’immagine arriva da casa Samsung: l'S5K2L8. È raro trovare uno smartphone con una simile apertura in occasione di eventi stampa. Inoltre, i telefoni sono dotati di uno stabilizzatore video di VidHance, una società svedese.

Dopo infinite ore di test, Dhalani e il suo team ne erano certi: «Sì, ce la facciamo».

Pertanto, l’X2 e l’X2 Pro utilizzano le stesse fotocamere con lo stesso sensore. La Dual Cam è in grado di aggiungere l'effetto bokeh, cioè la profondità di campo. Aggiungi al mix la strana Beauty Mode, che quando scatti un selfie ti fa più bello. Dhalani chiama la modalità Bokeh sia «Bokeh Mode» che «Portrait Mode», si confonde e dice: «O in qualsiasi modo la vogliate chiamare». Il software pensa che si chiami Portrait Mode.

La fotocamera è stata una sfida speciale, dice Ravin Dhalani, CTO di BQ

Anche con la Selfie Cam, BQ non si è risparmiato: anche se il sensore della fotocamera gestisce solo 8 megapixel sul lato anteriore, non è niente male. «Abbiamo investito soldi in questo campo perché è importante per i nostri utenti», dice Dhalani. Ancora una volta, questa apertura insolita e il Dhalani nerd che esce allo scoperto.

Il sensore anteriore supporta anche la modalità Portrait, anche se non ci sono due fotocamere su quel lato. Mentre la fotocamera posteriore combina l'effetto bokeh di due immagini, quella anteriore lo fa con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. «Abbiamo implementato il Deep Learning sulla fotocamera anteriore ed è così che funziona la modalità Portrait», spiega. L'algoritmo prende migliaia di immagini e trae automaticamente delle conclusioni su come dovrebbe essere la foto. È stato sviluppato da un'università spagnola.

Ed è qui che le cose si fanno interessanti. Dhalani mostra uno screenshot dell'applicazione fotocamera. Sembra l'applicazione di Google, ma con tutte le nuove funzionalità che Dhalani introduce, è quasi impossibile che si tratti di un’app Stock (imposta da Google. E infatti l'icona della fotocamera lo rivela a una seconda occhiata: mostra una fotocamera bianca, non quella grigia, che ti è familiare, di Google. Ma la fotocamera integra tutte le tecnologie e le opzioni dell'app di Google, incluso Google Lens. La funzione non è stata ancora implementata, ma «sarà disponibile tra un paio di giorni».

Dhalani è orgoglioso del suo marchio: «Chi ieri ha visto il Google I/O ha visto il nostro logo insieme a tutti i grandi nomi. Per noi, è un vero orgoglio». Glielo concedo, perché Dhalani potrebbe parlare dei suoi telefoni come fan e come nerd all’inifinito. Con gioia, entusiasmo e umorismo. E anche questo è raro, in occasione di eventi stampa.

Le differenze tra i due modelli

La differenza più grande tra l’X2 e l’X2 Pro è che i due telefoni sono forniti di System-on-a-Chip (SoC) diversi.

  • BQ Aquaris X2: Snapdragon 636 con GPU Adreno 509
  • BQ Aquaris X2 Pro: Snapdragon 660 con GPU Adreno 512

«Non ci piacciono i test sintetici, ma alla gente sì», dice, mostrando un punteggio di riferimento di Antutu di poco superiore a 143 000. Arrotonda fino a 150 000 con un sorriso.

Altre caratteristiche

Dal momento che Ravin Dhalani ha molto da dire, ha un pubblico interessato e attento ed è divertente, riassumerò brevemente le altre caratteristiche:

  • Compatibilità aptX
  • Altoparlante stereo
  • SNR 100db in cuffia
  • Batteria 3100 mAh
  • Qualcomm Quickcharge 4+, che promette una ricarica più rapida del 30%
  • 127 ore in standby
  • GPS, Glonass e Galileo come funzioni di navigazione esclusive
  • Bluetooth 5.0
  • Radio FM
  • 4G+

«Ecco perché così tanti produttori eliminano la radio FM», dice Dhalani. «Il fatto è questo: la radio rende il percorso audio del telefono infinitamente più complicato». Infatti, le cuffie servono come antenna per il ricevitore e con il sistema radio FM l'intero sistema audio del telefono deve essere impostato in modo diverso. E, date le dimensioni di uno smartphone, anche se si tratta di un modello con un grande schermo, questo potrebbe portare a una perdita di qualità.

Android One: sviluppo software esterno

BQ è uno dei primi produttori ad affidarsi completamente ad Android One. Questo significa che BQ non dovrebbe sviluppare software internamente all’azienda stessa, se Dhalani e il suo team non fossero ambiziosi.

Designed by Google. Smart, secure, and simply amazing.
android.com/one

La versione breve: Google ha creato una versione di Android più leggera di Android Android. E questo dovrebbe essere un bene per Paesi in via di sviluppo ed emergenti, i cui utenti sono così in grado di utilizzare Android con i patch attuali su dispositivi a prestazioni inferiori e più economici.

Android One promette aggiornamenti su due versioni di Android e aggiornamenti di sicurezza su tre anni

Allo stesso tempo, il settore si lamenta da tempo, perché le ROM Android (versioni modificate del software originale), come quelle di Samsung, non fornirebbero gli aggiornamenti e le patch di sicurezza con sufficiente rapidità. Android One, la versione di Android per il Terzo Mondo, ha suscitato l'interesse del grande pubblico. Infatti, non include alcuna funzionalità superflua, alcuna modifica, nient'altro che l'essenziale. E, cosa più importante, gli utenti ricevono aggiornamenti regolari.

Ed ecco perché Android One, l'Android del terzo mondo, è diventato un vero e proprio ramo dello sviluppo di Google e ha preso le sembianze di nuovo progetto con produttori come BQ. L’Android del Terzo Mondo ora si chiama Android Go e continua a prefiggersi di applicare gli standard più recenti sui telefoni con prestazioni inferiori.

Ma Android One lascia un leggero retrogusto amaro. Se come produttore scegli Android One, sei sicuro di avere le ultime patch di sicurezza – i dispositivi BQ funzionano sulla patch di maggio 2018 – e l'ultimo redesign su Material Design 2, ma anche di rinunciare al controllo. I dati vengono inviati in modo più o meno incontrollabile a Google, e probabilmente puoi limitarti a installare solo alcuni Check e Balances.

In breve: dove una volta Google tendeva la mano, ora l'azienda stringe un pugno di ferro e vuole più controllo, più unità e quindi più potere.

Nessuna immagine

SmartphoneNovità

Der erste Bericht aus München: Der Erstkontakt mit dem BQ Aquaris X2

Ma il pensiero di Google può essere compreso. Perché ai produttori – soprattutto Samsung – piace farsi desiderare quando si tratta di rilasciare aggiornamenti e patch. Di recente la cosa è migliorata, ma con un ciclo di innovazione di un anno non ha senso mantenere aggiornato un dispositivo vecchio di due anni, aggiornare un dispositivo vecchio di due anni e supportare tutte le interfacce hardware e software non ne vale la pena. E gli sviluppatori dovrebbero lavorare su cose più recenti. Dal punto di vista del produttore, la cosa ha senso; ma non agli occhi di Google. Perché Google dovrebbe rilasciare una nuova versione di Android dopo l'altra quando i produttori di telefoni cellulari rimangono mesi e anni indietro rispetto al ciclo di aggiornamento solo perché non riescono ad adattare i loro sistemi?

Ecco che Android One diventa un pacchetto software uniforme e non è più una versione del software per il Terzo Mondo. Aggiornamenti e miglioramenti regolari, buone prestazioni e standard di sicurezza garantiti da Google. E i produttori risparmiano denaro nello sviluppo.

Tuttavia, il fatto che il gruppo non sia riuscito a trovare un nuovo nome per il ramo che si dedica allo sviluppo la dice lunga su Google e sul caos che c’è intorno al software. Tipico di Google.

<strong>Google I/O 2018</strong>: Android P, Google News, Google Lens und mehr.
Smart homeSapere

Google I/O 2018: Android P, Google News, Google Lens und mehr.

Il keynote di ieri su Google I/O ha mostrato una tendenza: Google è ansioso di vedere i produttori aggiornare i loro telefoni a Android P. Forse significa che gli utenti di Android One possono mettere le mani su Android P più velocemente? Gli Ufficiali Google sono ancora sotto copertura, ma se Google supporta il proprio software e lo riproduce immediatamente sui dispositivi, allora lo scenario in cui gli utenti di Android One ricevono la versione corrente di Android subito dopo il suo rilascio è abbastanza realistico.

Ma BQ non è solo un cliente di Android One, perché è anche un co-sviluppatore. «Questo ci onora e ci rende...», esita Dhalani, come se non volesse dire la parola orgoglio; «...molto soddisfatti». In qualità di partner selezionato di Google, i risultati e le ricerche di BQ vengono presi sul serio. I partner devono soddisfare una serie di requisiti, devono anche essere innovativi e coraggiosi. A Dhalani qui sfugge la parola «orgoglio».

Ah, sì, BQ promette «aggiornamenti a due lettere» e aggiornamenti mensili per la sicurezza. Un esempio di aggiornamento a una lettera: l’aggiornamento da Android O a Android P a Android Q. Samsung raramente lo fa.

Alla conquista dell'Europa

Ma ora passiamo al mercato. BQ è sicuro di riuscire a ottenere una buona fetta del mercato europeo. Con una politica dei prezzi aggressiva. Dhalani interrompe la discussione sui prezzi – ti riassumo il discorso: per la stessa fascia di prezzo, BQ offre la stessa qualità di Honor, cioè un ottimo telefono a un ottimo prezzo, e propone il colore argento. «Abbiamo colorato il vetro, cosa che non avevamo mai fatto prima», spiega. Questa storia del colore gli sta particolarmente a cuore, perché interrompe la presentazione piuttosto fluida altre due volte per fare commenti a riguardo.

Durante l’Hands-on, non riesco a dare un'occhiata più da vicino al grigio-argento. La mia conclusione: Non sembra così spettacolare come il Twilight del Huawei P20, ma l'argento si fa comunque notare.

«Sapete, il vostro feedback è estremamente importante per me», dice Dhalani, «perché siamo un produttore europeo per il mercato europeo».

Il workshop che diventa una tavola rotonda

Il concetto di sicurezza di Android One deve essere presentato ai rappresentanti dei media in un workshop subito dopo la presentazione. In realtà la presentazione dovrebbe avvenire in tedesco, ma Dhalani la interrompe quando tocca l'argomento Treble.

Nel sistema Android, i Tremble definiscono un'interfaccia fissa tra l'hardware e il framework Android. È al di sopra del kernel e rappresenta il livello di astrazione hardware (HAL). Il kernel e l'HAL costituiscono il framework. Se il Treble sono integrati, il tempo necessario per configurare l'hardware quando si esegue l'aggiornamento a una versione successiva di Android richiede molto meno tempo.

Dhalani non perde l'occasione di fornirci qualche informazione privilegiata. In inglese. Parla di launcher e di policy di aggiornamento, ci dà un'idea del mercato e ci fa ridere.

  • Crede che l'apertura di BQ nei confronti di sicurezza e di politiche di aggiornamento ne garantirà il successo
  • Questo spiega anche il ritorno di Nokia, che descrive come un vero successo
  • La serie X2 viene eseguita sul kernel Linux 4.4
  • 4.4 ha fissato la fine del ciclo di vita al 2022
  • AOSP-8, la versione open source Android di Google, funziona come ha sempre fatto sulla serie X2
  • Il codice sorgente per la serie Aquaris X2 è aperto e visibile su Github e Codeaurora.
  • Gli sviluppatori amatoriali Aquaris lavorano su LineageOS

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Il <strong>Huawei P20 Pro</strong> stabilisce nuovi standard
video
SmartphoneKnow-how sui prodotti

Il Huawei P20 Pro stabilisce nuovi standard

<strong>Honor 10</strong>: di nuovo tra i top 5
video
SmartphoneNovità

Honor 10: di nuovo tra i top 5

<strong>LG G7</strong>: la serie G mostrerà gli artigli?
video
SmartphoneNovità

LG G7: la serie G mostrerà gli artigli?

User
Giornalista. Autore. Hacker. I miei temi hanno a che fare principalmente con Android o Apple iOS. Anche la sicurezza informatica è molto importante per me, poiché oggi la privacy non è più una questione secondaria bensì una strategia di sopravvivenza.

10 Commenti

Per favore, effettua il login.

Devi effettuare il login per scrivere un nuovo commento.


User gamerrici

Sieht spannend aus. Hoffe darauf, das die Kamera wirklich gut ist! Nach dem OP3 weiss ich, wie sehr mir eine gute Kamera fehlen kann D:

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User raffael.ender

preis/verfügbarkeit?

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User Draze20

Yd 43h56g6.93.

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User raffael.ender

ah cool, danke

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User dynobear

Und auf deutsch?

09.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User tamagotchi_83

pro version ab Julli verfügbar für knapp 499e

10.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

Rispondi
User Mikapfister

Habe mir im Oktober das Aquaris X Pro gekauft und bin bis jetzt sehr zufrieden damit. bq hat übrigens eine unheimlich coole Handy-Hülle fürs Aquaris x/x Pro, schaut euch die mal auf ihrer Website an (ich rede vom "Duo Black Case").

15.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.

User nils_mue

Wie sieht das mit der Netzabdeckung aus? Anscheinend wird ja das Band 8 nicht unterstützt (dafür Band 20). Ich bin mit diesen verschiedenen Bandtypen nicht sehr vertraut.

20.05.2018
Segnala abuso

Devi essere connesso al tuo account per segnalare un abuso.